Salute 18 Settembre 2019

Lotta alle fake news, Leoni (FNOMCeO): «Disinformazione per interessi commerciali. Tv ha enormi responsabilità»

La proposta del vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni: «Bisogna avere un comitato scientifico che validi le persone che parlano al pubblico»

di Giulia Cavalcanti e Diana Romersi
Immagine articolo

Combattere le fake news diffuse sul web e che ogni giorno compromettono la fiducia dei pazienti verso i professionisti della sanità. È questo uno degli obiettivi che si pone la FNOMCeO, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Una lotta alla disinformazione che ha trovato il suo spazio anche in occasione del CICAP Fest, il Festival della Scienza e della Curiosità che si è svolto nei giorni scorsi a Padova. Tra i relatori, anche il vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni, con il quale Sanità Informazione ha approfondito il tema del contrasto alle cosiddette “bufale del web”.

Presidente, il suo intervento al CICAP Fest si è focalizzato sulla libertà di disinformazione, di cosa si tratta?
«I nuovi sistemi di comunicazione, come Internet ma anche le reti televisive, offrono a soggetti che non sono validati adeguatamente la possibilità di mettersi in comunicazione con il pubblico. Nascono anche così le fake news, alla cui base molte volte c’è un interesse commerciale. Come Federazione abbiamo quindi fatto un’azione di contrasto, raccogliendo i migliori talenti al livello scientifico nazionale e mettendo in opera un sito “Dottore… ma è vero che?”, in cui il cittadino comune può trovare delle risposte con basi scientifiche a quelli che sono i quesiti più diffusi, sia con riferimento biografico più semplice sia con riferimento biografico più profondo destinato ai professionisti del settore. Questo sicuramente è stato un evento molto particolare, perché non c’erano dei siti di riferimento a livello nazionale. L’utenza pubblica era bombardata da altri tipi di notizie, e quindi bisognava mettere in campo un’azione di contrasto in cui i professionisti della salute potessero esprimere le proprie opinioni».

Un fenomeno, quello delle fake news, pericoloso in ogni ambito, ma in particolar modo quando si parla di salute…
«L’anno scorso abbiamo anche fatto una campagna, partita da Bari ma poi diffusa nel resto d’Italia, con dei cartelloni per attirare l’opinione pubblica. Tutti quanti abbiamo contribuito alla sua diffusione anche su Internet, un mezzo di comunicazione molto importante per quanto riguarda la fascia di età più giovane, mentre gli anziani ancora hanno come via di comunicazione preferita la televisione. Per questo la televisione pubblica, ma soprattutto le televisioni private, hanno delle enormi responsabilità. Bisogna avere un comitato scientifico che validi le persone che parlano al pubblico e di quello di cui parlano. Altrimenti i falsi messaggi che possono passare possono avere delle ricadute estremamente pesanti per l’utenza. La medicina generale, per quanto riguarda poi la comunicazione caso per caso, resta semplicemente il primo baluardo, il primo mezzo di comunicazione medico-cittadino personalizzato, secondo la capacità ricettiva del paziente e la capacità professionale del medico».

LEGGI: FAKE NEWS IN SANITÀ, 1 ITALIANO SU 2 NON LE RICONOSCE. CONTE (FNOMCEO): «SERVE ATTENZIONE ALLA QUALITÀ»

In che modo questa facilità di accesso all’informazione scientifica, anche se di fatto spesso scientifica non è, ha impattato sul rapporto medico-paziente?
«Il medico con il paziente ha un rapporto personalizzato in cui il medico deve mettersi in relazione su quello che è il grado di comprensione del suo interlocutore. Naturalmente però il paziente adesso ha molte fonti di informazione e quindi bisogna capire dove sta la verità. A questo punto, se vengono forniti dai mezzi di informazione massicci messaggi promozionali con interesse commerciale e non scientifico, il lavoro del medico diventa più difficile, perché deve riuscire a riportare su quella che è la base scientifica un’influenza su base propagandistica pubblicitaria con dei messaggi focalizzati e molto personalizzati per l’utenza, perché studiati su base commerciale».

Articoli correlati
Dalla vitamina C ai farmaci miracolosi, dilagano online le bufale sul Coronavirus
«Con questi messaggi allarmistici sui siti si fa clickbaiting e ci si guadagna soldi. Proliferano perché c’è sempre un interesse a raccontare una favoletta che fa presa» spiega Alessandro Conte, responsabile del sito della FNOMCeO “Dottoremaèveroche”
Rete 5G, lo stop delle Marche fa discutere. Il promotore rilancia: «Valga principio di precauzione. Ora cambiare legge sulle antenne»
Sandro Bisonni, consigliere regionale dei Verdi, è il promotore della mozione che impegna la Giunta ad applicare il ‘principio di precauzione’. «L’Unione europea consiglia valori cautelativi ancora più bassi di quelli esistenti in Italia. Sarebbe sbagliato alzarli per favorire il 5G» spiega il consigliere marchigiano. Plauso alla mozione da ISDE – Medici per l’Ambiente
Coronavirus, Aimo: «Presente in sacco congiuntivale anche in assenza di altra sintomatologia»
I medici oculisti di Aimo si rivolgono al ministero Speranza: «Pazienti potenzialmente contagiosi affollano nostri Pronto Soccorso»
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
Coronavirus, la situazione in Veneto: Leoni (OMCeO Venezia): «Importante che non si ammalino medici e infermieri»
«Diversi medici sono stati sottoposti al tampone. Non facciamo parte della cabina di regia e quindi non conosciamo i dati veri. Contro la diffusione del virus serve la quarantena». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Venezia Giovanni Leoni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...