Salute 19 Dicembre 2018

Al Meyer si balla per i piccoli pazienti. Le infermiere: «Utile non solo ai bimbi ma anche a rinforzare il team»

«Non siamo solo ‘quelli che curano’ ma regaliamo anche sorrisi, e lo facciamo anche per noi». Sara Drovandi, infermiera tra le promotrici del flash mob, racconta a Sanità Informazione come è nata l’iniziativa

Immagine articolo

Si balla sulle note di Cristina D’Avena al Meyer di Firenze, dove medici, infermieri e operatori socio-sanitari hanno messo in scena, tra le corsie dell’ospedale, un flash mob dedicato ai piccoli pazienti. «Il Natale è un momento magico e abbiamo voluto portare un po’ di magia anche ai piccoli pazienti ricoverati», racconta a Sanità Informazione una delle promotrici dell’iniziativa, Sara Drovandi, infermiera presso l’ospedale pediatrico.

«Siamo state in cinque ad avere questa idea – racconta Sara -, tutte colleghe infermiere, e già l’anno scorso l’abbiamo messa in atto ottenendo un grande riscontro. Quest’anno abbiamo allargato il giro coinvolgendo oltre al reparto di Pediatria anche quello di Chirurgia e Neurosensoriale ed è stato un grande successo». La buona riuscita dell’iniziativa si coglie dal sorriso dei pazienti riuniti, insieme alle famiglie, nei corridoi dell’ospedale per vedere lo spettacolo.

«I bimbi ci vedono ‘come quelli che fanno male’ – continua Sara -, per una volta abbiamo voluto portare il sorriso così da dedicare del tempo, non solo alla loro salute, ma anche al loro lato più umano». Il flash mob, organizzato nel corso di tre mesi durante i quali, tra un turno e l’altro, compatibilmente con il lavoro, i partecipanti si sono coordinati ‘da remoto’ su whatsApp e quando possibile si sono riuniti negli spazi ospedalieri per ‘provare’ la coreografia «è stato un momento bellissimo – prosegue Sara -. Non è servito solo ai pazienti per distrarsi, ma anche a noi: questa iniziativa ci ha reso più uniti e più forti».

«Abbiamo ballato tutti vicini, chi dietro chi davanti, non esistevano gerarchie, ruoli, eravamo tutti allo stesso livello con un obiettivo comune – conclude -. Questo ha consolidato i nostri rapporti personali e professionali e ha aiutato tanto anche nel pianificare il piano di cura, rendendoci, agli occhi dei bimbi, più umani ed è questo quello che conta».

Articoli correlati
Carenza medici, Anaao stila mappa delle ‘sofferenze’ fino al 2025: 16500 medici in meno, Piemonte, Toscana e Sicilia in testa
I risultati dello studio: dall’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025, è previsto un ammanco di circa 16.700 medici. Le specialità in cui la programmazione risulta più deficitaria sono la medicina d’urgenza e la pediatria
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
SIMPE inserita nell’Elenco Ministeriale delle Società Scientifiche accreditate a proporre le linee guida
Il presidente dei pediatri Mele: «Offriremo a tutti i nuovi iscritti la dotazione del Pediatotem, strumento utile sia per la ricerca che come gestionale negli studi pediatrici»
Firenze, panchine rosse nei giardini per il no alla violenza sulle donne
Anche a Firenze, sono arrivate le panchine rosse nei giardini pubblici come simbolo della violenza contro le donne. Parchi, università, luoghi di lavoro di tante altre città d’Italia hanno aderito all’iniziativa per sensibilizzare la popolazione ad una tematica così importante, delicata e di dolorosa attualità. Le panchine rosse sono state donate al Comune e posizionate nei cinque […]
Firenze, al Meyer lo spettacolo di Natale per sostenere il progetto “Bambini nel mondo”
Un Bolero per l’Africa: uno spettacolo di musica, parole e scienza per supportare un progetto di solidarietà. L’Università di Firenze, Fondazione Meyer e Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer promuovono lo spettacolo che andrà in scena lunedì 3 dicembre al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (ore 20.30). L’obiettivo è raccogliere fondi per “Bambini nel mondo”, il progetto della Fondazione Meyer che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone