Salute 30 Agosto 2018 10:05

Light of Cherenkov, la luce azzurra che “guida” la cura. Grimm (radiologo): «Puntare solo al tumore risparmiando parti sane del corpo»

«Grazie alla luce di Cherenkov è possibile attivare gli agenti utilizzati nella diagnostica per immagini o monitorare l’attività enzimatica. In futuro riusciremo ad utilizzarla per minimizzare i danni della radioterapia». Parla Jam Grimm, professore associato di Radiologia alla School of Biomedical Sciences di New York

di Isabella Faggiano
Light of Cherenkov, la luce azzurra che “guida” la cura. Grimm (radiologo): «Puntare solo al tumore risparmiando parti sane del corpo»

Ogni  volta che una particella carica si muove in un mezzo con una velocità più alta di quella della luce si genera un effetto luminoso. Si tratta della cosiddetta luce di Cherenkov, che prende il nome dal primo scienziato che è riuscito a rilevarla sperimentalmente: il sovietico Pavel Cherenkov,  vincitore del premio Nobel nel 1958.

L’effetto Cherenkov è alla base di diversi fenomeni, tra i più caratteristici e conosciuti c’è sicuramente la luce azzurra che si può osservare dai reattori nucleari. Proprio grazie a questa luce azzurra (ben visibile) un gruppo di ricerca dell’Università di Dartmouth, nel New Hampshire, ha intuito la possibilità di utilizzare Cherenkov in medicina in relazione alle terapie oncologhce. Perchè? «La differenza sostanziale rispetto alle altre tecniche terapeutiche oncologiche –  spiega ai microfoni di Sanità Informazione Jam Grimm, radiologo, membro del  programma di farmacologia molecolare e professore associato di Radiologia alla School of Biomedical Sciences di New York -, è che la radiazione di Cherenkov potrebbe rendere visibili i raggi X. Sappiamo che durante le radiografie non è possibile vedere i fasci di radiazione che ci attraversano, la stessa cosa accade in oncologia durante la radioterapia per la cura dei tumori».

LEGGI ANCHE: LINFOMA E LEUCEMIA LINFOBLASTICA, UE APPROVA PRIMA TERAPIA CELLULARE CON LINFOCITI T

«A causa di questo ‘limite’ – spiega Grimm -, nella cura dei tumori  vengono danneggiate anche le cellule sane perché non è possibile colpire solo la zona interessata. Invece, utilizzare il radiotracciante permetterebbe di arrivare direttamente al tumore. Nello specifico, permetterebbe di somministrare la terapia antitumorale nella zona precisa dove si è sviluppato il tumore. Grazie a questa luce indotta sarà possibile mirare la cura in un unico specifico punto, quello malato, con il grande vantaggio – prosegue – di risparmiare a tutti gli altri organi gli effetti collaterali della terapia».

«Grazie alla luce di Cherenkov inoltre – continua Grimm – è possibile utilizzare radiotraccianti clinicamente approvati. Di conseguenza possono essere impiegati e controllati, anche nell’ambito della diagnostica per immagini, senza dover aspettare l’autorizzazione delle autorità competenti, delle amministrazioni federali se ci trovassimo negli Stati Uniti o delle Agenzie Europee, operando in Italia. Al momento, questo è il vantaggio principale – ha specificato Grimm -. Ma grazie alla luce di Cherenkov siamo anche in grado di fare dei “trucchetti carini”. Possiamo attivare gli agenti utilizzati nella diagnostica per immagini o monitorare l’attività enzimatica. Attività che, di solito, non può essere quantificata con le strumentazioni di medicina nucleare a “luce normale”».

Articoli correlati
Congresso Tecnici Sanitari Radiologia Medica, Faster: «Migliorare competenze per vincere pandemia»
FASTeR – Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia è stata il fulcro della 18° edizione del Congresso Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica che si è svolta il 7 e 8 novembre 2020
«L’importanza del tecnico sanitario di radiologia medica nella lotta al Covid-19»
di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica
di Vincenzo Grimaldi, Tecnico Sanitario di Radiologia Medica
Giornata mondiale della Radiologia, i tecnici: «Il nostro contributo per la sicurezza dei pazienti»
In occasione della Giornata mondiale della radiologia, l’International Society of Radiographers and Radiological Technologists (ISRRT) ha realizzato una pubblicazione alla cui stesura  hanno partecipato i TSRM Roberta Gerasia (ISMETT di Palermo) e e Matteo Migliorini 
Chiacchierata con il Premio Nobel John Gurdon: «Clonare gli esseri umani è inutile, così come i dilemmi etici…»
ESCLUSIVA | Abbiamo incontrato il Premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia John Gurdon al Festival della Scienza Medica di Bologna. Nel 1962 ha scoperto che la specializzazione cellulare è un processo reversibile, per cui, ad esempio, le cellule della pelle possono essere ‘trasformate’ in cellule degli occhi e combattere la maculopatia. Fu anche grazie ai suoi esperimenti che nacque la pecora Dolly
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»