Salute 10 Febbraio 2015

Ebola, l’eccellenza dello Spallanzani: l’unica difesa resta la Formazione

Intervista a Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma: “Formare ed informare in maniera efficace può fare davvero la differenza”

Immagine articolo

Un’eccellenza tutta italiana, quella dimostrata dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, nella gestione del primo caso di Ebola in Italia, il medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti.

Il professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico proprio dello “Spallanzani”, ha raccontato ai nostri microfoni cosa ha permesso alla struttura di raggiungere l’apice qualitativo, e quanto altro si può fare per sostenere la battaglia contro Ebola.

Siamo nella struttura dove il virus Ebola è stato affrontato – e vinto – con il caso di Fabrizio Pulvirenti. Qual è la situazione al momento?
Ebola ha destato tanto allarme perché rappresenta un rischio per i Paesi occidentali: si è temuto che un virus così pericoloso, per il quale non esistono cure provate, potesse diffondersi ancora di più. Ad oggi infatti non c’è ancora un trattamento, né un vaccino, di comprovata efficacia.

In questa epidemia un costo alto in termini di vite umane l’hanno pagato i professionisti sanitari, che spesso non sapevano come affrontare l’emergenza.
Dobbiamo considerare che la maggior parte del personale sanitario deceduto apparteneva ai Paesi colpiti. Ciò ha comportato un dimezzamento della capacità di risposta sanitaria in Paesi che avevano già meno di un medico ogni centomila abitanti. Ci sono stati poi pochi casi tra operatori sanitari occidentali che sono stati rimpatriati, e con loro si è dimostrato che la mortalità è di gran lunga minore rispetto a quella emersa in Africa. Tanti pazienti, se fossero stati assistiti tramite reidratazione e trattamento intensivo sarebbero sopravvissuti.

Lo “Spallanzani”, protagonista per la gestione del caso Pulvirenti, ha fatto e fa formazione a livello nazionale, e non solo, per gli operatori sanitari…
Da circa vent’anni ormai attuiamo una preparazione continua di clinica, di laboratorio, di epidemiologia, di sanità pubblica, in Italia e all’estero. Abbiamo  una base in Tanzania, laboratori in Guinea, Liberia e Sierra Leone. Abbiamo competenze cliniche, virologiche ed epidemiologiche che oserei definire le migliori in Europa, riconosciute più all’estero che in Italia. Questo ci è stato utile per gestire il paziente nel migliore dei modi, come hanno fatto i colleghi negli altri centri di eccellenza europea che hanno potuto confrontarsi con una malattia che, se da un lato è drammatica, dall’altro è una sfida che tutti gli infettivologi vorrebbero gestire.

Le nuove tecnologie aiutano la formazione, come nella Formazione a Distanza che, a livello internazionale, è il mezzo ideale per raggiungere chiunque. Il progetto di un film per spiegare come affrontare e gestire il virus Ebola può aiutare molti operatori sanitari.
Formare a distanza è molto importante, ma è altrettanto importante mettere in condizione di gestire il caso. La differenza tra quest’epidemia di Ebola e le precedenti è la disponibilità di laboratori mobili, che hanno permesso di effettuare – per la prima volta nella storia delle febbri emorragiche – diagnosi sul campo. Questo dimostra che si può operare anche in Africa con standard occidentali, se ci si prepara adeguatamente.

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone