Salute 22 Ottobre 2019

L’Ospedale Niguarda compie 80 anni. Il direttore Bosio: «Una storia di generosità e innovazione»

Con una grande festa al teatro dal Verme, condotta da Simona Ventura, si sono conclusi i festeggiamenti per l’Ospedale Niguarda di Milano, alla presenza delle istituzioni e di artisti del calibro di Vittorio Sgarbi e Roberto Vecchioni

di Federica Bosco
Immagine articolo

Ottant’anni e non sentirli. Con una grande festa al teatro dal Verme, condotta da Simona Ventura, si sono conclusi i festeggiamenti per l’Ospedale Niguarda di Milano, alla presenza delle istituzioni e di artisti del calibro di Vittorio Sgarbi e Roberto Vecchioni. Una storia unica di professionalità e innovazione per quella che è da sempre un’eccellenza della sanità lombarda, come ha voluto ricordare il direttore generale Marco Bosio.

«Da 80 anni Niguarda eroga prestazioni di eccellenza e non solo, – racconta Bosio – perciò è giusto celebrare i nostri professionisti perché non c’è solo la dedizione e la passione, ma anche una grande professionalità e questo dà fiducia alle persone che accedono al Niguarda per i loro bisogni e quindi ci sembrava giusto aprirci alla città per celebrare insieme la sanità lombarda. Abbiamo avuto tanti primati: sulla chirurgia, sull’oncologia, sull’ematologia, ogni decennio ha avuto un primato. Tutto questo ci ha portato ad oggi, e a questo punto l’eccellenza di Niguarda è consolidata, ciò che adesso dobbiamo cercare di incrementare è la presa in carico del paziente, non solo in ospedale, ma anche sul territorio».

Ottant’ anni di storia coronati da un prestigioso traguardo: il trapianto di fegato numero 2.000 realizzato a settembre 2019. Un record che testimonia una grande tradizione e l’elevata competenza dei professionisti coinvolti: Niguarda, infatti, è il primo centro in Regione Lombardia per trapianti di fegato, e tra i primi per rene e per quelli combinati rene pancreas.

LEGGI: TRAPIANTO FEGATO-RENE IN DUE MOMENTI DIVERSI, AL NIGUARDA IL PRIMO IN ITALIA. DE CARLIS: «INTERVENTO COMPLESSO, ECCO COME ABBIAMO FATTO»

E’ diventato uno straordinario punto di eccellenza per la nostra Regione e per l’Italia – ha voluto sottolineare l’assessore alla Sanità di Regione Lombardia, Giulio Gallera – dalla cardiochirurgia, a tante altre discipline, ha scritto la storia della sanità italiana, ma mantenendo sempre un forte radicamento sul territorio. Niguarda ha sempre avuto la capacità di rinnovarsi e innovarsi. Ha 80 anni e non li dimostra. Qualche anno fa è stato fatto il blocco sud straordinariamente efficiente e continua a innovarsi anche nei reparti che riescono a produrre salute: dal centro per le malattie neuromuscolari, all’unità spinale, all’ippoterapia. Niguarda è l’unico ospedale al cui interno c’è un maneggio, senza dimenticare il centro traumi o centro trapianti che sono un punto di riferimento nazionale. Questo è un grande paradigma della straordinaria eccellenza della sanità lombarda».

Articoli correlati
«In aumento le intossicazioni da disinfettante per proteggersi dal Coronavirus». L’allarme del centro antiveleni
Il dottor Marcello Ferruzzi dell'Ospedale Niguarda di Milano: «Da evitare prodotti fai-da-te, non pulire mascherine con candeggina o ammoniaca»
di Federica Bosco
Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa
Zuccotti (direttore Medicina UniMi): «Cinque specializzandi e tre tutor controllano i dimessi dal Sacco e dal Fatebenefratelli, ma estenderemo il progetto a tutte le ASST milanesi»
di Federica Bosco
Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»
Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»
di Federica Bosco
Coronavirus, il grande cuore di Milano: donati oltre 150 milioni di euro alla Sanità lombarda
Da Intesa San Paolo a Berlusconi, fino alla ditta Ferragni Fedez: artisti, imprenditori e sportivi, la generosità per vincere la battaglia contro il coronavirus
di Federica Bosco
Coronavirus, Cuppone (Direttore sanitario San Donato): «Il picco non è ancora arrivato, ma tanti stanno guarendo»
L’ospedale milanese più vicino al primo focolaio di Coronavirus ha chiuso parte della chirurgia e dirottato personale nell’area Covid che ospita 6 pazienti in terapia intensiva e 40 in reparto
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...