Salute 10 marzo 2015

La musica della solidarietà suona per il disagio mentale

Il concerto di Villa Letizia regala una serata di emozioni con “l’abbraccio” di istituzioni e personaggi dello spettacolo agli ospiti della comunità di recupero

Immagine articolo

Una serata vibrante di emozioni sulle note della solidarietà. Il concerto che ha chiuso la prima edizione della “Giornata del Dono” è riuscito a cogliere nel segno proprio come si proponeva l’iniziativa benefica di venerdì scorso.

L’obiettivo era infatti quello di trasmettere e diffondere lo spirito costruttivo con cui opera l’associazione Letizia Onlus, che ha promosso l’evento insieme all’Università Europea presso l’auditorium dell’Università Pontificia Regina Apostolorum di Roma. Il risultato è stato il pieno coinvolgimento del pubblico grazie all’entusiasmo che sono stato in grado di trasmettere ai numerosi presenti i ragazzi dell’associazione. La Onlus lavora, infatti, sul disagio mentale. Un compito delicato e difficile, ma portato avanti con grande professionalità, impegno e abnegazione dallo staff diretto dal dottor Santo Rullo, medico psichiatra, direttore della Comunità Terapeutica Riabilitativa.

E portare sul palcoscenico uno spettacolo di questo genere è stata un’impresa per certi versi anche coraggiosa, ma rivelatasi importantissima per accendere i riflettori sul tema, trovando la mano tesa delle istituzioni e delle tante personalità dello spettacolo e dello sport (tra questi Lillo del popolare duo comico che comprende anche Greg, l’attore Paolo Calabresi e il regista Volfango De Blasi) che con la loro presenza hanno contribuito a rendere ancora più speciale l’evento. Gli organizzatori, insieme ai ragazzi protagonisti del concerto, hanno apprezzato quella vicinanza mostrata, sottolineando quanto il sapere di non essere soli, avere il supporto del mondo esterno alla comunità rappresenti una maniera indispensabile per rendere più completo il percorso di recupero cui ci deve sottoporre.

Particolarmente significativa una delle testimonianze del toccante video proiettato al termine della manifestazione. Cristiano, ex ospite ed ora volontario del centro, ha lanciato un messaggio apparentemente molto semplice, ma di grande impatto: “Ragazzi fate attenzione: ci vuole un attimo a sbagliare, ma una vita per recuperare”. Lui, fortunatamente, è riuscito a farlo prima ed anzi è riuscito a reinserirsi nel mondo del lavoro, creando una piccola impresa per lavori e manutenzioni in cui sta dando una nuova possibilità proprio ai ragazzi in cura presso la Letizia Onlus. Davvero un “gran finale” per un concerto che per l’ottima riuscita – realmente in tutti i sensi – di questa prima edizione, ha già prenotato il bis per il prossimo anno. 

Articoli correlati
Salute, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre l’80% dei deficit visivi può essere prevenuto o curato. E secondo le stime dell’Oms senza interventi decisi, l’84% di tutti i casi di cecità e ipovisione riguarderà gli ultracinquantenni. Eppure, il 50% degli italiani non fa mai controlli della vista e tra il 30% che ha effettuato negli ultimi 12 […]
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...