Salute 19 Giugno 2019

Lombardia, la più grande cooperativa di MMG raccoglie la sfida sui malati cronici

Il presidente di CMCC Davide Lauri: «In futuro cooperative sempre più utili non solo per l’impianto gestionale ma anche per garantire strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Venticinque istituti, cinquanta addetti alla segreteria, otto infermieri professionali e 280 medici di base: sono questi i numeri della Cooperativa dei Medici di Milano centro, CMCC. La più grande realtà della Lombardia, nata negli anni ‘90 per snellire il carico burocratico del lavoro quotidiano, oggi ha raccolto la sfida sulla presa in carico del malato cronico lanciata dalla Regione, come spiega il Presidente Davide Lauri.

«Nel 2018 Regione Lombardia ha proposto una nuova sfida che è ancora in essere, sulla presa in carico del cronico, dove con altre cooperative lombarde abbiamo dato la nostra adesione. Oggi abbiamo 280 medici soci che lavorano prevalentemente a Milano, ma anche nella sede di Pavia dove operano 90 medici e quindi abbiamo accolto la sfida sia a Milano che a Pavia.

Chi sono i vostri medici?

«Sono medici che pagano un po’ lo scotto dell’età media della categoria di medicina generale. Non sono più giovanotti e quindi hanno un’età intorno ai 65 anni e dunque più vicini alla fine della vita professionale. Devo dire che anche i medici di una certa età hanno accettato questa sfida e sono in campo per difendere la professione e raccogliere la sfida del cronico. Abbiamo poi molta attenzione da parte delle nuove generazioni, perché questo è un momento di ricambio generazionale per cui cominciamo ad avere i primi giovani medici che si avvicinano alla cooperativa e quindi sono abbastanza incuriositi. C’è sempre un minimo di resistenza e diffidenza, ma quando capiscono che la cooperativa è anche uno strumento democratico dove l’organo fondamentalmente che decide è l’assemblea dei soci e ogni testa è un voto e tutto viene fatto con la massima trasparenza, allora i timori cessano e tutto diventa più facile. Tutto sommato il modello funziona bene e lo dimostra il fatto che non abbiamo mai avuto delle recessioni. Chi è entrato anche 15 anni fa è ancora nostro socio e usufruisce dei servizi. Il modello è performante, ideale per accettare le sfide future della professione».

LEGGI ANCHE: ACN MEDICINA GENERALE, SCOTTI (FIMMG): «SISTEMA NON RICONOSCE SFORZI A MEDICI CON ‘BUSTA PAGA’ FERMA DA 10 ANNI»

Quali sono le sfide future a cui si riferisce?

«Sicuramente negli anni a venire ci sarà da prendere in carico una popolazione sempre più anziana, e sempre più fragile, con tante cronicità. I medici saranno in numero minore e dovremo immaginarci uno scenario futuro dove la sanità cambierà profondamente perché le nuove tecnologie, ICT, intelligenza artificiale, che già oggi sono presenti con molte app, saranno la quotidianità e il medico dovrà imparare a gestirle per non esserne travolto. Quindi le cooperative potranno essere molto utili perché, se da un lato continueranno a sostenere l’impianto organizzativo gestionale con le figure che affiancheranno il medico come personale di studio, dall’altra potranno avere strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico anche a filtrare, comprendere e utilizzare al meglio i nuovi futuri strumenti».

Per diventare socio della cooperativa Medici di Milano centro occorre versare una somma di cinquecento euro a titolo cauzionale, e una quota di servizio una tantum di cento euro. Viene effettuato un breve colloquio motivazionale, dopodiché la candidatura verrà passata al vaglio del Consiglio di amministrazione che si esprimerà sul nuovo ingresso.

Articoli correlati
Lotta al fumo, Zagà (SITAB): «Medici non sono preparati. Serve corso di tabaccologia all’Università»
«Il problema è che ancora oggi ci si laurea e ci si specializza in Medicina e Scienze Infermieristiche senza sapere assolutamente nulla della prima causa di morte evitabile», ha spiegato Vincenzo Zagà, Presidente della Società italiana di Tabaccologia (SITAB)
Contratto medici e accordo MMG, il dissenso dello SMI: «Trattative con SISAC interrotte, forti dubbi anche su rinnovo dirigenza medica»
Il Sindacato dei Medici Italiano guidato da Pina Onotri conferma la sospensione delle trattative con SISAC. E contesta anche l’accordo sulla specialistica ambulatoriale: «Penalizza i medici over 43 anni impedendone, di fatto, la stabilizzazione del posto di lavoro»
Medici di Famiglia, FIMMG proclama stato di agitazione. Il segretario Scotti: «Defiscalizzazioni e ‘microteam’, aspettiamo risposte su ACN»
Il Segretario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale rilancia le proposte del sindacato per chiudere l’Accordo collettivo nazionale: «Incominciamo a ragionare su un team di fiducia, che copre l’arco orario, dando le dovute risposte e smistando le varie richieste» spiega Scotti, che poi chiede anche la decontribuzione per l’assunzione del personale. E non esclude lo sciopero: «Se nessuno ci risponde ci faremo le vacanze»
di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
Emicrania, Tedeschi (Sin): «Per adeguata prescrizione dei nuovi farmaci necessario formare neurologi e MMG»
Il presidente eletto della Sin: «Si tratta di terapie altamente specifiche, anticorpi che bloccano direttamente il CGRP, la sostanza che scatena l’attacco di emicrania. Non agiscono sull’episodio acuto, ma lo prevengono»
di Isabella Faggiano
Psicologi negli studi dei medici di famiglia, Magi (Sumai): «No. La Fimmg ha ragione»
«Siamo perfettamente in sintonia con quanto dichiarato da Silvestro Scotti, Segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, il quale, in merito all’ipotesi prevista da Dl Calabria di introdurre gli Psicologi negli studi dei medici di base ha espresso tutta la sua contrarietà. Al contrario, la figura del medico di base dovrebbe essere affiancata da […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...