Salute 20 Settembre 2018

Narcisismo, una patologia sottovalutata. De Berardis: «La terapia è vitale non solo per il malato ma per la comunità»

«Si tratta di una malattia molto diffusa ma raramente arriva all’osservazione medica. Spesso viene confusa con la depressione», l’intervista a Domenico De Berardis, psichiatra e psicoterapeuta in servizio nell’ASL di Teramo

Immagine articolo

Secondo la mitologia greca Narciso, figlio di una ninfa e di un dio marino, s’innamorò della sua immagine riflessa in un lago e nel tentativo di baciarla affogò. «Eppure i ‘narcisisti’ patologici più che far male a loro stessi fanno del male agli altri», spiega ai microfoni di Sanità Informazione Domenico De Berardis, psichiatra e psicoterapeuta in servizio nell’ASL di Teramo specializzato nel trattare disturbi borderline di personalità.

«Il narcisista patologico – prosegue lo psichiatra -, è affetto da un’ipertrofia dell’io, si tratta di un soggetto che deve essere amato e considerato al di sopra degli altri e che si considera lui stesso superiore a tutti coloro che lo circondano dei quali ha un’opinione svalutante e squalificante».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

La patologia narcisista può manifestarsi con diverse sfumature «può essere di tipo benigno – prosegue De Berardis -, quindi palesarsi solo in alcune fasi della vita per poi addormentarsi. Purtroppo esiste anche il narcisismo maligno (ndr. Dalla definizione di Otto Kernberg, psichiatra austriaco) un disturbo molto pericoloso soprattutto per chi entra in contatto con questi individui».

Il narcisista maligno è anche definito ‘manipolatore perverso’, maestro dell’inganno che riesce a plasmare con la sua arte del raggiro affettivo, le persone che gli stanno accanto con il fine di renderle strumenti a sua disposizione e, qualora non siano rispondenti alle sue aspettative, disfarsene. «Uccidendole in alcuni casi», precisa lo psichiatra. «Proprio per evitare queste situazioni, il mio consiglio è di non accettare mai inviti da queste persone (anche se c’è solo un vago sospetto possano essere pericolose). Quando si ha la consapevolezza di avere di fronte un narcisista o comunque un soggetto che manifesta questi sintomi, meglio starne alla larga perché l’imprevedibilità delle sue azioni mette seriamente a rischio chi si ritrova con lui nel momento sbagliato al posto sbagliato».

«Per il narcisista maligno qualsiasi cosa sfugga al suo controllo ossessivo, diventa una sfida. Per esempio -prosegue -, se un narcisista uomo viene lasciato da una donna (peraltro il narcisista tende a cercare persone dell’altro sesso che più si confanno all’idea di dominio) può diventare molto aggressivo sia verbalmente che fisicamente, e lì bisogna stare attenti perché molte tipologie di stalker sono narcisisti veri e propri che hanno sviluppato un delirio persecutorio anche nei confronti della persona che non riescono a controllare. Quando c’è questo tipo di comportamento il mio consiglio è quello di non accettare mai confronti perché, non sempre ma spesso, possono degenerare»

Il narcisismo è un disturbo che pur rientrando nelle patologie borderline di personalità, ancora oggi è sottovalutato. «In realtà si tratta di una malattia molto diffusa ma raramente arriva all’osservazione medica. Spesso viene confusa con la depressione. In quanti casi di cronaca nera ‘l’assassino di turno’ viene definito ‘depresso’? Bene, spessissimo non si tratta di depressione ma di disturbo borderline riferibile al narcisismo. Si tratta di soggetti ‘psicopatici e antisociali’ in alcuni casi con manie persecutorie. Infatti spesso capita che questi individui denuncino sul lavoro i colleghi o superiori per mobbing, senza capire che l’isolamento che gli viene riservato è un meccanismo di difesa di chi gli sta intorno».

«È importante curare questa patologia pericolosa non solo per l’individuo ma per l’intera comunità. È comunque bene fare una precisazione: il narcisista benigno può essere sottoposto a terapia e guarire del tutto, il narcisismo maligno, ad uno stato molto avanzato, purtroppo non sempre regredisce».

Fonti: La psicopatologia psicoanalitica – SIPRe − Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ed indirizzo “Psicoanalisi della Relazione”

 

Articoli correlati
Aumentano i giovani con disturbi mentali: 8.000 in più nel 2016
È stato presentato, nella seduta congiunta della commissioni Politiche per la salute e Scuola, Giovani e Cultura della Regione Emilia-Romagna, il programma regionale sui percorsi di salute mentale per gli adolescenti. Dal 2010 al 2016 le persone con età compresa tra i 14 e i 25 anni ricoverati nei dipartimenti di salute mentale sono aumentati. […]
Gli studenti non rivogliono i manicomi, ma pensano che la malattia mentale sia pericolosa e imprevedibile. La ricerca della Asl Roma 2
Questa mattina a Roma sono stati presentati i risultati del questionario sul pregiudizio e lo stigma in salute mentale realizzato, nell’ambito del percorso alternanza scuola-lavoro, dal Dipartimento di Salute Mentale ASL Roma 2 in collaborazione con il corpo insegnante e circa 100 studenti dei Licei Charles Darwin – Pitagora e Bertrand Russell. LEGGI QUI LA […]
Tecnici della riabilitazione psichiatrica, la presidente AITeRP Famulari: «Presto linee guida per formazione omogenea»
La figura professionale è presente in tutti i dipartimenti di salute mentale, ma lavora anche in centri residenziali o diurni, nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura e in quelli per le doppie diagnosi, in contesti domiciliari, svolgendo una funzione sia sanitaria, che sociale
di Isabella Faggiano
Ospedali psichiatrici giudiziari, Carpiniello (Sip): «Le Rems non sono nate per sostituire gli Opg. Posti insufficienti e servizi inadeguati»
Il presidente della Società italiana di psichiatria: «Necessario creare una rete di strutture in grado di ospitare tutti gli ex pazienti degli Opg, cominciando dall’adeguamento di quelle esistenti. E poi lavorare in equipe per reinserire i pazienti rifiutati dalla società per il loro passato criminale»
di Isabella Faggiano
Un corpo solo, decine di personalità. Quando il cervello è come una cellula che continua a sdoppiarsi
Il direttore del “Pottergate Centre for Dissociation and Trauma”, Remy Aquarone, spiega a Sanità Informazione uno dei disturbi mentali meno conosciuti ma più intriganti: il disturbo dissociativo dell’identità. «Quando un bambino subisce un grave trauma, per sopravvivere crea una barriera di amnesia tra la personalità che affronta il problema e quella che cerca di andare avanti come se nulla fosse accaduto. Da adulto, basterà un rumore per far riemergere la personalità del bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...