Salute 14 Novembre 2018

Odontoiatria, operativa prima unità mobile in Lombardia. Seghezzi (ISI): «Attrezzata per emergenze o situazioni di calamità naturale»

Uno ‘studio’ medico mobile equipaggiato per effettuare visite di screening sul territorio, organizzare e partecipare ad iniziative di sensibilizzazione sui temi della prevenzione delle patologie del cavo orale, ma anche per rispondere ai bisogni della comunità

A Milano c’è un motivo in più per sorridere: operativa la prima unità mobile odontoiatrica in Lombardia, tra le prime in Italia, realizzata dall’Istituto Stomatologico Italiano di Milano anche con il contributo di Fondazione Cariplo. Ideata per facilitare l’accesso alle cure dei cittadini fragili e sensibilizzare la comunità sui temi della prevenzione delle patologie del cavo orale e in particolare dello screening del cancro orale, per il quale nello specifico il Presidente dell’Istituto Stomatologico Italiano, Andrea Edoardo Bianchi, ha richiesto il patrocinio dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Milano.

La Regione Lombardia è da sempre attenta ai bisogni dei pazienti più fragili e degli anziani, anche in virtù del fatto che risulta essere la regione italiana con il maggior numero di persone con disabilità con la presenza di oltre 500 mila disabili. «L’unità mobile odontoiatrica – ha dichiarato il Direttore Generale dell’Istituto Stomatologico Italiano, Dario Seghezzi – è attrezzata anche per poter intervenire, in accordo con gli Enti e le Istituzioni preposte e ottenute le autorizzazioni necessarie, in occasione di emergenze o situazioni di calamità naturale, rispondendo così ai bisogni odontoiatrici più urgenti della popolazione».

L’unità mobile è un automezzo dotato di riunito dentale e apparecchiature specialistiche, ideato non solo per effettuare visite di screening sul territorio, organizzare e partecipare ad iniziative di sensibilizzazione sui temi della prevenzione delle patologie del cavo orale, ma anche per rispondere ai bisogni della comunità in termini di mobilità, con la possibilità di erogare prime visite e prestazioni odontoiatriche direttamente presso i Centri Diurni Disabili, le Residenze Sanitarie Assistenziali e altre strutture e associazioni che si occupano di fragilità. Al termine del necessario iter autorizzativo, l’unità mobile potrà integrare così ulteriormente i servizi offerti dal progetto Accesso Disabilità e fragilità alle cure Odontoiatriche (ADO), formalizzato nel 2014 dall’Istituto e che ha coinvolto sino ad oggi oltre 2000 pazienti di cui oltre 900 con gravi disabilità psico-fisiche.

Articoli correlati
‘Involontario’: la web serie girata all’Istituto Nazionale Tumori. Lucchini (Presidente IRCCS): «Coniugare eccellenza medica a umanità»
Da settembre su MTV.it la prima serie girata interamente in un ospedale vero e in attività. «Strumento utile per avvicinare giovani a temi sociali» così Sergio Urbani, Presidente Fondazione Cariplo che ha firmato il progetto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo