Salute 16 Giugno 2023 08:44

L’immunità dalle malattie ha una sua forza e non è legata all’età: più comune nelle donne. Italia in prima fila nella scoperta

E’ nel sistema immunitario la chiave per capire perche’  alcune persone non si ammalano quasi mai, mentre altre sono spesso vittima di infezioni e infiammazioni. Le difese dell’organismo avrebbero infatti una forza intrinseca, una capacita’  di resilienza che non dipende dall’eta’  e che sembrerebbe piu’  comune nelle donne. Pubblicata sulla rivista Nature Communications, la scoperta […]

L’immunità dalle malattie ha una sua forza e non è legata all’età: più comune nelle donne. Italia in prima fila nella scoperta

E’ nel sistema immunitario la chiave per capire perche’  alcune persone non si ammalano quasi mai, mentre altre sono spesso vittima di infezioni e infiammazioni. Le difese dell’organismo avrebbero infatti una forza intrinseca, una capacita’  di resilienza che non dipende dall’eta’  e che sembrerebbe piu’  comune nelle donne. Pubblicata sulla rivista Nature Communications, la scoperta e’  il primo passo verso una prevenzione personalizzata, che in un futuro ancora lontano permetterebbe di aiutare il sistema immunitario a reagire alle malattie.

Allo studio, coordinato da Sunil Ahuja, dell’Universita’  del Texas a San Antonio, l’Italia ha partecipato in modo importante, grazie al patrimonio di dati genetici del progetto SardiNIa. Hanno collaborato l’Istituto di Ricerca Genetica e Biomedica del Consiglio nazionale delle ricerche a Monserrato (Cagliari), con Edoardo Fiorillo e Valeria Orru’ , e l’Universita’  di Sassari, con Francesco Cucca.     Oltre ai dati della Sardegna, sono stati raccolti dati negli ospedali e nelle prostitute africane: complessivamente oltre 48.000 individui. Altri dati vengono da modelli animali, compresi i primati. L’analisi di tutto questo materiale ha permesso di scoprire che “esiste un equilibrio immunologico”, ha detto Fiorillo. A bilanciarlo sono due tipi di cellule immunitarie: i linfociti CD4 e CD8. “E’ importante non solo il loro numero, ma il rapporto che esiste fra loro”, osserva l’esperto. “Danno l’idea di quanto il sistema immunitario stia bene”. In alcuni casi l’equilibrio “puo’  venire alterato dalle malattie e perdere colpi con l’invecchiamento, ma puo’  anche essere resiliente, ossia puo’  resistere a impatti con fattori esterni e mostrare una facilita’  a ricostituire le difese”.

Quest’ultima caratteristica non ha eta’ : e’  possibile che bambini o giovani adulti siano continuamente soggetti a infezioni e che persone in anziane mostrino invece una maggiore resistenza.      I dati indicano inoltre che la resilienza immunitaria e’  piu’ comune nelle donne e che chi ha difese immunitarie piu’  forti guarisce piu’  rapidamente.     “Il prossimo passo della ricerca sara’  individuare altri fattori dell’equilibrio: oltre alle cellule, potremo considerare le molecole che hanno la funzione di mediatori dell’immunita’ “, ha detto Fiorillo. In seguito si dovranno studiare i fattori genetici che regolano cellule e molecole immunitarie: “bisognera’ scoprirli” e l’Italia, con la Sardegna, potrebbe avere un ruolo di primo piano.

L’obiettivo e’  raccogliere dati su 100.000 persone, ma servono fondi: circa 20 milioni di euro solo per i reagenti. “In altri Paesi i governi stanno gia’  finanziando ricerche analoghe, ma in Italia questo non accade. Alcune idee le abbiamo solo noi, ma gli altri si stanno muovendo”, ha detto il ricercatore.       E’ una strada che vale la pena percorrere perche’  riuscire a trovare i fattori che determinano la resilienza del sistema immunitario potrebbe permettere, in futuro, di rendere le diagnosi piu’  precise, di poter prevedere il decorso delle malattie. In generale, potrebbe diventare possibile aiutare chi ha un’immunita’  meno resiliente di reagire alle malattie in modo efficiente e, ingenerale, di vivere piu’  a lungo.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...