Salute 10 Aprile 2024 18:51

Linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario: AIFA approva glofitamab

Novità nell’ambito della terapia del linfoma diffuso a grandi cellule B. L’Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato glofitamab per la forma recidivante o refrattaria dopo due o più linee di terapia sistemica. Glofitamab è un anticorpo monoclonale bispecifico le cui caratteristica peculiare – oltre al fatto di essere una monoterapia chemio free-  è la durata fissa del trattamento, circa otto mesi

di M.L.
Linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario: AIFA approva glofitamab

L’Agenzia Italiana del Farmaco – in data 15 marzo 2024 – ha approvato glofitamab di Roche, anticorpo bispecifico sviluppato da Roche, per il trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL, diffuse large B-cell lymphoma) recidivante o refrattario (R/R) dopo due o più linee di terapia sistemica.

Glofitamab è l’unico anticorpo monoclonale bispecifico disponibile ad oggi con una configurazione 2:1 che gli permette di avere una regione che lega il CD3 e due regioni che legano il CD20, creando una sinapsi immunologica tra linfocita T e la cellula B tumorale, con conseguente attivazione diretta delle cellule T, rilascio di proteine citotossiche ed eliminazione delle cellule B tumorali.

Il suo meccanismo d’azione lo rende particolarmente efficace ed in grado di indurre risposte complete, veloci e durature nei pazienti con linfomi fortemente pretrattati e/o refrattari alle precedenti terapie incluse le CAR-T. La sua somministrazione per un periodo di tempo determinato (12 cicli da 21 giorni, pari a circa 8 mesi) consente ai pazienti di sapere quando il trattamento terminerà.

Le caratteristiche peculiari di glofitamab sono quindi la durata fissa del trattamento oltre al fatto di essere una monoterapia chemio-free e pronta all’uso, a differenza di altre opzioni terapeutiche che necessitano lunghi tempi di preparazione e manipolazione cellulare prima di iniziare il trattamento.

“In ematologia oncologica la ricerca ci sta abituando a una innovazione continua che sta cambiando pian piano la storia di diverse malattie, anche in stadi avanzati e/o situazioni con poche prospettive terapeutiche – dice Davide Petruzzelli, Presidente di Lampada di Aladino – L’approvazione da parte dell’Agenzia Regolatoria di glofitamab offre ai pazienti con DLBCL recidivante/refrattario un’opportunità importante per intraprendere un nuovo percorso legato alla malattia. Questa innovazione introduce elementi che possono impattare notevolmente sulla qualità di vita, come ad esempio la durata fissa della terapia che permette di guadagnare tempo prezioso da dedicare nuovamente a sé stessi, ma anche la sua distribuzione capillare sul territorio che ne facilita l’accesso. Inoltre, a dare un notevole supporto è anche il programma di uso compassionevole che aiuta ad anticipare l’inizio della cura”.

“Come associazione di pazienti impegnata da oltre 50 anni nel fornire supporto e informazioni a chi lotta contro patologie onco-ematologiche, l’approvazione di questa terapia innovativa ci rende lieti e fiduciosi – aggiunge Giuseppe Gioffrè, Referente gruppo pazienti linfomi AIL – Glofitamab, infatti, permette di facilitare i processi legati al trattamento di cura e dà la possibilità ai pazienti di guadagnare tempo prezioso evitando l’ospedalizzazione prolungata”.

Lo studio registrativo

L’approvazione di glofitamab da parte dell’AIFA si basa sui risultati dello studio registrativo di fase I/II NP30179. Questo studio, con un follow-up mediano aggiornato di 32.1 mesi, ha dimostrato come glofitamab, somministrato per un massimo di 12 cicli (circa otto mesi) in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario – che avevano ricevuto almeno due precedenti linee di terapia – è in grado di mantenere risposte complete durate nel tempo.

Infatti, dopo questo follow-up mediano a lungo termine, il 55% dei pazienti con una risposta completa era ancora in remissione a 24 mesi. La maggior parte di questi pazienti è rimasta libera da progressione ed era ancora in vita 18 mesi dopo aver completato il trattamento a durata fissa con glofitamab. L’efficacia è mantenuta anche nei pazienti più compromessi che avevano ricevuto in precedenza le CAR-T.

Glofitamab risulta inoltre ben tollerato. L’evento avverso più comune è stato la sindrome da rilascio citochinico (CRS), ma limitata al ciclo 1 e gestibile. Le discontinuazioni per eventi avversi sono state rare e solo nel 2,8% dei pazienti. Questi dati confermano quindi l’importante ruolo di glofitamab nel trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario, mostrando come una terapia a durata definita possa determinare risposte complete durature in pazienti pretrattati anche dopo la fine del trattamento.

