Salute 22 Gennaio 2018 13:37

Meritocrazia, stop precariato ed estensione cure sanitarie: ecco il programma Sanità del centrodestra

Nel decalogo della coalizione anche più sostegno alla famiglia e centralità del rapporto medico-paziente nel circuito dell’assistenza sanitaria. Il patto firmato ad Arcore da Berlusconi, Meloni e Salvini

Le elezioni del 4 marzo si avvicinano e con queste si avvicina il momento della presentazione dei programmi elettorali. Il centrodestra non ha ancora individuato il candidato premier, ma nel patto siglato da Meloni, Salvini e Berlusconi ad Arcore ci sono anche le prime indicazioni programmatiche. Nel decalogo messo a punto da Lega Nord, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Noi con L’Italia (la cosiddetta ‘quarta gamba’ guidata da Lorenzo Cesa e Raffaele Fitto) priorità assoluta a crescita, sicurezza, famiglie e impegno per la piena occupazione. Lo stesso Berlusconi, in una intervista al Corriere della Sera, ha sottolineato che i primi provvedimenti saranno quelli per la creazione di posti di lavoro stabili «con la decontribuzione dei contratti di apprendistato e di primo impiego soprattutto per i giovani e quelli di vigoroso contrasto della povertà, con il reddito di dignità per i più deboli e l’aumento delle pensioni minime a 1.000 euro». Il punto chiave sulla sanità è il punto 7 del programma intitolato “Più qualità nella scuola, nell’università e nella sanità pubblica”. Nel dettaglio si parla della necessità di «una maggiore libertà di scelta per le famiglie nell’offerta educativa e sanitaria» e «dell’incentivazione della competizione pubblico-privato a parità di standard».

Altro tema importante che sicuramente interesserà gli operatori sanitari è quello sulla «centralità del rapporto medico-paziente nel circuito dell’assistenza sanitaria». Sempre in questa macroarea, che alla sanità unisce scuola e università, si parla di «sostegno all’aggiornamento e meritocrazia» e «azzeramento progressivo del precariato».

Anche nel punto 4 intitolato «Aiuto a chi ha bisogno» ci sono cenni a tematiche sanitarie. In particolare si fa riferimento all’estensione delle cure sanitarie e al raddoppio dell’assegno minimo per le pensioni di invalidità e sostegno alla disabilità. Al punto 7, intitolato «Più sostegno alla famiglia», si trova la proposta di un piano straordinario per la natalità con asili nido gratuiti e consistenti assegni familiari più che proporzionali al numero dei figli, senza dimenticare la tutela del lavoro delle giovani madri. Pur non essendoci un punto espressamente dedicato ai temi di salute e sanità non sono poche le proposte, anche se per ora non sono noti i dettagli che saranno sviluppati in vista della presentazione delle liste (c’è tempo fino alle ore 20 del 29 gennaio).

Articoli correlati
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula
La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d'Italia ed ha aperto una frattura
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»
A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco