Salute 29 Aprile 2024 19:33

OMS. I vaccini hanno salvato almeno 154 mln di vite negli ultimi 50 anni. 101 milioni sono neonati

Lo studio ha rilevato che per ogni vita salvata attraverso l’immunizzazione, sono stati guadagnati in media 66 anni di piena salute. Tra i vaccini inclusi nello studio, la vaccinazione contro il morbillo ha avuto l’impatto più significativo sulla riduzione della mortalità infantile

OMS. I vaccini hanno salvato almeno 154 mln di vite negli ultimi 50 anni. 101 milioni sono neonati

Gli sforzi globali di immunizzazione hanno salvato circa 154 milioni di vite, 6 vite ogni minuto di ogni anno, negli ultimi 50 anni. La stragrande maggioranza delle vite salvate, pari a 101 milioni sono state quelle di neonati.

È quanto emerge da uno studio di riferimento pubblicato su The Lancet e condotto dallOms che mostra come limmunizzazione sia il più grande contributo di qualsiasi intervento sanitario per garantire che i bambini non solo vedano il loro primo compleanno, ma continuino a condurre una vita sana fino alletà adulta.

Tra i vaccini inclusi nello studio, la vaccinazione contro il morbillo ha avuto limpatto più significativo sulla riduzione della mortalità infantile, rappresentando il 60% delle vite salvate grazie allimmunizzazione. Questo vaccino rimarrà probabilmente il principale contributore alla prevenzione dei decessi in futuro.

Negli ultimi 50 anni, la vaccinazione contro 14 malattie (difterite, Haemophilus influenzae di tipo B, epatite B, encefalite giapponese, morbillo, meningite A, pertosse, pneumococco invasivo, poliomielite, rotavirus, rosolia, tetano, tubercolosi e febbre gialla) ha contribuito direttamente a ridurre le morti infantili del 40% a livello globale e di oltre il 50% nella regione africana.

I vaccini sono tra le invenzioni più potenti della storia, che rendono prevenibili malattie un tempo temute – ha dichiarato il direttore generale dellOms, Tedros Adhanom Ghebreyesus – grazie ai vaccini, il vaiolo è stato debellato, la poliomielite è sullorlo del baratro e, con il più recente sviluppo di vaccini contro malattie come la malaria e il cancro cervicale, stiamo spingendo indietro le frontiere della malattia. Con la ricerca, gli investimenti e la collaborazione continui, possiamo salvare milioni di vite in più oggi e nei prossimi 50 anni.

Lo studio ha rilevato che per ogni vita salvata attraverso limmunizzazione, sono stati guadagnati in media 66 anni di piena salute, con un totale di 10,2 miliardi di anni di piena salute guadagnati nei cinque decenni. Come risultato della vaccinazione contro la poliomielite, oggi sono in grado di camminare più di 20 milioni di persone che altrimenti sarebbero rimaste paralizzate, e il mondo è sul punto di eradicare la poliomielite, una volta per tutte.

Questi progressi nella sopravvivenza infantile, sottolinea una nota dell’Oms, evidenziano limportanza di proteggere i progressi dellimmunizzazione in ogni paese del mondo e di accelerare gli sforzi per raggiungere i 67 milioni di bambini che hanno perso uno o più vaccini durante gli anni della pandemia.

Sforzi monumentali per aumentare laccesso alla vaccinazione nellarco di cinque decenni Pubblicato in vista del 50° anniversario dell’Expanded Programme on Immunization (EPI) che si terrà nel maggio 2024, lo studio è lanalisi più completa dellimpatto sulla salute globale e regionale del programma negli ultimi cinque decenni. Obiettivo originale dellEPI era quello di vaccinare tutti i bambini contro la difterite, il morbillo, la pertosse, la poliomielite, il tetano, la tubercolosi e il vaiolo, lunica malattia umana mai debellata. Oggi, il programma, ora indicato come il Programma Essenziale per lImmunizzazione, include raccomandazioni universali per la vaccinazione contro 13 malattie e raccomandazioni specifiche per il contesto per altre 17 malattie, estendendo la portata dellimmunizzazione oltre i bambini, agli adolescenti e agli adulti.

Lo studio evidenzia che meno del 5% dei neonati a livello globale aveva accesso allimmunizzazione di routine quando è stato lanciato lEPI. Oggi, l 84% dei neonati è protetto con tre dosi del vaccino contro difterite, tetano e pertosse (DTP), il marcatore globale per la copertura vaccinale.

Quasi 94 milioni dei circa 154 milioni di vite salvate dal 1974 sono state il risultato della protezione dei vaccini contro il morbillo. Eppure, nel 2022 ci sono stati ancora 33 milioni di bambini che hanno saltato una dose di vaccino contro il morbillo: quasi 22 milioni hanno saltato la prima dose e altri 11 milioni hanno saltato la seconda dose.

È necessaria una copertura del 95% o superiore con 2 dosi di vaccino contro il morbillo per proteggere le comunità dalle epidemie, evidenzia la nota Onu. Attualmente, il tasso di copertura globale della prima dose di vaccino contro il morbillo è dell83% e della seconda dose è del 74%, contribuendo a un numero molto elevato di focolai in tutto il mondo.

