Salute 20 Dicembre 2021 12:01

L’importanza della diagnosi differenziale nelle dermatiti a rischio sovrainfezione

Nel trattamento delle lesioni cutanee con sospetta una infezione secondaria è indicato l’uso di una preparazione topica a base di gentamicina e betametasone

L’importanza della diagnosi differenziale nelle dermatiti a rischio sovrainfezione

Eritema, desquamazione e prurito sono i tre segni che identificano l’eczema, una condizione patologica molto comune della pelle, la cui eziopatologia è ancora in gran parte sconosciuta, anche se sembrano coinvolti diversi fattori sia ambientali sia genetici [1]. L’eczema può variare da lieve, moderato a grave, e sono numerose le cause che possono scatenare la sua insorgenza [1].
Dal punto di vista clinico si distinguono vari tipi di eczema: dermatite atopica, dermatite irritativa da contatto, dermatite allergica da contatto ed eczema mummullare [1]. La dermatite atopica, o eczema atopico, è la più comune malattia infiammatoria cronica e ricorrente della pelle: secondo le stime, colpisce nel mondo il 15-20% dei bambini e l’1-3% degli adulti, con ricorrenti riacutizzazioni di lesioni eczematose pruriginose su cute già diffusamente xerotica [1]. La dermatite atopica è frequentemente complicata da infezioni batteriche (soprattutto da Staph. Aureus), ma anche virali e fungine [2]. Le zone infettate si osservano soprattutto nelle zone escoriate dal grattamento sotto forma di una impetiginizzazione con croste mieliceriche e che si riconoscono anche per una intensa reazione eritemato-edematosa perilesionale [1].
La dermatite da contatto si manifesta in risposta all’esposizione della pelle a sostanze irritanti (dermatite irritativa da contatto) o allergeni (dermatite allergica da contatto). La manifestazione tipica della dermatite da contatto coinvolge le mani o su altre parti del corpo esposte e i sintomi includono sempre prurito, eritema e desquamazione, talvolta associati a edema, vescicolazione e squamocroste nelle fasi più acute [1]. Anche nel caso delle dermatiti da contatto, la complicanza più frequente è la sovrainfezione batterica [2].

L’eczema nummullare o eczema discoide, si osserva con più frequenza nei soggetti anziani: colpisce prevalentemente gli arti, dove scarseggia la produzione di film idrolipidico protettivo. Si presenta con il caratteristico aspetto di lesioni eczematose discoidi [1]. Può essere molto pruriginoso e il grattamento che ne consegue può favorire le sovrainfezioni [1].
Tutte le forme di eczema hanno come comune denominatore eziopatogenetico un’alterazione dell’integrità della barriera cutanea: particolare attenzione va quindi posta in sede di diagnosi, poiché solo con un’accurata anamnesi ed eventualmente effettuando di test allergologici è possibile stabilire il tipo di eczema e definire l’approccio terapeutico più corretto [1].
Tra i farmaci topici più frequentemente utilizzati nel trattamento dell’eczema si trovano i corticosteroidi locali in varie formulazioni, talvolta associati ad antibiotici, antisettici e antimicotici locali [1].
Le combinazioni gentamicina solfato/betametasone valerato in crema 0,1% + 0,1% o 0,1% + 0,5%sono indicate nel trattamento topico delle dermatosi allergiche o infiammatorie secondariamente infette o quando esista la minaccia di infezione, quali: eczema atopico, eczema infantile, eczema nummulare e dermatite da contatto [3].
La formulazione 0,1% + 0,5%, è particolarmente indicata nella terapia di mantenimento delle dermatosi gravi o resistenti una volta ottenuto un adeguato miglioramento con la formulazione 0,1%
+ 0,1%; nel il trattamento di dermatosi meno gravi o meno resistenti, particolarmente in quelle che colpiscono estese zone del corpo o quelle croniche che richiedono una terapia prolungata [3].

Bibliografia
1. Gianni C. Trattamento topico dell’eczema e delle sue più comuni complicanze infettive. Rivista Società
Italiana di Medicina Generale N.6 VOL.25 2018
2. Papini M, Russo A. Dermatiti allergiche e irritative (atopica, irritativa e allergica da contatto). In Infezioni
Cutanee dalla Diagnosi al Trattamento – SIMG 2017
3. Gentalyn Beta – RCP

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tatuaggi all’hennè? Nel 50% dei casi causano dermatiti: lo studio dell’Università di Perugia
Belli, indolori e soprattutto “a tempo”. I tatuaggi all’hennè sono ogni estate una forte tentazione soprattutto per bambini e adolescenti, una pratica in realtà che ha origini antichissime nei Paesi orientali e nell’Africa settentrionale. Ma a rivelarne il rischio per la pelle dei nostri bambini e ragazzi è uno studio realizzato dall’Università degli Studi di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi