Salute 6 Settembre 2023 12:30

L’inquinamento uccide 16 bambini al giorno in Europa e Asia

L’analisi dell’Unicef: «I bambini sono più vulnerabili all’inquinamento: respirano due volte più velocemente degli adulti e spesso con la bocca. Urgente la transizione verso energie e trasporti puliti»

L’inquinamento uccide 16 bambini al giorno in Europa e Asia

Quasi 16 bambini e adolescenti perdono la vita ogni giorno, tra l’Europa e l’Asia centrale per cause legate all’inquinamento atmosferico. Nel 2019 i decessi sono stati quasi 6mila. Tra questi, stando ai dati emersi da un’analisi pubblicata dall’Unicef, 4.917 avevano meno di un anno. «Quando si tratta di inquinamento atmosferico, i polmoni più piccoli sono quelli che pagano il prezzo più alto, e questo provoca danni alla salute e allo sviluppo dei bambini, a volte costando loro la vita», spiega in una nota Regina de Dominicis, direttore regionale dell’Unicef per l’Europa e l’Asia centrale.

Perchè i bambini sono più a rischio

I bambini, così come sottolineato dall’Unicef, sono più vulnerabili all’inquinamento: respirano due volte più velocemente degli adulti e spesso con la bocca, assorbendo più inquinanti. La loro altezza li pone più vicini al suolo, dove si accumulano gli inquinanti. I loro organi sono esposti a infiammazioni e danni durante un periodo di rapido sviluppo. Ciò  si può tradurre in un maggior rischio di contrarre infezioni respiratorie acute come la polmonite e di sviluppare problemi respiratori come asma e, più in là negli anni, malattie cardiovascolari, cancro, disturbi neurologici.

Urge transizione verso energia e trasporti puliti

Per questo l’Unicef esorta i governi ad accelerare la transizione verso energia e trasporti puliti. Chiede, inoltre, di istituire e mantenere sistemi di  monitoraggio della qualità dell’aria nelle vicinanze di asili e scuole, rilevando i livelli di inquinamento atmosferico pericolosi per i bambini e le donne in gravidanza. «Ridurre gli inquinanti atmosferici e l’esposizione dei bambini all’aria tossica è fondamentale per proteggere la loro salute e le loro società, con conseguente riduzione dei costi sanitari, miglioramento dell’apprendimento, aumento della produttività e – conclude de Dominicis – un ambiente più sicuro e pulito per tutti».

Scopri se l’Aria che respiri è Pulita

Scopri se puoi aderire all’Azione Legale Collettiva e unisciti a noi. Ti aiutiamo a ottenere un risarcimento per gli anni in cui hai vissuto in città inquinate.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...