Salute 19 Dicembre 2018 11:37

Al Meyer si balla per i piccoli pazienti. Le infermiere: «Utile non solo ai bimbi ma anche a rinforzare il team»

«Non siamo solo ‘quelli che curano’ ma regaliamo anche sorrisi, e lo facciamo anche per noi». Sara Drovandi, infermiera tra le promotrici del flash mob, racconta a Sanità Informazione come è nata l’iniziativa

Al Meyer si balla per i piccoli pazienti. Le infermiere: «Utile non solo ai bimbi ma anche a rinforzare il team»

Si balla sulle note di Cristina D’Avena al Meyer di Firenze, dove medici, infermieri e operatori socio-sanitari hanno messo in scena, tra le corsie dell’ospedale, un flash mob dedicato ai piccoli pazienti. «Il Natale è un momento magico e abbiamo voluto portare un po’ di magia anche ai piccoli pazienti ricoverati», racconta a Sanità Informazione una delle promotrici dell’iniziativa, Sara Drovandi, infermiera presso l’ospedale pediatrico.

«Siamo state in cinque ad avere questa idea – racconta Sara -, tutte colleghe infermiere, e già l’anno scorso l’abbiamo messa in atto ottenendo un grande riscontro. Quest’anno abbiamo allargato il giro coinvolgendo oltre al reparto di Pediatria anche quello di Chirurgia e Neurosensoriale ed è stato un grande successo». La buona riuscita dell’iniziativa si coglie dal sorriso dei pazienti riuniti, insieme alle famiglie, nei corridoi dell’ospedale per vedere lo spettacolo.

«I bimbi ci vedono ‘come quelli che fanno male’ – continua Sara -, per una volta abbiamo voluto portare il sorriso così da dedicare del tempo, non solo alla loro salute, ma anche al loro lato più umano». Il flash mob, organizzato nel corso di tre mesi durante i quali, tra un turno e l’altro, compatibilmente con il lavoro, i partecipanti si sono coordinati ‘da remoto’ su whatsApp e quando possibile si sono riuniti negli spazi ospedalieri per ‘provare’ la coreografia «è stato un momento bellissimo – prosegue Sara -. Non è servito solo ai pazienti per distrarsi, ma anche a noi: questa iniziativa ci ha reso più uniti e più forti».

«Abbiamo ballato tutti vicini, chi dietro chi davanti, non esistevano gerarchie, ruoli, eravamo tutti allo stesso livello con un obiettivo comune – conclude -. Questo ha consolidato i nostri rapporti personali e professionali e ha aiutato tanto anche nel pianificare il piano di cura, rendendoci, agli occhi dei bimbi, più umani ed è questo quello che conta».

Articoli correlati
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
Giornata violenza operatori sanitari: flash mob dell’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma
Oltre 100 medici, infermieri, operatori sociosanitari e volontari riuniti in Piazza San Giovanni come segno di vicinanza a tutti i colleghi indegnamente offesi e aggrediti mentre svolgono il lavoro di assistenza e di cura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...