Salute 7 Novembre 2019

Malattie polmonari, Tommasetti (AIPO): «Donne più a rischio, ma sono in arrivo nuovi farmaci e terapie personalizzate»

In arrivo nuovi medicinali per la fibrosi polmonare idiopatica, la linfangioleiomiomatosi, le istiocitosi. «La risposta alle terapie è influenzata dal genere ed esistono anche in ambito polmonare malattie di genere che colpiscono esclusivamente donne in età fertile» sottolinea la pneumologa dell’Ospedale Morgagni di Forlì

di Federica Bosco

Buone notizie dalla ricerca per la cura delle malattie rare polmonari.  A comunicarlo è la dottoressa Sara Tommasetti dell’Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale Morgagni di Forlì che, a pochi giorni dal Congresso dell’Associazione italiana pneumologi ospedalieri – AIPO che si terrà dal 13 al 16 novembre a Firenze, spiega il cambiamento verso una terapia personalizzata.

«Negli ultimi 20 anni c’è stato un impulso alla ricerca che ha portato a nuove fruttuose conoscenze che non solo ci facilitano nell’ambito diagnostico, ma soprattutto hanno aperto nuovi orizzonti nell’ambito delle malattie rare polmonari – sottolinea Tommasetti -. Come ben si sa, abbiamo già per la fibrosi polmonare idiopatica due farmaci approvati, nuovi farmaci anche per patologie più rare come la linfangioleiomiomatosi, le istiocitosi quindi si stanno aprendo nuovi orizzonti. Ma la cosa più positiva è che si è appena all’inizio perché la ricerca sperimentale è estremamente attiva».

«Per la fibrosi polmonare idiopatica – aggiunge la dottoressa – sono in corso numerosi trial e anche da un punto di vista della diagnosi si stanno facendo protocolli e consorzi di ricerca che vanno verso una medicina di precisione, quindi una medicina in cui forse un giorno in futuro grazie all’intelligenza artificiale avremo la terapia giusta personalizzata per ciascun paziente, ad personam. Poi è una medicina che non tiene più solo in considerazione l’aspetto biologico, ma anche un approccio olistico, ovvero tiene in considerazione aspetti socioculturali, differenze di genere, l’età, la comunicazione con il paziente quindi è veramente un momento di grande fermento e di grande cambiamento. Per le malattie rare oltre ai farmaci già introdotti e che arriveranno nei prossimi anni, l’altra grande conquista, di cui il nostro centro è stato pioniere in ambito diagnostico, è la criobiopsia polmonare, nuova metodica diagnostica mininvasiva che permette di fare biopsie a livello polmonare, ovviando all’intervento chirurgico».

La ricerca avanza, ma cresce in Italia il numero delle donne che si ammala di patologie polmonari.  I dati dell’Istituto superiore di sanità indicano che è in aumento il tumore del polmone e a breve sarà la prima causa di morte nel genere femminile. Colpa solo del tabacco? «Sicuramente la correlazione tra malattie polmonari e abitudine tabagica, in crescita nelle donne in particolare al sud, è evidente, ma esistono differenze biologiche da non sottovalutare».

«Nella donna c’è una diversa suscettibilità al tumore polmonare, – riprende Tommasetti – ad esempio ci sono un numero di tumori polmonari presenti nelle donne non fumatrici come gli adenocarcinomi a crescita lepidica. Anche la risposta alle terapie è influenzata dal genere ed esistono anche in ambito polmonare malattie di genere come la linfangioleiomiomatosi che colpisce esclusivamente donne in età fertile. Sembra pazzesco, ma molti dei meccanismi anatomopatologici e eziopatogenetici che sottendono queste differenze di genere non sono affatto conosciuti, e farlo significherebbe comprendere molto meglio queste patologie e poterle curare in maniera più efficace».

Articoli correlati
Covid-19, cosa fare dopo l’infezione? Le indicazioni degli pneumologi
Le prime evidenze cliniche indicano che nei mesi successivi all’infezione da SARS-CoV 2 i polmoni possono presentare alterazioni fibrotiche. Secondo alcuni studiosi, almeno il 30% dei pazienti affetti da COVID-19 potrà avere tali alterazioni. In altre parole, il passaggio del SARS-CoV2 può lasciare cicatrici importanti a livello polmonare, cicatrici che possono evolvere provocando una insufficienza […]
Gli pneumologi: «Considerare la possibilità di portare la sanità sotto la competenza esclusiva dello Stato»
Il contributo di Mauro Carone, Presidente Eletto Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO-ITS)
di Mauro Carone, Presidente Eletto AIPO
Covid-19, Aipo: «Il 94% delle Pneumologie è in prima linea nella lotta contro l’infezione»
La survey, promossa dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri, ha analizzato attraverso due questionari, come è cambiata la risposta organizzativa della specialità con l'emergenza sanitaria e il crescente bisogno di cura dei pazienti
Covid-19, Aipo: «Pneumologia italiana allertata e pronta»
L’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri: «Un’importante sfida per il nostro SSN che si è pienamente dimostrato all’altezza nel rispondere a questa complessa e difficile situazione»
Attacco respiratorio acuto, Scala (San Donato Arezzo): «Mortale nel 15% dei casi, mancano le unità specializzate»
Ospite del XX Congresso Nazionale di Pneumologia organizzata da AIPO il direttore dell'Unità Operativa di Pneumologia dell’Ospedale San Donato di Arezzo, Raffaele Scala spiega quanto sia importante riconoscere questa patologia: «In assenza di un trattamento questo attacco può mettere in pericolo di vita il paziente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...