Grazie alle vaccinazioni, più bambini sopravvivono e prosperano oltre il loro quinto compleanno che in qualsiasi altro momento della storia – ha dichiarato il Direttore generale dellUnicef Catherine Russell – questo enorme risultato è un merito degli sforzi collettivi dei governi, dei partner, degli scienziati, degli operatori sanitari, della società civile, dei volontari e degli stessi genitori, che tirano tutti nella stessa direzione di mantenere i bambini al sicuro da malattie mortali. Dobbiamo sfruttare lo slancio e garantire che ogni bambino, ovunque, abbia accesso alle vaccinazioni salvavita.

Nel 2000, Gavi, lAlleanza per i vaccini, che include lOms, lUnicef e la Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF) come membri fondatori, è stata creata per espandere limpatto dellEPI e aiutare i paesi più poveri del mondo ad aumentare la copertura, beneficiare di nuovi vaccini salvavita ed espandere lampiezza della protezione contro un numero crescente di malattie prevenibili con i vaccini. Questo sforzo intensificato nelle parti più vulnerabili del mondo ha contribuito a salvare più vite umane e a promuovere ulteriormente lequità dei vaccini.

Gavi è stata istituita per sfruttare la partnership e i progressi resi possibili da EPI, intensificando lattenzione sulla protezione dei più vulnerabili in tutto il mondo, ha dichiarato lSania Nishtar, CEO di Gavi, lAlleanza per i vaccini. In poco più di due decenni abbiamo assistito a progressi incredibili, proteggendo più di un miliardo di bambini, contribuendo a dimezzare la mortalità infantile in questi paesi e fornendo miliardi di benefici economici. I vaccini sono davvero il miglior investimento che possiamo fare per garantire che tutti, indipendentemente da dove nascono, abbiano lo stesso diritto a un futuro sano: dobbiamo garantire che questi sforzi siano completamente finanziati per proteggere i progressi compiuti e aiutare i paesi ad affrontare le attuali sfide dei loro programmi di immunizzazione.

I programmi di immunizzazione sono diventati il fondamento dei servizi sanitari di base nelle comunità e nei paesi grazie alla loro vasta portata e alla loro ampia copertura. Forniscono non solo unopportunità per la vaccinazione, ma consentono anche di fornire altre cure salvavita, tra cui il supporto nutrizionale, la prevenzione del tetano materno, lo screening delle malattie e la distribuzione di zanzariere per proteggere le famiglie da malattie come la malaria.

Poiché lo studio copre solo limpatto sulla salute della vaccinazione contro 14 malattie, il numero di vite salvate grazie alla vaccinazione è una stima prudente e non un resoconto completo dellimpatto salvavita dei vaccini. Anche gli impatti sociali, economici o educativi sulla salute e sul benessere nel corso dei 50 anni hanno contribuito a ridurre ulteriormente la mortalità. Oggi esistono vaccini per proteggere da più di 30 malattie potenzialmente letali.

Sebbene il vaccino HPV, che protegge dal cancro cervicale negli adulti, non sia stato incluso nello studio, si prevede che prevenga un numero elevato di decessi futuri mentre i paesi lavorano per aumentare gli obiettivi di immunizzazione volti a eliminare il cancro cervicale entro il 2030. Lintroduzione di nuovi vaccini, come quelli per la malaria, il COVID-19, il virus respiratorio sinciziale (RSV) e la meningite, nonché i vaccini contro il colera e lEbola utilizzati durante le epidemie, salveranno ulteriormente vite umane nei prossimi 50 anni.

Salvare altri milioni di persone è umanamente possibile I programmi di immunizzazione globali hanno dimostrato ciò che è umanamente possibile quando molte parti interessate, tra cui capi di stato, agenzie sanitarie regionali e globali, scienziati, enti di beneficenza, agenzie umanitarie, aziende e comunità lavorano insieme.

Oggi, lOms, lUnicef, Gavi e il Bmgf presentano Humanly Possible, una campagna congiunta che segna lannuale Settimana mondiale dellimmunizzazione, dal 24 al 30 aprile 2024. La campagna di comunicazione mondiale invita i leader mondiali a sostenere, sostenere e finanziare i vaccini e i programmi di immunizzazione che forniscono questi prodotti salvavita, riaffermando il loro impegno per la salute pubblica, celebrando al contempo uno dei più grandi successi dellumanità. I prossimi 50 anni di EPI richiederanno non solo di raggiungere i bambini che non hanno i vaccini, ma anche di proteggere i nonni dallinfluenza, le madri dal tetano, gli adolescenti dallHPV e tutti dalla tubercolosi e da molte altre malattie infettive.

È stimolante vedere ciò che i vaccini hanno reso possibile negli ultimi 50 anni, grazie agli sforzi instancabili dei governi, dei partner globali e degli operatori sanitari per renderli più accessibili a più persone, ha dichiarato Chris Elias, presidente dello sviluppo globale presso la Bill & Melinda Gates Foundation. Non possiamo lasciare che questo incredibile progresso vacilli. Continuando a investire nellimmunizzazione, possiamo garantire che ogni bambino – e ogni persona – abbia la possibilità di vivere una vita sana e produttiva.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...