I commenti

“I pazienti affetti da DLBCL fortemente pretrattati o refrattari avevano purtroppo poche alternative terapeutiche. Negli ultimi anni il panorama terapeutico si è arricchito di nuove terapie innovative ed efficaci e l’approvazione di glofitamab rappresenta una di queste innovazioni. – evidenzia Paolo Corradini, Professore Ordinario di Ematologia all’Università degli Studi di Milano – I dati di glofitamab confermano l’importante ruolo degli anticorpi bispecifici CD20xCD3 nel trattamento dei linfomi non Hodgkin B sia aggressivi sia indolenti, mostrando come una terapia a durata definita possa determinare risposte complete e durature anche dopo il termine del trattamento. In quest’ottica si conferma anche il razionale di studi clinici in corso, in cui gli anticorpi bispecifici vengono testati in strategie di combinazione nelle linee di trattamento precoci del DLBCL e del linfoma follicolare”.

“L’approvazione da parte di AIFA dell’anticorpo bispecifico glofitamab rappresenta un traguardo significativo nella lotta contro il linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL), uno dei tumori ematologici più diffusi. Questo tipo di linfoma presenta sfide terapeutiche considerevoli, con un numero importante di pazienti che non traggono beneficio dagli attuali standard di cura – osserva Carmelo Carlo-Stella, Professore Ordinario di Ematologia, Humanitas University; Direttore della Scuola di Specializzazione in Ematologia, Humanitas University; Capo Sezione Neoplasie Linfoidi, IRCCS Humanitas Research Hospital – I dati provenienti dagli studi clinici dimostrano che glofitamab è in grado di mantenere le remissioni in molti pazienti pesantemente pretrattati, offrendo così una nuova speranza. Grazie alla sua progettazione mirata, che coinvolge il CD20 sulle cellule B maligne e il CD3 sulle cellule T, la molecola attiva una risposta immunitaria specifica contro le cellule tumorali. Possiamo considerare questo progresso terapeutico una vera e propria svolta per i pazienti con questa patologia”.

Sono più di 45 i paesi che hanno approvato glofitamab per il trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario dopo due o più linee di terapia sistemica precedentemente non trattato, compresi US, l’UE, il Regno Unito, la Cina, il Canada e da oggi anche l’Italia. Attualmente è in corso la presentazione di domande di registrazione ad altre autorità regolatorie in tutto il mondo.

L’impegno di Roche

Roche continua a confermare il suo storico impegno in ematologia, studiando soluzioni innovative che hanno l’obiettivo di ridefinire gli standard di trattamento per i pazienti e migliorare quelli esistenti. Nell’ambito di un ampio programma di sviluppo clinico di anticorpi bispecifici CD20xCD3 attivanti i linfociti T, Roche si sta concentrando nell’esplorazione del potenziale di glofitamab e mosunetuzumab in linee di trattamento precoci e in combinazione con altre molecole innovative e che non richiedono chemioterapia, come polatuzumab vedotin. L’obiettivo è offrire ai pazienti risultati più duraturi che impattino sulla qualità della loro vita e sulla prospettiva di cura.

“Il nostro impegno è quello di portare ai pazienti soluzioni terapeutiche innovative che generino risultati con impatto rilevante. Da molti anni Roche sta dedicando un grande focus allo sviluppo di anticorpi bispecifici attivanti i linfociti T e abbiamo raggiunto risultati clinici e organizzativi significativi nel trattamento dei linfomi – conclude Federico Pantellini, Medical Affairs Lead Roche Pharma – Grazie agli importanti dati di efficacia ottenuti dallo studio registrativo, alla sua pronta disponibilità e al regime a durata fissa, crediamo che glofitamab potrà migliorare significativamente i percorsi terapeutici dei pazienti affetti da linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario”.

Il programma di sviluppo per glofitamab

Roche darà seguito al programma di sviluppo clinico di glofitamab, il quale include lo studio di fase III STARGLO, che valuta glofitamab in combinazione con GEMOX (gemcitabina e oxaliplatino) rispetto a rituximab in combinazione con GEMOX in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B  recidivante o refrattario in seconda o successive linee di trattamento non idonei al trapianto autologo di cellule staminali.

Attualmente è in corso in Italia anche un ulteriore studio di fase III (SKYGLO) nei pazienti con nuova diagnosi di linfoma diffuso a grandi cellule B, volti ad indagare le potenzialità di glofitamab in combinazione con polatuzumab vedotin + R-CHP come trattamento di prima linea del linfoma diffuso a grandi cellule B.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...