Salute 2 Febbraio 2024 16:38

Malattie rare. Al via domani la campagna #PlaytheRareGame

La campagna #PlaytheRareGame, alla sua seconda edizione, si pone l’obiettivo di costruire attorno ad un semplice gesto, come quello del passaggio di palla, la più grande squadra di persone possibile a sostegno della comunità delle malattie rare

Malattie rare. Al via domani la campagna #PlaytheRareGame

Fischio di inizio domani a Roma per la campagna #PlaytheRareGame, promossa da Chiesi Global Rare Diseases in collaborazione con FIR (Federazione Italiana Rugby) e in partnership con le Zebre Rugby Club di Parma e Fondazione Make-A-Wish International, che quest’anno grazie alla Federazione Italiana Rugby, partirà proprio in occasione del Guinness Sei Nazioni 2024 – il prestigioso torneo internazionale di rugby che si tiene annualmente tra le squadre nazionali maschili di Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia.

La campagna #PlaytheRareGame, alla sua seconda edizione, si pone l’obiettivo di costruire attorno ad un semplice gesto, come quello del passaggio di palla, la più grande squadra di persone possibile a sostegno della comunità delle malattie rare. Quest’anno ad accompagnarla sarà il claim “Passa la palla, passa la parola” per ricordare quanto sia importante diffondere la conoscenza e la consapevolezza sulle malattie rare, e come solo insieme come una grande squadra si possa fare la differenza.

“Prima che Presidente della Federazione Italiana Rugby sono un medico con oltre trent’anni di esperienza e conosco bene l’importanza della ricerca e del diffondere una cultura di consapevolezza”, ha detto il Presidente della FIR, Marzio Innocenti. “Il nostro sport insegna il sostengo reciproco, l’importanza di fare squadra, e siamo orgogliosi non solo che la nostra Franchigia delle Zebre Parma abbia sposato questa campagna, ma anche di poter sensibilizzare il pubblico dell’Olimpico e, spero, contribuire ad esaudire insieme a Chiesi e Make-A-Wish-International, quanti più desideri espressi dai bambini che convivono con una malattia rara”.

“La comunità delle persone con malattie rare rappresenta una priorità per noi di Chiesi Global Rare Diseases”, ha ricordato Enrico Piccinini, Head of Europe & International Rare Diseases di Chiesi. “La campagna Play The Rare Game non è solo un’iniziativa, ma un passo concreto verso una maggiore consapevolezza e inclusione. È un modo per assicurare che nessuno venga mai lasciato indietro, rispecchiando i valori fondamentali della nostra missione”.

Durante il Guinness Sei Nazioni 2024, lo Stadio Olimpico e il Parco del Foro Italico, prima e dopo la partita, saranno il palcoscenico della campagna #PlaytheRareGame; al loro interno il pubblico sarà inviato a realizzare dei passaggi di palla simbolici da postare sui propri canali per diffondere la campagna.

Per far parte di questa squadra, infatti, e dare il proprio contributo, basta andare sul sito www.playtheraregame.com, cliccare sul filtro, fare il proprio passaggio virtuale, salvare la foto e ripostarla sui propri canali social utilizzando l’hashtag #PlaytheRareGame e taggando @chiesiglobalrarediseases. Con questa semplice azione, si può contribuire a sensibilizzare il pubblico sulle patologie rare e sull’importanza del sostegno alle associazioni di pazienti e caregiver.

La catena di passaggi virtuali, oltre ad aumentare la consapevolezza sull’impatto delle malattie rare a livello globale, contribuirà a supportare Make-A-Wish International che ogni giorno si impegna ad esaudire i desideri di bambini che convivono con malattie gravi.

 

Per partecipare: le istruzioni in breve

STEP1: vai sul sito www.playtheraregame.com

STEP2: clicca su ‘make your pass’ che ti reindirizzerà sul tuo account Instagram

STEP3: fai una foto/video con il filtro

STEP4: clicca sui tre puntini per scaricare il contenuto foto/video

STEP5: posta il contenuto sui tuoi social con l’hashtag #PlaytheRareGame taggando @chiesiglobalrarediseases e invitando i tuoi amici a fare lo stesso visitando il sito dell’iniziativa.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.