Salute 19 Giugno 2019 10:16

Lombardia, la più grande cooperativa di MMG raccoglie la sfida sui malati cronici

Il presidente di CMCC Davide Lauri: «In futuro cooperative sempre più utili non solo per l’impianto gestionale ma anche per garantire strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico»

di Federica Bosco
Lombardia, la più grande cooperativa di MMG raccoglie la sfida sui malati cronici

Venticinque istituti, cinquanta addetti alla segreteria, otto infermieri professionali e 280 medici di base: sono questi i numeri della Cooperativa dei Medici di Milano centro, CMCC. La più grande realtà della Lombardia, nata negli anni ‘90 per snellire il carico burocratico del lavoro quotidiano, oggi ha raccolto la sfida sulla presa in carico del malato cronico lanciata dalla Regione, come spiega il Presidente Davide Lauri.

«Nel 2018 Regione Lombardia ha proposto una nuova sfida che è ancora in essere, sulla presa in carico del cronico, dove con altre cooperative lombarde abbiamo dato la nostra adesione. Oggi abbiamo 280 medici soci che lavorano prevalentemente a Milano, ma anche nella sede di Pavia dove operano 90 medici e quindi abbiamo accolto la sfida sia a Milano che a Pavia.

Chi sono i vostri medici?

«Sono medici che pagano un po’ lo scotto dell’età media della categoria di medicina generale. Non sono più giovanotti e quindi hanno un’età intorno ai 65 anni e dunque più vicini alla fine della vita professionale. Devo dire che anche i medici di una certa età hanno accettato questa sfida e sono in campo per difendere la professione e raccogliere la sfida del cronico. Abbiamo poi molta attenzione da parte delle nuove generazioni, perché questo è un momento di ricambio generazionale per cui cominciamo ad avere i primi giovani medici che si avvicinano alla cooperativa e quindi sono abbastanza incuriositi. C’è sempre un minimo di resistenza e diffidenza, ma quando capiscono che la cooperativa è anche uno strumento democratico dove l’organo fondamentalmente che decide è l’assemblea dei soci e ogni testa è un voto e tutto viene fatto con la massima trasparenza, allora i timori cessano e tutto diventa più facile. Tutto sommato il modello funziona bene e lo dimostra il fatto che non abbiamo mai avuto delle recessioni. Chi è entrato anche 15 anni fa è ancora nostro socio e usufruisce dei servizi. Il modello è performante, ideale per accettare le sfide future della professione».

LEGGI ANCHE: ACN MEDICINA GENERALE, SCOTTI (FIMMG): «SISTEMA NON RICONOSCE SFORZI A MEDICI CON ‘BUSTA PAGA’ FERMA DA 10 ANNI»

Quali sono le sfide future a cui si riferisce?

«Sicuramente negli anni a venire ci sarà da prendere in carico una popolazione sempre più anziana, e sempre più fragile, con tante cronicità. I medici saranno in numero minore e dovremo immaginarci uno scenario futuro dove la sanità cambierà profondamente perché le nuove tecnologie, ICT, intelligenza artificiale, che già oggi sono presenti con molte app, saranno la quotidianità e il medico dovrà imparare a gestirle per non esserne travolto. Quindi le cooperative potranno essere molto utili perché, se da un lato continueranno a sostenere l’impianto organizzativo gestionale con le figure che affiancheranno il medico come personale di studio, dall’altra potranno avere strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico anche a filtrare, comprendere e utilizzare al meglio i nuovi futuri strumenti».

Per diventare socio della cooperativa Medici di Milano centro occorre versare una somma di cinquecento euro a titolo cauzionale, e una quota di servizio una tantum di cento euro. Viene effettuato un breve colloquio motivazionale, dopodiché la candidatura verrà passata al vaglio del Consiglio di amministrazione che si esprimerà sul nuovo ingresso.

Articoli correlati
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
Concorso Medici di Medicina Generale, in Lombardia si presentano in 750 per 174 posti
Tra i candidati prevale la convinzione che la medicina territoriale vada cambiata
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...