Salute 31 Ottobre 2018

Oncologia, Marchetti: «Attenti a malnutrizione, riduce tollerabilità dei trattamenti. Serve legge su valutazione nutrizionale»

Il professore di Oncologia Medica de La Sapienza ha aderito alla call to action sul tema lanciata dalla Sinuc: «Pazienti hanno diritto a non vedere la propria situazione clinica aggravata anche dalla malnutrizione»

Immagine articolo

Una corretta terapia nutrizionale può svolgere un ruolo essenziale nel percorso terapeutico e migliorare la tolleranza dei farmaci. Questo anche alla luce dei dati dello studio italiano PreMio (Prevalence of Malnutrition in Oncology) secondo i quali oltre il 50% dei pazienti oncologici è malnutrito e il 28% di chi ha il cancro ha perso più del 10% del peso già nelle fasi iniziali della malattia. Per questo la Sinuc, Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo, ha promosso una call to action rivolta a medici e istituzioni per arrivare a una legge nazionale che regolamenti e garantisca l’accesso uniforme ai trattamenti di nutrizione clinica ed artificiale domiciliare sia nel periodo delle cure attive che in quello delle cure palliative. Ne abbiamo parlato con Paolo Marchetti, Direttore del reparto di Oncologia dell’Ospedale Sant’Andrea e professore ordinario di Oncologia Medica alla Sapienza di Roma.

Professore, parliamo di malnutrizione in oncologia. I dati testimoniano che il 65% dei pazienti alla prima visita oncologica soffre di malnutrizione. Voi cosa proponete per porre rimedio a questo problema?

«Innanzitutto dobbiamo rilevare come la malnutrizione abbia conseguenze cliniche particolarmente pericolose perché riduce la tollerabilità dei trattamenti e quindi in una parola riduce le possibilità che ha il paziente di essere curato nel migliore dei modi. Visto che in questi ultimi anni molti tentativi sono stati fatti per introdurre la valutazione dello stato nutrizionale come elemento preliminare di una valutazione clinica più ampia del paziente oncologico, direi che siamo giunti al momento in cui si auspica l’introduzione di una legge che renda non dico obbligatorio ma comunque contempli in maniera importante questa valutazione nutrizionale e dia ai medici gli strumenti idonei per poter utilizzare questo tipo di informazioni nella loro pratica clinica quotidiana. Solo in questo modo riusciremo a garantire ai pazienti il riconoscimento di un diritto: quello di non vedere la propria situazione clinica aggravata anche dalla malnutrizione oltre che dalla patologia oncologica».

LEGGI ANCHE: MALNUTRIZIONE IN ONCOLOGIA, PER COMBATTERLA ‘CALL TO ACTION’. MUSCARITOLI (SINUC):«NESSUNA EVIDENZA CHE DIGIUNO DIMINUISCA MASSE TUMORALI»

Lei è un oncologo: abbiamo visto dai dati che un paziente malnutrito ha una aspettativa di vita più bassa. Quanto incide l’alimentazione per un malato oncologico?

«Incide in maniera importantissima non solo perché gli errori alimentari possono favorire la comparsa di una o l’altra neoplasia ma perché alterazioni dello stato nutrizionale possono avere conseguenze particolarmente negative sulla tolleranza dei trattamenti e quindi in una parola sulla capacità di guarire i nostri malati».

Articoli correlati
“Scuola e giochi in corsia”: al via il progetto di AIEOP e Amgen per aiutare i piccoli pazienti oncoematologici
L’iniziativa, che coinvolge già 9 ospedali in Italia, ha come obiettivo una sempre maggiore umanizzazione delle cure ed una presa in carico del paziente a 360 gradi
Cancro e coronavirus, le paure di oncologi e pazienti finiti “fra Scilla e Cariddi”
Il racconto di un oncologo sul New England Journal of Medicine: «Mi aspetto un picco bimodale, le morti dei pazienti oncologici con Covid e quelle dei tanti che hanno visto le cure indebolite o rimandate»
di Tommaso Caldarelli
Ospedale sicuro, Santini (Campus): «Con triage telefonico e televisita meno attese e maggiore tutela per i pazienti oncologici»
Al Campus Bio-Medico riorganizzato il Day-Hospital di oncologia. Il Responsabile Daniele Santini: «Nessun caso di covid nei nostri pazienti: attivati percorsi protetti e tutte le precauzioni necessarie per ridurre al massimo la possibilità di infezione»
Tumore HER2 positivo o mutato, trastuzumab deruxtecan può migliorare la prognosi dei pazienti
Dopo l’approvazione dell’FDA per il trattamento del carcinoma mammario metastatico HER2 positivo, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan di Daiichi Sankyo e Astrazeneca ha dimostrato risposte tumorali clinicamente significative anche nel carcinoma gastrico HER-positivo, nel carcinoma polmonare non a piccole cellule con mutazione HER2 e nel carcinoma colorettale HER2 positivo. Al Congresso Virtuale dell’American Society of Clinical Oncology i risultati dei trial di Fase II DESTINY-Gastric01, DESTINY-Lung 01, DESTINY-CR01
Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»
Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]
di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli