Salute 5 Luglio 2023 17:18

Malaria, 18 milioni di dosi del primo vaccino per 12 Paesi africani entro il 2025

I paesi aderenti al Programma di implementazione del vaccino contro la malaria, Ghana, Kenya e Malawi, riceveranno dosi per continuare le vaccinazioni nelle aree pilota. Sono stati inoltre stanziati fondi per nuove distribuzioni in Benin, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Liberia, Niger, Sierra Leone e Uganda

Malaria, 18 milioni di dosi del primo vaccino per 12 Paesi africani entro il 2025

Dodici Paesi africani di diverse regioni riceveranno nei prossimi due anni 18 milioni di dosi del primo vaccino contro la malaria. Questo lancio rappresenta un passo avanti fondamentale nella lotta contro una delle principali cause di morte nel continente. Dal 2019, Ghana, Kenya e Malawi forniscono il vaccino contro la malaria attraverso il Malaria Vaccine Implementation Programme (MVIP), coordinato dall’OMS e finanziato da Gavi, the Vaccine Alliance, il Fondo Globale per la Lotta all’AIDS, alla Tubercolosi e alla Malaria e Unitaid.

Oltre 1,7 milioni di bambini già vaccinati

Il vaccino RTS,S/AS01 è stato somministrato a oltre 1,7 milioni di bambini in Ghana, Kenya e Malawi a partire dal 2019 e ha dimostrato di essere sicuro ed efficace, determinando una sostanziale riduzione della malaria grave e un calo delle morti infantili. Almeno 28 Paesi africani hanno espresso interesse a ricevere il vaccino contro la malaria. Oltre a Ghana, Kenya e Malawi, l’assegnazione iniziale di 18 milioni di dosi consentirà ad altri nove Paesi, tra cui Benin, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Repubblica Democratica del Congo, Liberia, Niger, Sierra Leone e Uganda, di introdurre per la prima volta il vaccino nei loro programmi di immunizzazione di routine. Questa tornata di assegnazione si avvale della fornitura di dosi di vaccino a disposizione di Gavi, the Vaccine Alliance tramite l’UNICEF. Si prevede che le prime dosi di vaccino arriveranno nei Paesi nell’ultimo trimestre del 2023 e che i Paesi inizieranno a distribuirle all’inizio del 2024.

Un’arma unica per la lotta alla malaria

«Questo vaccino ha il potenziale per essere di grande impatto nella lotta contro la malaria e, se distribuito su larga scala insieme ad altri interventi, può prevenire decine di migliaia di decessi futuri ogni anno – dice Thabani Maphosa, direttore generale dell’attuazione dei programmi nazionali di Gavi, the Vaccine Alliance – .Mentre lavoriamo con i produttori per aiutare a incrementare le forniture, dobbiamo assicurarci che le dosi che abbiamo siano utilizzate nel modo più efficace possibile, il che significa applicare tutti gli insegnamenti dei nostri programmi pilota mentre ci estendiamo a un nuovo totale di 12 Paesi».

Un killer che uccide mezzo milione di bambini all’anno

La malaria rimane una delle malattie più letali dell’Africa, che uccide ogni anno quasi mezzo milione di bambini al di sotto dei 5 anni e che rappresenta circa il 95% dei casi di malaria a livello globale e il 96% dei decessi nel 2021. «Quasi ogni minuto un bambino sotto i 5 anni muore di malaria – spiega  il Direttore Associato dell’UNICEF per l’Immunizzazione Ephrem T Lemango- .Per molto tempo, queste morti sono state prevenibili e curabili; ma l’introduzione di questo vaccino darà ai bambini, soprattutto in Africa, una possibilità ancora maggiore di sopravvivere. Con l’aumento delle forniture, speriamo che ancora più bambini possano beneficiare di questo progresso salvavita».

Il vaccino migliora la salute e la sopravvivenza dei bambini

««Il vaccino contro la malaria rappresenta una svolta per migliorare la salute e la sopravvivenza dei bambini . Le famiglie e le comunità vogliono giustamente questo vaccino per i loro figli. Questa prima assegnazione di dosi di vaccino contro la malaria è prioritariamente destinata ai bambini a più alto rischio di morte per malaria – commenta la dottoressa Kate O’Brien, Direttore Immunizzazione, Vaccini e Biologici dell’OMS -. L’elevata richiesta di vaccino e la forte portata dell’immunizzazione infantile aumenteranno l’equità nell’accesso alla prevenzione della malaria e salveranno molte giovani vite. Lavoreremo instancabilmente per aumentare l’offerta fino a quando tutti i bambini a rischio avranno accesso».

Una strategia per aumentare le dosi disponibili

Data l’offerta limitata nei primi anni di introduzione del nuovo vaccino, nel 2022 l’OMS ha convocato consulenti esperti, provenienti principalmente dall’Africa – dove l’onere della malaria è maggiore – per sostenere lo sviluppo di un Quadro di riferimento per l’allocazione dell’offerta limitata di vaccino contro la malaria, per guidare l’allocazione delle dosi iniziali limitate. Il Quadro si basa su principi etici e di solidarietà e propone che l’assegnazione del vaccino inizi nelle aree di maggiore necessità. Il gruppo di implementazione del Quadro, che ha applicato i principi del Quadro, comprendeva rappresentanti dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC dell’Africa), dell’UNICEF, dell’OMS e del Segretariato Gavi, oltre a rappresentanti della società civile e consulenti indipendenti. Le raccomandazioni del gruppo sono state esaminate e approvate dal Senior Leadership Endorsement Group di Gavi, OMS e UNICEF (per saperne di più, vedere Prima assegnazione di forniture di vaccino contro la malaria: spiegazione del processo e dei risultati).

Quanti vaccini servirebbero

La domanda globale annuale di vaccini contro la malaria è stimata in 40-60 milioni di dosi solo per il 2026, con una crescita fino a 80-100 milioni di dosi all’anno entro il 2030. Oltre al vaccino RTS,S/AS01, sviluppato e prodotto da GSK e in futuro fornito da Bharat Biotech, si prevede che anche un secondo vaccino, R21/Matrix-M, sviluppato dall’Università di Oxford e prodotto dal Serum Institute of India (SII), possa essere presto prequalificato dall’OMS. Gavi ha recentemente delineato la sua tabella di marcia per sostenere l’aumento dell’offerta per soddisfare la domanda.

 

 Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...