Salute 6 Settembre 2016

Mastronardi (“La Sapienza”): «Medici e psicologi hanno “fame” di formazione»

«Una opportunità di promozione per il singolo e per la società». Così il professore e psicologo forense, in un recente dibattito sulla legge Cirinnà, spiega perché l’aggiornamento continuo per i medici è imprescindibile anche per aiutare le famiglie a tutelare i minori

«Medici e psicologi affamati di miglioramenti da apportare a sé stessi». È questa la fotografia scattata ai professionisti dal prof. Vincenzo Mastronardi, psicologo forense e criminologo, in occasione di un recente convegno sulle implicazioni della legge Cirinnà sulla famiglia. Una “fame” di formazione che, oltre a essere una «opportunità di promozione per il singolo e per la società nel suo complesso» è diventata una necessità imprescindibile per la comprensione dei fenomeni che accompagnano l’avvento di nuove tecnologie e media.

Anno dopo anno vengono infatti lanciati sul mercato nuovi social network e relative app sempre più inclusive, cui fanno seguito la crescita del livello dell’interazione e la diminuzione dell’età media dei fruitori. Consapevole delle numerose opportunità educative e culturali offerte da internet e nuovi media – tra i suoi incarichi anche quello di componente presso il Ministero delle Comunicazioni del “Comitato di Garanzia “Internet  e Minori” – il prof. Mastronardi mette in guardia dai rischi che vi si annidano e di cui spesso gli utenti più giovani non sono consapevoli; frequenti sono i casi di cyberbullismo o adescamento di minori, quando non si configurino veri e propri disturbi mentali dovuti all’uso compulsivo degli smartphone. Di fronte alle montanti criticità derivanti dall’uso di questi strumenti controversi, ormai comunemente percepiti come indispensabili, sorge spontanea la domanda: chi è titolato a intervenire a tutela dei minori, la categoria più fragile fra quelle che hanno accesso ai nuovi media? Il professore Mastronardi non ha dubbi, è la famiglia. Di quest’ultima, il professore ha ribadito la centralità, evidenziando inoltre i rischi cui essa è esposta. «La famiglia è sempre a rischio e va assistita ben attentamente, poiché le prime disfunzionalità avvengono proprio al suo interno. Non è un revival ma qualcosa di completamente nuovo, dettato dall’avvento di nuove tecnologie e dall’affermarsi di internet. I familiari hanno il dovere di difendere i ragazzi dalle minacce rappresentate dai cybercrimini e di mostrare loro gli strumenti per difendersi da soli. Hanno altresì il compito di individuare le situazioni di rischio ed interpretare i messaggi che, a livello verbale e non verbale, i nostri ragazzi ci trasmettono per manifestare il loro disagio. Non bisogna mai criminalizzare né la famiglia né la scuola, ma piuttosto supportarle sempre con la massima dedizione». Sono i familiari, dunque, a dover prestare orecchio in prima battuta ai bisogni e, in alcuni casi, alle vere e proprie richieste di aiuto dei minori. Nei casi più complessi, però, devono intervenire il medico e lo psicologo, fornendo un contributo specialistico che non può prescindere da un puntuale aggiornamento professionale. Riferendosi al video corso sulla legge Cirinnà dedicato a medici e legali, il professore ha concluso: «Un corso di questo tipo porta valore aggiunto alla formazione dei professionisti, rappresenta un punto nautico che ci consente di comprendere i confini entro cui mantenerci a livello operativo e comportamentale, rispettando determinati canoni che abbiamo ormai ben chiari in mente.»

Articoli correlati
Specializzazione medica, Tuzi (M5S): «Mio emendamento a Dl Rilancio per 2mila contratti strutturali in più»
«La riforma della laurea abilitante portata avanti dal M5S prevedeva una riforma strutturale che ancora non è avvenuta» sottolinea il deputato medico del M5S Manuel Tuzi
Pd, si insedia il Coordinamento della Formazione medico-sanitaria. Manai: «Faremo proposte a tutti i livelli»
«Il partito continua a mostrare la voglia di investire nella formazione degli operatori sanitari, proprio perché consapevoli che solo attraverso la buona formazione si potrà avere un SSN sempre più efficace ed efficiente», commenta Beatrice Lorenzin, coordinatrice del Forum Salute PD
A gennaio il primo laboratorio di idee sulla formazione medica promosso dal PD
Il laboratorio ospiterà politici ed esperti della Formazione Medica, interverranno componenti del Governo, Parlamentari e altre Istituzioni e associazioni che si occupano da anni della tematica in prima linea
Medicina e chirurgia, all’Università Campus Bio-medico di Roma il 25 febbraio 2020 il primo test d’ammissione in Italia
L’ateneo investe sul merito: i migliori 5 studieranno gratis. Il 25 febbraio alla Nuova fiera di Roma sarà possibile concorrere per il corso in lingua italiana, il 10 marzo per quello in lingua inglese
Formazione medica, a gennaio laboratorio di idee del Pd a Firenze
Ad organizzarlo il responsabile responsabile formazione medico-sanitaria nazionale del Partito democratico Stefano Manai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...