Salute 10 Novembre 2021 11:29

Make-A-Wish, così i sogni dei piccoli pazienti diventano realtà. La storia di Vittorio, sceriffo del Far West

Come lui, negli ultimi 17 anni, quasi 2.400 bambini, affetti da malattie gravi, hanno realizzato i propri sogni. Mamma Sonia: «Un’esperienza unica che ci ha insegnato come non tutti i limiti imposti da una malattia siano invalicabili»

di Isabella Faggiano
Make-A-Wish, così i sogni dei piccoli pazienti diventano realtà. La storia di Vittorio, sceriffo del Far West

Una grave malattia può compromettere la capacità di camminare, correre, saltare, arrampicarsi. Ma non può impedire di sognare. Lo sa bene Vittorio che, a soli 5 anni, a causa della sua malattia, l’Istiocitosi a Cellule di Langerhans, si è ritrovato su una sedia a rotelle. Da quel momento ha smesso di camminare, correre, saltare, arrampicarsi. Ma non di sognare. Ha creduto così tanto di poter vestire, almeno per un giorno, i panni di uno sceriffo del Far West, da esserci riuscito. Vittorio, a 10 anni,  ha realizzato il suo più grande desiderio grazie a Make-A-Wish Italia, un’ organizzazione non profit che realizza i desideri dei bambini affetti da malattie gravi.

Ecco come i sogni diventano realtà

«Vittorio – racconta mamma Sonia a Sanità Informazione -, grazie a Make-A-Wish Italia, ha vissuto una giornata da vero sceriffo in un set cinematografico allestito e curato in ogni minino dettaglio, all’interno degli Studio di Cinecittà. Proprio come aveva immaginato – continua la donna – Vittorio è salito su una carrozza trainata da due cavalli veri insieme al suo papà. Poi, si è cimentato nella cattura del fratello gemello, pericoloso bandito, per concludere con un sontuoso festeggiamento all’interno del saloon dove io (la sua mamma nei panni di una donna del luogo) ho preparato il suo piatto preferito: gli hot dogs». Nell’esprime il suo desiderio Vittorio non ha immaginato qualcosa che fosse soltanto per sé, ma un sogno che coinvolgesse tutta la sua famiglia. «Vittorio – dice mamma Sonia – ha dimostrato, ancora una volta, la potenza del nostro legame. È nell’unione della nostra famiglia che risiede quella forza che ci ha permesso di arrivare fin qui e di andare avanti a testa alta, giorno dopo giorno».

Oltre 2 mila sogni realizzati

Come Vittorio, anche Giacomo, 6 anni e una diagnosi di Medulloblastoma, è riuscito ad “andare nello spazio”. Saverio, 15 anni e un Linfoma di Hodgkin, è arrivato fino a Barcellona per incontrare il suo idolo, Lionel Messi. «E di sogni così, negli ultimi 17 anni, ne sono stati realizzati quasi 2.400», racconta Sune Frontani che, nel 2004 a Genova, con suo marito Fabio ha deciso di fondare l’organizzazione in memoria di Carlotta, la sua primogenita scomparsa all’età di soli 10 anni a causa di una grave malattia. «Volevamo realizzare qualcosa che fosse compatibile con il carattere gioioso di Carlotta – aggiunge Sune -. Lei amava divertirsi e, di conseguenza, regalare divertimento a chi soffre ci è parso il modo migliore per tenere in vita il suo ricordo».

La campagna “Felici e più forti

Purtroppo, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, nell’ultimo anno la lista dei piccoli con un sogno nel cassetto si è allungata e al momento sono circa 250 i desideri in attesa. Per realizzarli tutti Make-A-Wish Italia ha lanciato la campagna “Felici e più forti” (per donare basta un sms o una chiamata da rete fissa al numero 45584). Esaudire i desideri dei piccoli pazienti, così come documentato da numerosi studi scientifici, apporta benefici anche dal punto clinico. L’ultima evidenza è arrivata dall’università di Aston che ha confermato gli effetti positivi sul benessere psico-fisico dei malati: «La moderna ricerca medico-scientifica – spiega Keith Goh, neurochirurgo pediatrico  e presidente del comitato scientifico di Make-A-Wish International – dimostra che le emozioni positive si trasformano direttamente in benefici per la salute del paziente. Una semplice risata, per esempio, riduce la pressione del sangue e lo stress, migliora il sistema immunitario e allevia il dolore».

Oltre alla malattia c’è la vita

Effetti benefici che coinvolgono l’intera famiglia: «Tutti noi, io, mio marito, il fratello gemello di Vittorio – racconta ancora mamma Sonia – vivendo questa magnifica esperienza abbiamo capito che nonostante la complessità clinica della malattia e le difficoltà motorie e fisiche che ne derivano, Vittorio è in grado non solo di sognare, ma anche di ridere, gioire, sperimentare emozioni profonde, vivendole e condividendole, fino in fondo. Vittorio è un bambino dalle doti meravigliose, prime fra tutte l’autoironia». C’è chi piange per nulla. E chi, come Vittorio, della sua malattia grave, incurabile e irreversibile, “ci ride su”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
EMA ha approvato il vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni
L'Agenzia europea del farmaco segue l'FDA e approva il vaccino anti-Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni. La dose somministrata sarà inferiore a quella di un adulto: positivi i risultati degli studi ed effetti collaterali simili a quelli degli adulti
«Genitori toglietevi dalle chat»: la provocazione dei consulenti pedagogici contro l’uso improprio di WhatsApp
Cosolo Marangon (CPP): «Sì alla tecnologia se usata con intelligenza. La presenza di genitori con figli adolescenti in gruppi WhatsApp è un’incursione nella vita del giovane e compromette lo sviluppo dell’auto-responsabilizzazione»
di Isabella Faggiano
La Cina comincia a vaccinare contro Covid-19 i bambini dai 3 anni in su
Dopo l'approvazione di giugno, la Cina ha deciso di dare inizio alla campagna di vaccinazione per i bambini dai 3 anni in su, la misura si aggiunge a tutte quelle implementate dal paese per ridurre a zero i contagi da Covid. Ad oggi i vaccinati sono il 76%
SIMRI, Midulla: «Non solo Sars-CoV-2. Ci attende una stagione di virus respiratori»
Focus del XXV Congresso SIMRI, in programma a Verona dal 24 al 26 ottobre, nuovi farmaci, sigarette elettroniche e Long Covid. Midulla: «Da un nostro progetto di follow up è emerso che il Long Covid pediatrico non riguarda solo il polmone: il 20-22% di bambini presenta una sintomatologia neuropsichiatrica»
di Isabella Faggiano
Terapia genica oculare, recuperano la vista dieci bambini ipovedenti
Trattati con successo al Policlinico Vanvitelli di Napoli. Ecco i risultati ottenuti grazie alla prima terapia genica per distrofie retiniche ereditarie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...