Salute 26 Luglio 2019 11:11

«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture

Il segretario nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, Silvestro Scotti ha commentato i dati diffusi dal Ministero della Salute riguardo le coperture a 24 mesi dei vaccini contro la polio e il morbillo

«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture

«Bisogna iniziare a dire con chiarezza che in questo Paese in fondo l’obbligo vaccinale non c’è mai stato», a dirlo il segretario nazionale della FIMMG, Silvestro Scotti in merito ai dati sulle coperture vaccinali 2018, diffusi dal Ministero della Salute.

Secondo quanto riportato da Ministero, nella maggior parte delle Regioni la copertura a 24 mesi contro la polio ha superato la soglia minima raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), pari al 95%. Non è così invece per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia che in tutte le fasce d’età, anche se mostra un trend in aumento, non raggiunge la copertura vaccinale minima per la cosiddetta l’immunità di gregge.

«È evidente che c’è un trend in crescita e questo sostanzialmente fa piacere, – spiega Scotti, interpellato a margine della conferenza stampa di lancio della campagna di sensibilizzazione contro le aggressioni agli operatori sanitari “Non sono un bersaglio” – perché mi dà l’idea che il ragionamento sull’obbligo sia stato un ragionamento più di discussione sui vaccini che in qualche modo ha circoscritto quella che è la dinamica dei no vax. Ha permesso a molti altri soggetti che non prendevano di fatto una decisione o una posizione su questo tema, invece di doverlo affrontare e quindi sottoporsi alle vaccinazioni».

LEGGI: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

Nuovi dati sono arrivati anche dall’ultimo Rapporto della sorveglianza integrata del morbillo e della rosolia, curato dal Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità. Nel periodo compreso fra il 1 gennaio e il 30 giugno 2019, sono stati riportati 1334 casi di morbillo in Italia, di cui 214 nel mese di giugno. Tranne la Basilicata, tutte le Regioni, con il Lazio in testa, hanno segnalato casi di morbillo. L’incidenza nazionale è pari a 44,1 casi per milione di abitanti, mentre l’età mediana è di 30 anni. L’87% dei casi non era vaccinato al momento del contagio. Il 31% dei casi ha manifestato complicanze. Sono stati segnalati 80 casi tra operatori sanitari e 36 tra operatori scolastici.

«L’obbligo ha avuto effetto credo solo negli ultimi due mesi dell’ultimo anno scolastico – continua il segretario FIMMG -. Mentre precedentemente non c’era nessuna sanzione, perché era stato prorogato in attesa di dinamiche organizzative. Se esisterà l’obbligo lo vedremo veramente al prossimo anno scolastico qualora non ci siano nuovi interventi legislativi».

«È chiaro che non abbiamo raggiunto l’obiettivo, io continuo a dire che rischiamo, in una realtà che ormai elimina i confini tra le nazioni, che tra poco qualche nazione ci chieda per accedere al proprio paese non più il passaporto ma il tesserino delle vaccinazioni. Qualcuna lo sta già facendo e se non siamo a posto non ci faranno entrare».

Articoli correlati
Covid, FederAnziani: «Ecatombe entro giugno. Altri 50-80 mila morti anziani se non acceleriamo su vaccini»
A lanciare l’allarme la Federazione delle associazioni della terza età che chiede velocizzazione nella campagna per la vaccinazione dei senior contro il Coronavirus
Vaccini anti-Covid: cosa si intende per “evento avverso”?
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) spiega cosa sono gli eventi avversi (AEFI - Adverse Event Following Immunization) e perché è importante studiarli
Covid-19, nuovo report cabina di regia. Brusaferro (ISS): «Crescita contagi lieve, frutto degli sforzi di Natale»
Rezza: «Italia al top in Europa per quanto riguarda le vaccinazioni». La novità: «Da oggi conteggiati in bollettino quotidiano anche test sierologici di ultima generazione»
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Crisi di governo, Boldi (Lega): «Serve governo legittimato per affrontare pandemia. Ora allargare la platea dei vaccinatori»
La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali Rossana Boldi spiega: «Crisi crea delle difficoltà, non è il massimo in piena pandemia». Sul piano vaccinale: «Bisogna coinvolgere le farmacie in modo che siano pronte quando arriveranno dei vaccini più gestibili e conservabili in frigorifero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 gennaio, sono 95.577.274 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.041.098 i decessi. Ad oggi, oltre 40,4 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Ho...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...