Salute 7 Aprile 2015

La scure dei tagli sulle Regioni: 2,5miliardi in meno per la sanità

Mannaia su beni e servizi, prestazioni specialistiche e riabilitative oltre che sulla farmaceutica. Salteranno anche molti primari

Immagine articolo

La vera “passione” della sanità italiana comincia dopo Pasqua. Dalla Conferenza Stato-Regioni arriverà infatti nei prossimi giorni il via libera alla manovra da 2,5 miliardi imposta dalla Legge di Stabilità.

Una serie di riunioni tecniche, intensificatesi alla vigilia delle festività, hanno già permesso di pianificare le misure o meglio i sacrifici che ricadranno interamente sulle spalle delle Regioni. Il governo dovrà solo impacchettarle in un decreto legge da varare a breve. Ai governatori il compito di stringere la cinghia da qui a quel che resta di un anno di lacrime e sangue. Complessivamente le Regioni dovranno rinunciare a 2 miliardi mentre quelle a statuto speciale a 352 milioni, ma va considerato che gli investimenti per l’edilizia ospedaliera sono stati già ridotti di 285 milioni.

Come si rastrellerà questa cifra? La parte più corposa della cura dimagrante riguarderà beni e servizi: la ricontrattazione dei contratti di fornitura in essere dovrà rendere ben 1,4 miliardi grazie anche alle sforbiciate su dispositivi medici, prestazioni specialistiche e riabilitative. Un’altra fetta sostanziosa arriverà dalla farmaceutica, che dovrà produrre complessivamente un risparmio di 545 milioni: 200 grazie all’anticipazione del nuovo prontuario per eliminare i medicinali “doppione”, altri 35 dalla ricontrattazione del prezzo dei medicinali biotecnologici e 310 milioni dalla riduzione del livello di finanziamento sui livelli di spesa programmati per il settore. Per centrare l’obiettivo sarà necessario anche sacrificare le prestazioni specialistiche e di riabilitazione, contenendo i costi di 195 milioni.

Dovranno poi chiudere le cliniche con meno di 40 letti (escluse le monospecialistiche), a meno che non si aggreghino, superando almeno la soglia degli 80 posti: questo comporterà un contenimento della spesa di ulteriori 10 milioni. Non si salveranno neppure gli ospedali; chiudendo reparti e posti letto sottoutilizzati si eliminerà dal conto poco meno di 70 milioni. Questa operazione costerà il posto a diversi primari, come già previsto dal Patto per la salute, firmato lo scorso anno da governo e Regioni e ora recepito da un regolamento ministeriale sulla rete ospedaliera appena varato. Giro di vite anche sulle tariffe rimborsate agli ospedali per i ricoveri inappropriati e per le giornate di degenza che superano la durata prevista: nel primo caso il taglio sarà del 50% e nel secondo si salirà fino al 60%.

Sul tavolo anche nuove misure per la governance del sistema sanitario e una spinta decisiva all’introduzione di modifiche normative sulla responsabilità civile e penale al fine di favorire l’appropriatezza prescrittiva e limitare gli effetti della medicina difensiva, autentica piaga del SSN con un costo annuo di oltre 10 miliardi, come di recente sottolineato dal report del Ministero della Salute, che ha anche costituito una Commissione ad hoc sul tema.

Articoli correlati
Eliminazione tetto di spesa, Palermo (Anaao): «Lo abbiamo sempre chiesto». Tutte le criticità del SSN
Pensionamenti, regionalismo differenziato e fondi solo apparentemente integrativi, per Anaao Assomed si tratta di una "tempesta perfetta"
Sanità, premier Conte: «Non tagliamo, investiamo su ricerca e formazione. Fare il massimo per diritto salute»
Il Presidente del Consiglio, ai microfoni di Sanità Informazione, smentisce eventuali tagli in ambito sanitario. Sulla stessa linea il ministro della Salute Giulia Grillo: «Devono passare sul mio cadavere per toccare la spesa sanitaria»
Aggressioni medici, Giuseppe Quintavalle (Asl Roma 4): «Lavorare su condizione umana e non cedere a provocazioni»
«Abbiamo creato uno sportello per cercare di motivare il nostro personale ad agire al meglio, inoltre fondamentale dialogo con parenti e amici del paziente» così Giuseppe Quintavalle sulle aggressioni al personale sanitario
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Carenza anestesisti, la proposta: «Università possono formare 1165 rianimatori. Occorre finanziare i contratti»
Secondo un documento dell’Osservatorio Nazionale per la formazione medico-specialistica, datato 18 giugno, la capacità formativa delle Scuole di Specializzazione di Anestesia e Rianimazione delle Università italiane per l’imminente nuovo anno accademico, alla luce dell’aggiornamento dei criteri di accreditamento che le riguardano, è di 1.165 nuovi Specializzandi. Secondo le Regioni, i fabbisogni complessivi italiani per l’anno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...