Salute 19 Dicembre 2018

Al Meyer si balla per i piccoli pazienti. Le infermiere: «Utile non solo ai bimbi ma anche a rinforzare il team»

«Non siamo solo ‘quelli che curano’ ma regaliamo anche sorrisi, e lo facciamo anche per noi». Sara Drovandi, infermiera tra le promotrici del flash mob, racconta a Sanità Informazione come è nata l’iniziativa

Immagine articolo

Si balla sulle note di Cristina D’Avena al Meyer di Firenze, dove medici, infermieri e operatori socio-sanitari hanno messo in scena, tra le corsie dell’ospedale, un flash mob dedicato ai piccoli pazienti. «Il Natale è un momento magico e abbiamo voluto portare un po’ di magia anche ai piccoli pazienti ricoverati», racconta a Sanità Informazione una delle promotrici dell’iniziativa, Sara Drovandi, infermiera presso l’ospedale pediatrico.

«Siamo state in cinque ad avere questa idea – racconta Sara -, tutte colleghe infermiere, e già l’anno scorso l’abbiamo messa in atto ottenendo un grande riscontro. Quest’anno abbiamo allargato il giro coinvolgendo oltre al reparto di Pediatria anche quello di Chirurgia e Neurosensoriale ed è stato un grande successo». La buona riuscita dell’iniziativa si coglie dal sorriso dei pazienti riuniti, insieme alle famiglie, nei corridoi dell’ospedale per vedere lo spettacolo.

«I bimbi ci vedono ‘come quelli che fanno male’ – continua Sara -, per una volta abbiamo voluto portare il sorriso così da dedicare del tempo, non solo alla loro salute, ma anche al loro lato più umano». Il flash mob, organizzato nel corso di tre mesi durante i quali, tra un turno e l’altro, compatibilmente con il lavoro, i partecipanti si sono coordinati ‘da remoto’ su whatsApp e quando possibile si sono riuniti negli spazi ospedalieri per ‘provare’ la coreografia «è stato un momento bellissimo – prosegue Sara -. Non è servito solo ai pazienti per distrarsi, ma anche a noi: questa iniziativa ci ha reso più uniti e più forti».

«Abbiamo ballato tutti vicini, chi dietro chi davanti, non esistevano gerarchie, ruoli, eravamo tutti allo stesso livello con un obiettivo comune – conclude -. Questo ha consolidato i nostri rapporti personali e professionali e ha aiutato tanto anche nel pianificare il piano di cura, rendendoci, agli occhi dei bimbi, più umani ed è questo quello che conta».

Articoli correlati
Al via il 14° Forum Risk Management. Giannotti: «Ministro lancerà tavolo permanente con le professioni sanitarie»
“La sanità che cambia” è il titolo dell’edizione di quest’anno che si svolge alla Fortezza di Basso di Firenze e che vedrà oltre 1300 relatori. Tra le novità la prima Conferenza nazionale della fragilità
Salute 4.0. Scenari, innovazione, ricerca. Il Forum Sistema Salute torna alla Stazione Leopolda di Firenze
Il futuro della sanità passa da Firenze. Dal 10 all’11 ottobre, alla Stazione Leopolda di Firenze torna per il quarto anno consecutivo il Forum della Sostenibilità e Opportunità nel Settore della Salute, una due giorni di lavoro e confronto sui principali temi che riguardano il benessere dei cittadini, le nuove frontiere della medicina e le sfide […]
Malattie rare, una maratona informatica per dare​ una​ speranza ai pazienti
Dal 10 all’11 ottobre, in occasione del Forum Sistema Salute, alla Stazione Leopolda di Firenze si svolgerà la terza edizione del Rare Desease Hackathon, evento live durante il quale sviluppatori di software, giovani designer, programmatori grafici, ma anche associazioni pazienti e medici lavoreranno insieme per ideare soluzioni tecnologiche e digitali innovative al servizio dei pazienti […]
Batticuore “numero chiuso”: gli aspiranti medici si raccontano da Nord a Sud
Firenze, Napoli e Ferrara: Sanità Informazione ha registrato gli umori e le considerazioni dei ragazzi pre e post test d’ammissione a Medicina 2019
Test di Medicina, il rettore Luigi Dei (UniFi): «Laureati troppo vecchi a causa dell’imbuto formativo»
Il doppio imbuto formativo, all’ingresso e a metà percorso «ci porta ad avere dei medici con età media in ingresso professione troppo alta rispetto all’Europa», spiega il rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei che commenta il tanto discusso numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano