Salute 10 Marzo 2015 18:27

La musica della solidarietà suona per il disagio mentale

Il concerto di Villa Letizia regala una serata di emozioni con “l’abbraccio” di istituzioni e personaggi dello spettacolo agli ospiti della comunità di recupero

La musica della solidarietà suona per il disagio mentale

Una serata vibrante di emozioni sulle note della solidarietà. Il concerto che ha chiuso la prima edizione della “Giornata del Dono” è riuscito a cogliere nel segno proprio come si proponeva l’iniziativa benefica di venerdì scorso.

L’obiettivo era infatti quello di trasmettere e diffondere lo spirito costruttivo con cui opera l’associazione Letizia Onlus, che ha promosso l’evento insieme all’Università Europea presso l’auditorium dell’Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma. Il risultato è stato il pieno coinvolgimento del pubblico grazie all’entusiasmo che sono stato in grado di trasmettere ai numerosi presenti i ragazzi dell’associazione. La Onlus lavora, infatti, sul disagio mentale. Un compito delicato e difficile, ma portato avanti con grande professionalità, impegno e abnegazione dallo staff diretto dal dottor Santo Rullo, medico psichiatra, direttore della Comunità Terapeutica Riabilitativa.

E portare sul palcoscenico uno spettacolo di questo genere è stata un’impresa per certi versi anche coraggiosa, ma rivelatasi importantissima per accendere i riflettori sul tema, trovando la mano tesa delle istituzioni e delle tante personalità dello spettacolo e dello sport (tra questi Lillo del popolare duo comico che comprende anche Greg, l’attore Paolo Calabresi e il regista Volfango De Blasi) che con la loro presenza hanno contribuito a rendere ancora più speciale l’evento. Gli organizzatori, insieme ai ragazzi protagonisti del concerto, hanno apprezzato quella vicinanza mostrata, sottolineando quanto il sapere di non essere soli, avere il supporto del mondo esterno alla comunità rappresenti una maniera indispensabile per rendere più completo il percorso di recupero cui ci deve sottoporre.

Particolarmente significativa una delle testimonianze del toccante video proiettato al termine della manifestazione. Cristiano, ex ospite ed ora volontario del centro, ha lanciato un messaggio apparentemente molto semplice, ma di grande impatto: “Ragazzi fate attenzione: ci vuole un attimo a sbagliare, ma una vita per recuperare”. Lui, fortunatamente, è riuscito a farlo prima ed anzi è riuscito a reinserirsi nel mondo del lavoro, creando una piccola impresa per lavori e manutenzioni in cui sta dando una nuova possibilità proprio ai ragazzi in cura presso la Letizia Onlus. Davvero un “gran finale” per un concerto che per l’ottima riuscita – realmente in tutti i sensi – di questa prima edizione, ha già prenotato il bis per il prossimo anno. 

Articoli correlati
Sanità, Fp Cgil: «Urge assunzione di medici non obiettori»
«Pochi professionisti lasciati soli a garantire un servizio e un diritto»
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
Giornata della Sclerodermia, la malattia non tarpa le ali ai sogni. La storia di mamma Gabriella
Si celebra il 29 giugno di ogni anno, in tutto il mondo. La presidente Ails: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri»
di Isabella Faggiano
Con la FitnessWalk il benessere dopo il Covid si ritrova camminando a ritmo di musica
Per la dottoressa Marisa Gualea (medico di medicina dello sport Università di Pavia) è importante camminare e praticare attività aerobica personalizzata. Per provare la FitnessWalk e sostenere il progetto di ricerca per sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti, appuntamento con la Yac FitnessWalk il 24 giugno a Pavia
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco