Salute 31 Gennaio 2024 13:44

Natura e benessere: passeggiare nel verde migliora i livelli di attenzione

I ricercatori dell’Università di Utah hanno utilizzato un elettroencefalogramma (EEG) per registrare l’attività elettrica del cervello e misurare la capacità di attenzione dei 92 partecipanti

di I.F.
Natura e benessere: passeggiare nel verde migliora i livelli di attenzione

Il bisogno di entrare in contatto con la natura potrebbe essere insito nel Dna di ognuno di noi, tanto che trascorrere una vita intera in luoghi eccessivamente urbanizzati potrebbe addirittura mettere a rischio il nostro stato di salute globale. L’avvertimento arriva dai ricercatori dell’Università di Utah che, attraverso una ricerca e pubblicata su Scientific Reports, hanno mostrato i benefici di una semplice passeggiata nel verde. Immergersi nella natura, meglio se col telefono in tasca spento o silenziato, potrebbe migliorare i livelli di attenzione.

Dal giardino alle strade asfaltate: ecco come cala l’attenzione

Per condurre lo studio gli autori si sono serviti del giardino botanico dell’Università di Utah e di un elettroencefalogramma (EEG). La strumentazione medica è stata utilizzata per registrare l’attività elettrica del cervello e misurare la capacità di attenzione dei partecipanti. I ricercatori hanno analizzato i dati dell’EEG di 92 individui. La misurazione dell’attività elettrica del cervello di ognuno è stata registrata immediatamente prima e subito dopo aver passeggiato per 40 minuti. Lo scenario, però, non è stato il medesimo per tutti: metà del gruppo ha camminato attraverso Red Butte, l’arboreto sulle colline a est dell’università, e l’altra metà ha attraversato il vicino campus medico del tutto asfaltato.

Riconciliarsi con la natura per recuperare le energie

Ma non è tutto: gli esperti hanno utilizzato delle tecniche ben precise per testare l’attenzione dei partecipanti. Prima hanno provveduto a ‘stancarli’ chiedendo loro di contare all’indietro da mille a sette, così da esaurirne le riserve di attenzione. Solo successivamente hanno svolto il test sull’attenzione post-camminata. “I partecipanti che avevano camminato nella natura hanno mostrato un miglioramento nella loro attenzione esecutiva. Lo stesso non è stato riscontrato tra coloro che avevano passeggiato percorrendo strade asfaltate”, spiegano gli autori. I ricercatori dell’Università di Utah, data la rigorosità e i precisi termini di controllo dello studio, sono soddisfatti dei risultati ottenuti e ritengono che in base a questi si possa davvero affermare che sia “l’esposizione alla natura a produrre gli effetti cognitivi positivi osservati”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...