Salute 31 Luglio 2017

“Ho amici in Paradiso”: la disabilità raccontata dai disabili. ‘Er Cipolla’ Enzo Salvi: «Un grande messaggio sociale»

Disabili? No, attori che mettono in scena la loro realtà. Questa sera su Rai 1 il film di Fabrizio Maria Cortese con i pazienti del Centro di riabilitazione psichica Don Guanella a fare da interpreti con Valentina Cervi e il comico Enzo Salvi che racconta ai microfoni di Sanità Informazione: «Una pellicola che diventerà portabandiera per la disabilità»

“Ho amici in Paradiso”: la disabilità raccontata dai disabili. ‘Er Cipolla’ Enzo Salvi: «Un grande messaggio sociale»

«La disabilità è negli occhi chi la vede e la disprezza» lo dichiara il comico e cabarettista italiano Enzo Salvi, che ha fatto parte del cast di ‘Ho amici in Paradiso’ la commedia che mette al centro il tema della disabilità per sensibilizzare l’opinione pubblica. «Devo fare i complimenti al regista – prosegue l’attore -. Fabrizio Maria Cortese è riuscito a confezionare questo progetto cinematografico facendo partecipare sia attori professionisti che ragazzi con disabilità». Infatti il film è ambientato al Centro di Riabilitazione Don Guanella di Roma e sono proprio gli ospiti del Centro ad essere i protagonisti. «Si tratta di uno spaccato della vita del Centro dove abitano queste persone meravigliose che sono i veri interpreti del film, noi attori professionisti siamo solo il loro supporto, il film l’hanno fatto loro».

‘Ho amici in Paradiso’ è nelle sale cinematografiche dal 2 febbraio e qualche giorno fa è stato presentato alla Camera dei Deputati alla presenza del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. La pellicola nasce da un’idea del regista Fabrizio Maria Cortese che, dopo aver tenuto un corso di recitazione presso il Centro Don Guanella, specializzato nel trattamento di problematiche psichiche, ha deciso di far raccontare la disabilità dai disabili stessi, il tutto condito dai toni frizzanti e leggeri di una commedia che nasconde un importante messaggio sociale.

«Il vero Paradiso è il Don Guanella dove c’è una città con un cuore gigante che pulsa – spiega Enzo Salvi che nel film interpreta il ruolo di un infermiere del Don Guanella -. Il film deve lanciare un messaggio per aprire gli occhi su una realtà che la gente non conosce. Sono certo che il film diventerà sicuramente un porta bandiera della disabilità, una verità che la gente deve guardare in faccia e non girare la testa dall’altra parte».

Nel film gli operatori sanitari del Centro sono coinvolti nelle dinamiche divertenti che creano i pazienti stessi «la formazione del personale è fondamentale – entra nel merito l’attore – soprattutto per affrontare queste situazioni di disagio psichico. Ma la cosa più importante è il sentimento, i medici devono metterci il cuore oltre che la competenze».

Articoli correlati
Disabilità, Bologna (PP): «RSA, assistenti familiari e smart working: i mie emendamenti alla manovra per favorire l’inclusione sociale»
«L’obiettivo dovrebbe essere la piena inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso la rimozione delle cause che impediscono o ne limitano la piena realizzazione» sottolinea Fabiola Bologna, deputata di Popolo Protagonista
Giornata della disabilità, Speziali (Anffas): «È la legge a garantire il “progetto individuale di vita”. Applichiamola»
Il presidente Anffas: «Il Comune, d’intesa con la A.S.L, deve predisporre il programma individuale, indicando i vari interventi sanitari, sociali e assistenziali necessari, in sinergia con la famiglia della persona disabile»
di Isabella Faggiano
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Disabile e caregiver durante il lockdown, la storia di Leda e i consigli dello psicologo per superare l’isolamento
Leda, disabile e caregiver per sua madre con demenza senile, ha affrontato un'esperienza durissima durante il lockdown e ora teme di ripeterla. Lo psicoterapeuta Biella spiega cosa si può fare
di Federica Bosco
Disabilità e sesso, il film “Hand in the cap” vince il festival “Uno sguardo raro”
Conclusa con la cerimonia di premiazione alla Casa del Cinema di Roma la quinta edizione dell’unico festival internazionale dedicato alle malattie rare. A Violante Placido il premio per la migliore interpretazione. Overesxposed di Andrea Minoglio premiato dalla giuria popolare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli