Salute 17 Luglio 2023 12:25

Italia prima in Europa per numero di trapianti di fegato

Secondo il Centro Nazionale Trapianti sono oltre 24 mila i trapianti di fegato effettuati in Italia tra il 2000 e il 2020. In aumento anche la sopravvivenza e l’età dei donatori. Ancora limitati i trapianti tra viventi

Italia prima in Europa per numero di trapianti di fegato

L’Italia è al primo posto in Europa per numero assoluto di trapianti di fegato, con 24 mila interventi realizzati tra il 2000 e il 2020. Lo indica il rapporto di valutazione realizzato dall’area Sistema informativo e di elaborazione dati del Centro Nazionale Trapianti.

Ridotti i tempi di attesa per i trapianti di fegato

Organizzato in tre sezioni, il rapporto analizza la situazione relativa alle liste d’attesa, all’attività svolta nei centri italiani e alla valutazione degli esiti. Per quanto riguarda i tempi di attesa, il rapporto indica la probabilità del 52% di arrivare al trapianto entro i sei mesi dall’iscrizione in lista con un miglioramento del 10% rispetto ai periodi 2002-2013 e 2014-2020. È stata inoltre osservata anche una riduzione della mortalità in lista d’attesa che a due anni dall’iscrizione passa dal 16,2% al 12,2%.

Nuove indicazioni per i trapianti di fegato: meno cirrosi epatiche, più epatocarcinomi

L’analisi conferma inoltre che sono cambiate le indicazioni al trapianto, con una riduzione delle iscrizioni in lista a causa delle cirrosi epatiche, che un tempo erano le patologie prevalenti, a favore degli epatocarcinomi. Per quanto riguarda l’attività dei centri italiani, i trapianti di fegato  sono aumentati dai 7-800 dei primi anni 2000, agli oltre 1200 del 2019. Dopo una flessione nel 2020 a causa della pandemia, nel 2022 gli interventi sono stati addirittura 1474. L’Italia si è confermata come il Paese che realizza il maggior numero assoluto di trapianti di fegato in tutta Europa.

Ancora limitati i trapianti da vivente, donatori deceduti sempre più anziani

Ancora limitato, invece, il contributo dei trapianti da vivente, pari all’1,6% del totale degli interventi fatti negli ultimi 20 anni. Dei circa 400 realizzati, un quarto ha riguardato pazienti pediatrici. Dal punto di vista chirurgico, l’8,4% dei trapianti è stato realizzato con la tecnica dello split-Liver, che permette di dividere l’organo in due porzioni e trapiantarlo in due  diversi pazienti.  Per quanto riguarda i trapianti da donatori deceduti, invece, l’età di questi ultimi è sempre più avanzata. Quasi il 50% aveva più di 60 anni al momento della morte e il 26% più di 70. Nel 2022 è stato eseguito anche il primo prelievo di fegato al mondo da una donatrice deceduta a 100 anni, 10 mesi e 1 giorno.

In aumento la sopravvivenza dopo il trapianto

Il rapporto indica infine che sono aumentate le percentuali di sopravvivenza. Considerando tutti i trapianti di fegato eseguiti dal 2000 al 2020 nei pazienti adulti a un anno dal trapianto, la sopravvivenza è dell’87,2%, mentre a 5 anni è del 75,8%. Considerando invece il periodo 2014-2020, la sopravvivenza è aumentata all’89,5% a un anno e ha superato il 90% nel 2020, con un aumento di oltre il 10% rispetto al 2000. Anche nei bambini la sopravvivenza a 1 anno è aumentata dal 90% al 92,2% e supera il 90% anche a 5 anni dal trapianto.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...