Salute 22 Dicembre 2023 08:56

L’odore delle lacrime delle donne riduce l’aggressività maschile. Lo studio

La ricerca, appena pubblicata sulla rivista ‘Plos Biology’, mostra come l’odore delle lacrime porterebbe a una ridotta attività cerebrale correlata all’aggressività. I risultati sono stati valutati attraverso l’imaging funzionale

di I.F.
L’odore delle lacrime delle donne riduce l’aggressività maschile. Lo studio

Le lacrime delle donne possono ridurre l’aggressività degli uomini. Lo dice la scienza. In particolare, una ricerca appena pubblicata sulla rivista ‘Plos Biology’, condotta dalla ricercatrice Shani Agron al Weizmann Institute of Science, in Israele, rivela che le lacrime delle donne contengono particolari sostanze chimiche capaci di avere un effetto calmante sull’altro sesso. Risultato che sarebbe possibile ottenere semplicemente annusando le lacrime. Per la scienziata, l’odore delle lacrime porterebbe a una ridotta attività cerebrale correlata all’aggressività. “È noto – spiegano gli esperti, che l’aggressività maschile nei roditori viene bloccata quando sentono questo odore”.

Gli effetti 9dell’odore delle lacrime

È un esempio di ‘chemosegnali’ sociali, un processo comune negli animali ma meno comune, o meno compreso, negli esseri umani. Per determinare se esiste lo stesso effetto nelle persone, i ricercatori hanno esposto un gruppo di uomini alle lacrime emotive delle donne oppure a una soluzione salina durante un gioco a due. Il gioco era progettato per suscitare un comportamento aggressivo nei confronti dell’altro giocatore. Gli uomini erano portati a credere che l’avversario stesse barando, e quando ne veniva data l’opportunità potevano vendicarsi dell’altro giocatore facendogli perdere denaro. Durante l’esperimento gli uomini non sapevano cosa stavano annusando e non riuscivano a distinguere tra le lacrime e la soluzione salina, entrambe inodori.

Le lacrime emotive sono unicamente umane

Quello che è emerso è che il comportamento aggressivo e di ricerca di vendetta durante il gioco è diminuito di oltre il 40% dopo che gli uomini hanno annusato le lacrime emotive delle donne. L’imaging funzionale ha poi mostrato due regioni cerebrali legate all’aggressività – la corteccia prefrontale e l’insula anteriore – che diventavano più attive quando gli uomini venivano provocati durante il gioco, ma non così tanto attive nelle stesse situazioni in cui stavano annusando le lacrime. A livello individuale, maggiore risultava la differenza in questa attività cerebrale, meno spesso il giocatore si vendicava durante il gioco. Trovare questo collegamento tra lacrime, attività cerebrale e comportamento aggressivo implica che i chemosegnali sono un fattore anche nell’aggressività umana. “Proprio come nei topi, le lacrime umane contengono un segnale chimico che blocca l’aggressività maschile. Ciò – concludono gli autori – va contro l’idea che le lacrime emotive siano unicamente umane”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...