Salute 5 Aprile 2024 12:18

Obesità, e se fosse tutta “colpa” della genetica? Scovati due geni capaci di aumentare il rischio fino a 6 volte

I ricercatori: “A differenza dei geni dell’obesità precedentemente identificati, le varianti in BSN e APBA1 non sono associate all’obesità infantile e mettono in luce un nuovo meccanismo biologico che regola il controllo dell’appetito”

di I.F.
Obesità, e se fosse tutta “colpa” della genetica? Scovati due geni capaci di aumentare il rischio fino a 6 volte

Se sei obeso la “colpa” potrebbe essere dei tuoi geni. I ricercatori dell’Università di Cambridge hanno identificato due geni (BSN e APBA1) capaci di aumentare fino a sei volte il rischio di obesità. Per giungere a questa conclusione gli scienziati hanno utilizzato i dati della Biobanca britannica relativi a oltre 500mila individui. “L’obesità è un importante fattore di rischio per molte malattie comuni e ha una sostanziale componente ereditaria – spiegano i ricercatori nell’abstract della ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Genetics – . Per identificare nuovi determinanti genetici, abbiamo eseguito analisi della sequenza dell’esoma (un analisi che rappresenta ormai il ‘gold-standard’ per la diagnosi di malattie genetiche rare ed ultra-rare, ndr) per l’indice di massa corporea (BMI) in 587.027 adulti”.

I geni correlati all’obesità

Dalle analisi effettuate è emerso che le varianti genetiche di BSN (noto anche come Bassoon), che interessano un adulto su 6.500, possono aumentare il rischio di obesità fino a sei volte e sono anche associate a un aumento del rischio di malattia epatica (fegato grasso) non alcolica e di diabete di tipo 2. “Abbiamo identificato rare varianti con perdita di funzione in due geni (BSN e APBA1) con effetti sostanzialmente più importanti di quelli di geni dell’obesità ben consolidati come MC4R. A differenza della maggior parte degli altri geni correlati all’obesità – sottolineano gli esperti – le varianti rare di BSN e APBA1 non erano associate a variazioni normali nell’adiposità infantile”.

Scovato un nuovo meccanismo biologico che regola il controllo dell’appetito

In altre parole, a differenza dei geni dell’obesità precedentemente identificati, le varianti in BSN e APBA1 non sono associate all’obesità infantile. Per questo, i ricercatori credono di aver scoperto un nuovo meccanismo biologico per l’obesità, diverso da quelli già noti e collegati a altri geni dell’obesità precedentemente identificati. “Questi risultati rappresentano un altro esempio del potere degli studi genetici su larga scala nel migliorare la nostra comprensione delle basi biologiche della malattia – spiega John Perry, autore dello studio -. Le varianti genetiche che identifichiamo in BSN conferiscono alcuni degli effetti più grandi sull’obesità, sul diabete di tipo 2 e sul fegato grasso osservati fino ad oggi e mettono in luce un nuovo meccanismo biologico che regola il controllo dell’appetito”.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...