Salute 18 Luglio 2022 15:19

Nasce Gamed, la proposta edugaming di McCANN Health

Un nuovo hub per soddisfare in modo ludico ed efficace le esigenze dell’ecosistema healthcare

McCANN Health Italia, agenzia di comunicazione full-service per l’healthcare specializzata nella strategia promozionale e medico-educativa, PR, consulenza, market access e public affairs, si avvicina ulteriormente alle esigenze dei propri clienti e introduce nel suo portafoglio Gamed. Si tratta di un team dedicato alla creazione di giochi, digital e phygital, a scopo educativo nell’health, con l’obiettivo di raggiungere tutti i target appartenenti all’ecosistema sanitario: dagli esperti ed operatori del settore fino ai pazienti e alle associazioni che li rappresentano.

«L’esperienza ludica è sempre stata un’importante alleata dell’apprendimento, che ci ha aiutati a capire e ad imparare fin da bambini». Afferma Alessio Carli, CEO e Partner di McCANN Health Italia. «Oggi la tecnologia è un ulteriore facilitatore, che consente di applicare con maggiore semplicità dinamiche di gioco in contesti non ludici, favorendo così l’interesse e di conseguenza l’apprendimento. Riteniamo, quindi, fondamentale introdurre questo approccio tra i servizi che offriamo, al fine di soddisfare le esigenze dei nostri clienti in modo completo per arrivare all’obiettivo comune: migliorare la vita dei pazienti».

Gamed offre una varietà di opportunità di sviluppo dell’esperienza ludica, sia essa digitale, fisica o phygital, con proposte di edugaming:

  • personalizzabili sulla base delle specifiche necessità,
  • scientificamente modulabili su differenti livelli a seconda delle esigenze di approfondimento scientifico,
  • di rapida comprensione e realizzazione, che siano efficaci in base al tempo a disposizione,
  • basate sulla new childhood philosophy, riprendendo modalità di gioco che la nostra memoria già conosce,
  • phygital, ovvero, giocate in una nuova modalità in cui fisico e digitale si fondono,
  • ready-to-play, con poche regole chiare che consentano un immediato inizio al gioco.

La nascita di GAMED rappresenta un’importante opportunità per l’ecosistema health. Aumenta l’ingaggio agli eventi promozionali e ai corsi di Educazione Continua in Medicina (ECM), arricchendo l’esperienza degli utenti e accrescendo l’entusiasmo e il team building. L’approccio edugaming migliora, inoltre, l’esperienza di apprendimento nei training dei professionisti della sanità e incrementa le campagne di sensibilizzazione valorizzandone i messaggi.

«Siamo molto orgogliose di gestire questo nuovo progetto, che coinvolge un team multifunzionale di persone altamente preparate allo scopo di migliorare l’esperienza, l’ingaggio e l’apprendimento in ambito medico», affermano Alessandra Battezzati e Chiara Corti, Responsabili dell’hub GAMED di McCANN Health. Il gioco è un forte motivatore per svolgere compiti che, sulla carta, potrebbero risultare poco interessanti o complessi. Fin dall’infanzia, tutti noi abbiamo usato il gioco per imparare: perché smettere da adulti? Questa è la domanda che amplia la nostra visione e che ci ha spinte alla creazione e poi alla realizzazione di questo nuovo approccio che arricchisce l’offerta per i nostri clienti».

L’edugaming è considerato dai clinici una grande occasione di sviluppo. Secondo la terza wave di Health Communication Reshaping, l’Osservatorio realizzato in collaborazione con SGR Lifecycle nei primi mesi del 2022 e che ha coinvolto 650 clinici, più di due terzi degli intervistati si dice interessato a partecipare a un percorso di formazione che utilizzi l’edugaming. L’indagine conferma e cristallizza l’interesse già emerso grazie ai risultati ottenuti con la stessa ricerca l’anno precedente.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sintomi di gravidanza, come riconoscerli sin dalle primissime settimane
Bifulco (Federico II): «Lo status emotivo della donna influenza il livello delle sensazioni. Non accorgersi di essere incinte? Da un certo punto in poi è impossibile»
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale