Salute 31 Gennaio 2020 10:30

Coronavirus, la situazione all’hotel dove alloggiavano i due turisti contagiati

È tesa questa mattina l’atmosfera all’Hotel Palatino in via Cavour a Roma, dove alloggiavano i primi due casi accertati di Coronavirus in Italia. Il direttore dell’albergo ha dichiarato alla stampa che la situazione all’interno è tranquilla ma dall’Ospedale Spallanzani arriva la notizia di un nuovo caso sospetto: si tratta di un paziente che lavorerebbe proprio […]

Coronavirus, la situazione all’hotel dove alloggiavano i due turisti contagiati

È tesa questa mattina l’atmosfera all’Hotel Palatino in via Cavour a Roma, dove alloggiavano i primi due casi accertati di Coronavirus in Italia. Il direttore dell’albergo ha dichiarato alla stampa che la situazione all’interno è tranquilla ma dall’Ospedale Spallanzani arriva la notizia di un nuovo caso sospetto: si tratta di un paziente che lavorerebbe proprio al Palatino. Il personale dell’albergo nega però qualunque legame professionale con il soggetto in questione.

“In merito all’operaio dell’Hotel Palatino non ci deve essere nessun allarmismo – spiega in una nota l’Assessorato alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio -. L’uomo, che nella notte è stato trasferito dall’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli allo Spallanzani, non è mai entrato in contatto con i due soggetti che sono risultati positivi. Il virus si trasmette per stretto contatto diretto. La ASL di competenza Roma 5 ha rispettato le procedure operative previste e lo ha trasferito esclusivamente a scopo precauzionale. La situazione non desta preoccupazione”.

In mattinata la redazione di Sanità Informazione ha parlato con un gruppo di dieci turisti inglesi appena, sbarcati a Roma, che avrebbero dovuto alloggiare proprio all’Hotel Palatino. Dopo essere stati informati della notizia dalla stampa presente numerosa davanti l’albergo hanno risposto: “Nessuno ci ha detto niente ma siamo inglesi, in salute e forti. Dormiremo comunque qui, al massimo chiederemo un maxi sconto”. I dipendenti dell’albergo sono andati regolarmente a lavoro e si dicono tranquilli in quanto la ASL ha decontaminato la stanza e deciso di non chiudere la struttura.

Presenti anche forze dell’ordine, giornalisti ed ospiti dell’albergo che escono dall’edificio dotati di mascherine. Previsto per le 14 il primo bollettino medico sulle condizioni di salute dei due turisti cinesi all’Ospedale Spallanzani.

Per dare un’idea della psicosi in atto, ci giunge notizia che in un aereo di linea una persona dai tratti orientali ha iniziato a tossire e il comandante, su segnalazione della hostess, ha fatto distribuire a tutti i passeggeri le mascherine. Stando a quanto riferito da SkyTg24, 15 persone si sono recate spontaneamente allo Spallanzani in quanto accusavano sintomi influenzali e alcuni di loro sono attualmente sotto osservazione.

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (25 novembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Studio Renaissance, vaccino Pfizer efficace anche contro le varianti dopo tre mesi dalla seconda inoculazione
La ricerca condotta sugli operatori sanitari dell’Ospedale Niguarda a 14 giorni e a 3 mesi dalla doppia vaccinazione ha evidenziato una copertura anticorpale sufficiente a garantire l’immunità nel tempo
di Federica Bosco
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Gimbe: «Scendono tutti i numeri, ma s’intravedono segnali precoci di aumento della circolazione del virus»
Il monitoraggio settimanale Gimbe rileva nella settimana 28 aprile-4 maggio 2021, una diminuzione di nuovi casi (78.309 vs 90.449) e decessi (1.826 vs 2.279). Sul fronte vaccini: «Una persona su 4 coperta con almeno una dose, oltre il 70% degli over 80 ha completato il ciclo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano