Salute 25 Giugno 2019

Lotta all’abusivismo, Dal Pont (TSRM Roma): «Ho chiesto elenchi professionisti a strutture ma non tutte hanno risposto»

Il presidente del Maxi Ordine delle professioni sanitarie di Roma Claudio Dal Pont rivela che molte strutture si sono trincerate dietro la privacy: «Sappiamo tutti benissimo che l’abuso di professione è penalmente perseguibile anche dal datore di lavoro con il sequestro di tutte le attrezzature atte a compiere l’atto illecito»

Immagine articolo

La lotta all’abusivismo è una delle priorità del nuovo Ordine multialbo delle professioni sanitarie. Una guerra che però al momento viene combattuta con armi ‘spuntate’. Intanto però gli oltre 200mila professionisti sanitari attendono l’approvazione degli ultimi due decreti attuativi della Legge Lorenzin, la legge 3 del 2018, che ha dato il via alla grande avventura dell’Ordine dei Tecnici Sanitari Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione.

In mancanza delle armi adeguate, c’è chi però non perde tempo. È il caso del Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont, che ha preso carta e penna e ha scritto a tutte le strutture sanitarie, pubbliche e private di Roma e provincia per avere gli elenchi dei professionisti sanitari impiegati. Le risposte però non sono state quelle che si attendevano.«Non tutte le strutture pubbliche hanno risposto – sottolinea Dal Pont a Sanità Informazione – mentre tra le private c’è chi ha negato la risposta trincerandosi dietro la privacy».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, BEUX (TSRM PSTRP): «PROBLEMA EQUIVALENZA TITOLI E’ ‘DRAMMA’, SERVE SOLUZIONE TECNICA. MA ABUSIVI VANNO CONTRASTATI»

Eppure non ci dovrebbero essere reticenze: l’Ordine è un Ente sussidiario dello Stato e dovrebbe poter accedere legittimamente a questi dati. «Non ho la stella da poliziotto o da Nas – continua il Presidente del maxi Ordine di Roma – Ho chiesto tutti gli elenchi dei professionisti dei 19 profili dell’Ordine. Ho chiesto di avere gli elenchi. Molte aziende pubbliche e anche qualche privato me lo hanno mandato, ma non tutte. Adesso reitererò la richiesta mettendo qualcosa di più convincente. Sappiamo tutti benissimo che l’abuso di professione è penalmente perseguibile anche dal datore di lavoro con il sequestro di tutte le attrezzature atte a compiere l’atto illecito».

Presidente, cosa si può fare per sbloccare questa situazione?

«Non so se altri presidenti hanno fatto la stessa cosa. Io è da più di un mese che ho mandato le Pec a tutte le strutture pubbliche e private. Ho chiesto di darmi gli elenchi. Forse, ma ragiono per supposizioni, potrebbero almeno garantire con una autocertificazione che tutti i professionisti siano in regola. Le assicuro che il mio intendimento è quello di andare avanti. Io un paio di casi di abusivismo li ho già trovati, i nomi sono in mano all’avvocato. Adesso scriveremo all’azienda dove lavorano»

A Roma e provincia hanno compreso l’importanza di iscriversi all’Ordine multialbo?

«La stragrande maggioranza sì. Non posso nascondere che molti hanno una ritrosia. Ma del resto non tutti sono professionisti con la “P” maiuscola. Devo dire, anche in riferimento alla categoria a cui appartengo, quella dei tecnici di radiologia medica, qualcuno aveva problemi persino ad apparire nel referto al fianco del medico radiologo…».

Articoli correlati
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
Tecnici di laboratorio, a Torino ANTEL parla dei nuovi orizzonti.  Pennetta: «Momento di confronto per creare comune sentire»
L’evento si svolgerà alla Sala Lia Varesio il 15 novembre. Tra I relatori la presidente ANTEL Alessia Cabrini e il presidente SIMEDET Fernando Capuano
Professioni sanitarie, Bortone (CONAPS): «Pronti a collaborare per elezioni Commissioni d’Albo. All’orizzonte c’è sfida culturale»
Il presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie sottolinea: «Molti detrattori pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, invece abbiamo vinto sfida». Poi aggiunge: «Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi»
ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera
L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Igienisti dentali, UNID a Congresso. Il nuovo presidente Tomassi: «Dimostreremo qualità e preparazione. Tutela professione al primo posto»
A Roma il 18° Congresso nazionale dell'Unione igienisti dentali. Tra gli ospiti anche il presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP Alessandro Beux. La neovicepresidente Piscicelli: «Continueremo a chiedere alle istituzioni l’inserimento della figura dell’igienista dentale nel Servizio sanitario nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...