Salute 17 Febbraio 2023 11:27

Omeopatia, un italiano su due la utilizza e ne è soddisfatto: la ricerca

Boiron, con l’indagine “Omeopatia: conoscenza e utilizzo in Italia” condotta da Harris Interactive, ha misurato il comportamento e la percezione degli italiani nei confronti dei medicinali omeopatici. I risultati

Omeopatia, un italiano su due la utilizza e ne è soddisfatto: la ricerca

Sono naturali, efficaci e privi di effetti collaterali: è per questo che gli italiani scelgono i trattamenti omeopatici. Oltre la metà dei cittadini del Belpaese, il 57%, ha utilizzato l’omeopatia nel corso della propria vita. In 8 casi su dieci il trattamento ha soddisfatto pienamente i pazienti e il 60% della popolazione pensa di ricorrere all’omeopatia in futuro. La fotografia emerge dall’indagine “Omeopatia: conoscenza e utilizzo in Italia”, condotta per Boiron, a ottobre 2022, da Harris Interactive, importante società di indagini di mercato a livello internazionale. Gli esperti hanno intervistato oltre mille italiani, formando un campione eterogeneo per genere, età, situazione socio-economica e provenienza geografica.

Omeopatia: sicura ed efficace

«Quanto emerge dall’indagine conferma un’evidenza che riscontriamo quotidianamente: sono molti gli italiani che scelgono di affidarsi all’omeopatia, una terapia umana, rispettosa dell’individuo e sicura, per trattare problemi di salute o per migliorare la qualità di vita in alcune specifiche circostanze – commenta Silvia Nencioni, Amministratrice Delegata e Presidente di Boiron Italia -. Questa indagine, inoltre, sottolinea alcuni elementi distintivi dell’omeopatia: è opinione condivisa che gli omeopatici siano medicinali sicuri ed efficaci, di cui viene anche apprezzata la naturalità e l’assenza di effetti collaterali. Un’opportunità terapeutica che consente, da parte dei professionisti della salute, una presa in carico globale di tutti i pazienti».

Gli italiani si fidano dell’omeopatia

L’omeopatia non solo è utilizzata, ma chi ne fa uso ne ha anche un’adeguata conoscenza: «Il 66% degli italiani ha fiducia nella medicina omeopatica e il 77% la ritiene complementare alla medicina convenzionale», dice Andrea Ladina, direttore marketing Boiron Italia, illustrando i dati dell’indagine. Tuttavia, per raggiungere un buon livello di consapevolezza è ancora necessario fare corretta informazione: «L’86% degli italiani, infatti – continua Landina – ha dichiarato  di conoscere l’omeopatia, ma solo il 26% sarebbe in grado di parlarne e spiegarla nel modo corretto».

Puntare sulla comunicazione

La necessità di incrementare la comunicazione sull’omeopatia è stata sottolineata anche da Bruno Galeazzi, medico internista e presidente FIAMO (Federazione Italiana Associazioni e Omeopati Italiani). «Oggi i pazienti sono molto più informati e consapevoli rispetto al passato. Per questo, ritengo sia doveroso, da parte del professionista della salute, trovare il giusto approccio per informarli in modo adeguato – commenta Galeazzi – . Noi come omeopati italiani, assieme alle altre associazioni che rappresentano questa categoria, stiamo lavorando insieme sulla comunicazione dell’omeopatia, per renderla comprensibile e accessibile a molte più persone».

Il futuro dell’omeopatia

Dal sondaggio emerge che 6 italiani su 10 pensano di ricorrere all’omeopatia in futuro. Tale scelta si basa su vari punti di forza riconosciuti ai medicinali omeopatici. Per oltre la metà degli intervistati (57%) sono naturali, consentono di non utilizzare farmaci chimici (per il 45%), rappresentano un trattamento efficace (26%) e un’alternativa migliore per la propria salute (24%). Tra coloro che ne ipotizzano l’utilizzo in futuro, il 45% afferma che si rivolgerebbe prima a un medico omeopata o a un medico generico, mentre il 40% chiederebbe direttamente al proprio farmacista. «Il 72% degli italiani riconosce la farmacia come il luogo più adatto per l’acquisto dei medicinali omeopatici – sottolinea il direttore marketing Boiron Italia, Andrea Ladina – Il 38% degli italiani vorrebbe che l’omeopatia fosse proposta più spesso dagli specialisti della salute e circa il 40% – conclude il direttore marketing – vorrebbe associare l’omeopatia alle terapie convenzionali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...