Salute 10 Aprile 2024 12:37

Inquinamento, scovate microplastiche anche nelle ovaie delle donne che effettuano la Pma

Montano (uroandrologo): “Questa ricerca completa un lavoro inaugurato due anni fa con la pubblicazione di altri due studi che avevano rilevato la presenza di microplastiche anche negli spermatozoi umani e nelle urine”

Inquinamento, scovate microplastiche anche nelle ovaie delle donne che effettuano la Pma

“Le microplastiche sono ovunque” ed affermarlo non è affatto un’esagerazione. Non sono solo nell’ambiente che ci circonda, dai terreni alle acque, ma sono anche nel nostro organismo, apparato riproduttivo compreso. Per la prima volta, uno studio ha rilevato la presenza di microplastiche pure nei fluidi follicolari ovarici di donne che si sottopongono a Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).  “Questa scoperta rappresenta una conferma di quanto la contaminazione della plastica sia da considerare un’emergenza da affrontare nell’immediato – commenta l’uroandrologo Luigi Montano, capofila del gruppo di ricerca che ha condotto lo studio, in un’intervista a Sanità Informazione -. Il ritrovamento di microplastiche nel liquido follicolare, che è a diretto contatto con i gameti femminili, rappresenta di per sé  una minaccia significativa all’integrità del nostro patrimonio genetico che viene trasmesso alle future generazioni”.

Particelle di plastica nelle urine

Questa ricerca, “First evidence of microplastics in human ovarian follicular fluid: an emerging threat to female fertility”, svolta in collaborazione con le Università di Salerno, Federico II di Napoli, di Catania e con il Centro di ricerche Gentile di Gragnano e il Centro Hera di Catania, completa un lavoro inaugurato due anni fa con la pubblicazione di altri due studi che avevano rilevato la presenza di microplastiche anche negli spermatozoi e nelle urine. Il primo della serie è uno studio pubblicato a dicembre 2022 sulla rivista internazionale Toxics che ha mostrato la presenza di piccolissime particelle di plastica nelle urine di persone residenti nell’area nord di Napoli e Salerno. L’indagine è stata condotta nell’ambito del progetto EcoFoodFertility, prima ricerca al mondo multicentrica di biomonitoraggio umano che sta ricercando in diverse aree ad alto rischio ambientale la presenza di diversi contaminanti ambientali ed i loro effetti sulla salute umana, a partire da quella riproduttiva.

A rischio la preservazione della riproduttività umana

Nell’ambito dello stesso progetto, ad alcuni mesi di distanza, i medesimi ricercatori hanno pubblicato anche un altro studio che ha rivelato la presenza di microparticelle di plastica nello sperma umano, un vera e propria minaccia per la fertilità maschile. Il team di ricercatori ha esaminato campioni di uomini sani, non fumatori, ma residenti in un’area ad alto impatto ambientale della Campania. Per gli scienziati “la loro origine potrebbe essere varia e può comprendere cosmetici, detergenti, dentifrici, creme per il viso e il corpo, adesivi, bevande, cibi o anche particelle areodisperse nell’ambiente. Le vie di ingresso nell’organismo umano possono avvenire attraverso l’alimentazione, la respirazione e anche la via cutanea”, spiegano i ricercatori. “Questi studi sono la dimostrazione di quanto la contaminazione della plastica sia da considerare un’emergenza da affrontare nell’immediato. Averle trovate negli apparati riproduttivi maschili e femminili mette in serio pericolo il futuro della nostra specie, oggi – conclude Montano  – più che mai minacciata nella sua essenza”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...