Salute 16 Marzo 2020

L’Italia in balcone canta e si fa forza. E applaude medici e professionisti sanitari

Flashmob in tutto il Paese per farsi coraggio e ringraziare gli operatori sanitari

Il silenzio dell’isolamento è insopportabile per gli italiani, che hanno deciso di riempirlo con l’inno nazionale, canzoni popolari, grida di incoraggiamento, applausi, musica e luci. Fittissima la programmazione dei flashmob organizzati e diffusi velocemente sui social e la rete.

Il più commovente è l’appuntamento delle 12.00, quando ogni giorno un lungo e sentito applauso viene rivolto dai palazzi di tutto lo stivale a tutti i medici e professionisti sanitari impegnati in prima linea a combattere il coronavirus.

Alle 18.00, non a casa l’ora dell’aperitivo, un momento di unione a distanza, di incoraggiamento e di comunità: le casse vengono rivolte verso le finestre o spostate sui balconi, e i vicini che a malapena si salutavano cantano in ogni angolo del Paese l’inno di Mameli, “Il cielo è sempre più blu”, “Volare” e “Felicità”. Sui terrazzi compaiono le bandiere che dopo i Mondiali del 2006 erano finite in qualche angolo buio di un armadio, e i bambini passano il tempo a dipingere lenzuoli e striscioni con gli arcobaleni diventati simboli di questa epidemia: sotto, campeggiano colorate le scritte #AndràTuttoBene.

Alle 21.00, infine, il tributo delle luci: candele e torce dei cellulari per illuminare un’Italia che, insieme, ce la farà. E, forse, quando l’emergenza sarà passata, si ritroverà più unita.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare?
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli