Salute 20 Settembre 2018 17:12

Narcisismo, una patologia sottovalutata. De Berardis: «La terapia è vitale non solo per il malato ma per la comunità»

«Si tratta di una malattia molto diffusa ma raramente arriva all’osservazione medica. Spesso viene confusa con la depressione», l’intervista a Domenico De Berardis, psichiatra e psicoterapeuta in servizio nell’ASL di Teramo

Narcisismo, una patologia sottovalutata. De Berardis: «La terapia è vitale non solo per il malato ma per la comunità»

Secondo la mitologia greca Narciso, figlio di una ninfa e di un dio marino, s’innamorò della sua immagine riflessa in un lago e nel tentativo di baciarla affogò. «Eppure i ‘narcisisti’ patologici più che far male a loro stessi fanno del male agli altri», spiega ai microfoni di Sanità Informazione Domenico De Berardis, psichiatra e psicoterapeuta in servizio nell’ASL di Teramo specializzato nel trattare disturbi borderline di personalità.

«Il narcisista patologico – prosegue lo psichiatra -, è affetto da un’ipertrofia dell’io, si tratta di un soggetto che deve essere amato e considerato al di sopra degli altri e che si considera lui stesso superiore a tutti coloro che lo circondano dei quali ha un’opinione svalutante e squalificante».

LEGGI ANCHE: SUICIDIO, IN ITALIA 4200 CASI L’ANNO. APPELLO DEGLI PSICHIATRI AL MINISTRO GRILLO: PIÙ ATTENZIONE ALLA PREVENZIONE

La patologia narcisista può manifestarsi con diverse sfumature «può essere di tipo benigno – prosegue De Berardis -, quindi palesarsi solo in alcune fasi della vita per poi addormentarsi. Purtroppo esiste anche il narcisismo maligno (ndr. Dalla definizione di Otto Kernberg, psichiatra austriaco) un disturbo molto pericoloso soprattutto per chi entra in contatto con questi individui».

Il narcisista maligno è anche definito ‘manipolatore perverso’, maestro dell’inganno che riesce a plasmare con la sua arte del raggiro affettivo, le persone che gli stanno accanto con il fine di renderle strumenti a sua disposizione e, qualora non siano rispondenti alle sue aspettative, disfarsene. «Uccidendole in alcuni casi», precisa lo psichiatra. «Proprio per evitare queste situazioni, il mio consiglio è di non accettare mai inviti da queste persone (anche se c’è solo un vago sospetto possano essere pericolose). Quando si ha la consapevolezza di avere di fronte un narcisista o comunque un soggetto che manifesta questi sintomi, meglio starne alla larga perché l’imprevedibilità delle sue azioni mette seriamente a rischio chi si ritrova con lui nel momento sbagliato al posto sbagliato».

«Per il narcisista maligno qualsiasi cosa sfugga al suo controllo ossessivo, diventa una sfida. Per esempio -prosegue -, se un narcisista uomo viene lasciato da una donna (peraltro il narcisista tende a cercare persone dell’altro sesso che più si confanno all’idea di dominio) può diventare molto aggressivo sia verbalmente che fisicamente, e lì bisogna stare attenti perché molte tipologie di stalker sono narcisisti veri e propri che hanno sviluppato un delirio persecutorio anche nei confronti della persona che non riescono a controllare. Quando c’è questo tipo di comportamento il mio consiglio è quello di non accettare mai confronti perché, non sempre ma spesso, possono degenerare»

Il narcisismo è un disturbo che pur rientrando nelle patologie borderline di personalità, ancora oggi è sottovalutato. «In realtà si tratta di una malattia molto diffusa ma raramente arriva all’osservazione medica. Spesso viene confusa con la depressione. In quanti casi di cronaca nera ‘l’assassino di turno’ viene definito ‘depresso’? Bene, spessissimo non si tratta di depressione ma di disturbo borderline riferibile al narcisismo. Si tratta di soggetti ‘psicopatici e antisociali’ in alcuni casi con manie persecutorie. Infatti spesso capita che questi individui denuncino sul lavoro i colleghi o superiori per mobbing, senza capire che l’isolamento che gli viene riservato è un meccanismo di difesa di chi gli sta intorno».

«È importante curare questa patologia pericolosa non solo per l’individuo ma per l’intera comunità. È comunque bene fare una precisazione: il narcisista benigno può essere sottoposto a terapia e guarire del tutto, il narcisismo maligno, ad uno stato molto avanzato, purtroppo non sempre regredisce».

Fonti: La psicopatologia psicoanalitica – SIPRe − Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ed indirizzo “Psicoanalisi della Relazione”

 

Articoli correlati
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
La Strage di Buffalo e il narcisismo patologico
Cosa può spingere un ragazzo qualunque a compiere una strage come quella di qualche giorno fa? Uno studio delle possibili motivazioni
di Stefano Piazza
Giornata per la prevenzione del suicidio, nel mondo ogni 40 secondi una persona si toglie la vita
Al via il Convegno internazionale di suicidologia e salute pubblica. Il presidente Pompili: «Attenzione ai campanelli di allarme. C’è chi si libera improvvisamente di tutti i suoi beni, chi fa testamento pur essendo in buona salute, chi esce inspiegabilmente da una depressione profonda»
di Isabella Faggiano
Psichiatria di comunità, Zanalda (SIP): «Il modello c’è, mancano risorse economiche e professionali»
A 43 anni dalla legge Basaglia, che ha sancito la chiusura dei manicomi, l’assistenza psichiatrica non è a pieno regime. Il presidente della SIP: «Serve una regia centrale che coordini ambulatori, strutture residenziali e semi-residenziali e reparti ospedalieri»
di Isabella Faggiano
Coronavirus, il tasso di suicidi è salito? Maurizio Pompili (La Sapienza): «Conosceremo i dati solo a posteriori»
Lo psichiatra: «Chi è a rischio suicidio vuole vivere. Per ora serve prudenza»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa