Salute 10 febbraio 2015

Ebola, l’eccellenza dello Spallanzani: l’unica difesa resta la Formazione

Intervista a Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma: “Formare ed informare in maniera efficace può fare davvero la differenza”

Immagine articolo

Un’eccellenza tutta italiana, quella dimostrata dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, nella gestione del primo caso di Ebola in Italia, il medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti.

Il professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico proprio dello “Spallanzani”, ha raccontato ai nostri microfoni cosa ha permesso alla struttura di raggiungere l’apice qualitativo, e quanto altro si può fare per sostenere la battaglia contro Ebola.

Siamo nella struttura dove il virus Ebola è stato affrontato – e vinto – con il caso di Fabrizio Pulvirenti. Qual è la situazione al momento?
Ebola ha destato tanto allarme perché rappresenta un rischio per i Paesi occidentali: si è temuto che un virus così pericoloso, per il quale non esistono cure provate, potesse diffondersi ancora di più. Ad oggi infatti non c’è ancora un trattamento, né un vaccino, di comprovata efficacia.

In questa epidemia un costo alto in termini di vite umane l’hanno pagato i professionisti sanitari, che spesso non sapevano come affrontare l’emergenza.
Dobbiamo considerare che la maggior parte del personale sanitario deceduto apparteneva ai Paesi colpiti. Ciò ha comportato un dimezzamento della capacità di risposta sanitaria in Paesi che avevano già meno di un medico ogni centomila abitanti. Ci sono stati poi pochi casi tra operatori sanitari occidentali che sono stati rimpatriati, e con loro si è dimostrato che la mortalità è di gran lunga minore rispetto a quella emersa in Africa. Tanti pazienti, se fossero stati assistiti tramite reidratazione e trattamento intensivo sarebbero sopravvissuti.

Lo “Spallanzani”, protagonista per la gestione del caso Pulvirenti, ha fatto e fa formazione a livello nazionale, e non solo, per gli operatori sanitari…
Da circa vent’anni ormai attuiamo una preparazione continua di clinica, di laboratorio, di epidemiologia, di sanità pubblica, in Italia e all’estero. Abbiamo  una base in Tanzania, laboratori in Guinea, Liberia e Sierra Leone. Abbiamo competenze cliniche, virologiche ed epidemiologiche che oserei definire le migliori in Europa, riconosciute più all’estero che in Italia. Questo ci è stato utile per gestire il paziente nel migliore dei modi, come hanno fatto i colleghi negli altri centri di eccellenza europea che hanno potuto confrontarsi con una malattia che, se da un lato è drammatica, dall’altro è una sfida che tutti gli infettivologi vorrebbero gestire.

Le nuove tecnologie aiutano la formazione, come nella Formazione a Distanza che, a livello internazionale, è il mezzo ideale per raggiungere chiunque. Il progetto di un film per spiegare come affrontare e gestire il virus Ebola può aiutare molti operatori sanitari.
Formare a distanza è molto importante, ma è altrettanto importante mettere in condizione di gestire il caso. La differenza tra quest’epidemia di Ebola e le precedenti è la disponibilità di laboratori mobili, che hanno permesso di effettuare – per la prima volta nella storia delle febbri emorragiche – diagnosi sul campo. Questo dimostra che si può operare anche in Africa con standard occidentali, se ci si prepara adeguatamente.

Articoli correlati
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...