Salute 19 Giugno 2019

Lombardia, la più grande cooperativa di MMG raccoglie la sfida sui malati cronici

Il presidente di CMCC Davide Lauri: «In futuro cooperative sempre più utili non solo per l’impianto gestionale ma anche per garantire strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Venticinque istituti, cinquanta addetti alla segreteria, otto infermieri professionali e 280 medici di base: sono questi i numeri della Cooperativa dei Medici di Milano centro, CMCC. La più grande realtà della Lombardia, nata negli anni ‘90 per snellire il carico burocratico del lavoro quotidiano, oggi ha raccolto la sfida sulla presa in carico del malato cronico lanciata dalla Regione, come spiega il Presidente Davide Lauri.

«Nel 2018 Regione Lombardia ha proposto una nuova sfida che è ancora in essere, sulla presa in carico del cronico, dove con altre cooperative lombarde abbiamo dato la nostra adesione. Oggi abbiamo 280 medici soci che lavorano prevalentemente a Milano, ma anche nella sede di Pavia dove operano 90 medici e quindi abbiamo accolto la sfida sia a Milano che a Pavia.

Chi sono i vostri medici?

«Sono medici che pagano un po’ lo scotto dell’età media della categoria di medicina generale. Non sono più giovanotti e quindi hanno un’età intorno ai 65 anni e dunque più vicini alla fine della vita professionale. Devo dire che anche i medici di una certa età hanno accettato questa sfida e sono in campo per difendere la professione e raccogliere la sfida del cronico. Abbiamo poi molta attenzione da parte delle nuove generazioni, perché questo è un momento di ricambio generazionale per cui cominciamo ad avere i primi giovani medici che si avvicinano alla cooperativa e quindi sono abbastanza incuriositi. C’è sempre un minimo di resistenza e diffidenza, ma quando capiscono che la cooperativa è anche uno strumento democratico dove l’organo fondamentalmente che decide è l’assemblea dei soci e ogni testa è un voto e tutto viene fatto con la massima trasparenza, allora i timori cessano e tutto diventa più facile. Tutto sommato il modello funziona bene e lo dimostra il fatto che non abbiamo mai avuto delle recessioni. Chi è entrato anche 15 anni fa è ancora nostro socio e usufruisce dei servizi. Il modello è performante, ideale per accettare le sfide future della professione».

LEGGI ANCHE: ACN MEDICINA GENERALE, SCOTTI (FIMMG): «SISTEMA NON RICONOSCE SFORZI A MEDICI CON ‘BUSTA PAGA’ FERMA DA 10 ANNI»

Quali sono le sfide future a cui si riferisce?

«Sicuramente negli anni a venire ci sarà da prendere in carico una popolazione sempre più anziana, e sempre più fragile, con tante cronicità. I medici saranno in numero minore e dovremo immaginarci uno scenario futuro dove la sanità cambierà profondamente perché le nuove tecnologie, ICT, intelligenza artificiale, che già oggi sono presenti con molte app, saranno la quotidianità e il medico dovrà imparare a gestirle per non esserne travolto. Quindi le cooperative potranno essere molto utili perché, se da un lato continueranno a sostenere l’impianto organizzativo gestionale con le figure che affiancheranno il medico come personale di studio, dall’altra potranno avere strumenti tecnologici evoluti e personale specializzato per aiutare il medico anche a filtrare, comprendere e utilizzare al meglio i nuovi futuri strumenti».

Per diventare socio della cooperativa Medici di Milano centro occorre versare una somma di cinquecento euro a titolo cauzionale, e una quota di servizio una tantum di cento euro. Viene effettuato un breve colloquio motivazionale, dopodiché la candidatura verrà passata al vaglio del Consiglio di amministrazione che si esprimerà sul nuovo ingresso.

Articoli correlati
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
MMG, Angelo Testa (Snami): «Medicina generale sotto attacco, vi spiego perché»
Il Presidente del sindacato nazionale autonomo ha scritto al ministro Speranza per lamentare la mancanza di attenzione verso il settore. Dubbi anche sulle figure dell’infermiere e dello psicologo di famiglia
Medici di famiglia, ex Ministro Grillo alle Regioni: «Meno borse di formazione di quelle previste»
«Dovevano essere 2000 da distribuire in tutta Italia, ma le Regioni hanno deciso incredibilmente di formarne solo 666», specifica l'ex Ministro della Salute, Giulia Grillo riferendosi alle borse di studio previste dal decreto Calabria
#AdessoBasta, i medici di famiglia scendono in piazza. Scotti (FIMMG): «Troppi attacchi e preconcetti»
Il tour prenderà il via da Biella il 3 settembre per poi toccare tutte le principali piazze d’Italia, partendo dal nord Italia dove in 30 giorni toccherà 15 città percorrerà 1800 chilometri
Lombardia, autunno di sfide per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Triplicheremo posti in scuole di Formazione MMG»
Colloquio con il Presidente della Commissione Sanità di Palazzo Lombardia Emanuele Monti: «Riorganizzeremo rete di emergenza-urgenza per dare più sicurezza e non avere più cittadini lombardi di serie A e di serie B»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo