Salute 11 Gennaio 2024 14:49

Influenza: Lopalco: “Non è ‘suina’, ma un ceppo umanissimo. Il picco di casi c’è già stato”

Il professore Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all’Università del Salento, in un post Facebook, fa chiarezza sull’aggettivo “suina”, in questi giorni erroneamente associato al virus influenzale attualmente in circolazione

Influenza: Lopalco: “Non è ‘suina’, ma un ceppo umanissimo. Il picco di casi c’è già stato”

“Per colore giornalistico si sta parlando di influenza ‘suina’. Non lo è. La maggior parte dei casi sono causati dal ceppo A H1N1: umanissimo”. La precisazione è del professore Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all’Università del Salento che, in un post Facebook, fa chiarezza sull’aggettivo ‘suina’, in questi giorni erroneamente associato al virus influenzale attualmente in circolazione. L’H1N1 “è un ceppo emerso nel 2009, anno dell’ultima pandemia influenzale che ai tempi fu battezzata ‘suina’ perché con buona probabilità partì dagli allevamenti di maiale fra Messico e stati del Sud degli Usa. Il virus contiene nel suo genoma porzioni di virus di origine suina, porzioni di origine aviaria e porzioni di origine umana. Come sempre avviene per i virus influenzali è il frutto di un rimescolamento di diversi ceppi. Ma il ceppo risultante dal rimescolamento è umano”, sottolinea il professore Lopalco.

Il picco di influenza c’è già stato

Ma questa non è l’unica precisazione che arriva dal docente di Igiene: “Chi oggi – parlando di influenza –  dice ‘il peggio deve ancora venire’ sbaglia”, aggiunge il professore. Per Lopalco “il picco di incidenza” dell’influenza 2023-2024 “si è registrato nell’ultima settimana dell’anno” appena passato. Di conseguenza, “quello che ci aspetta – spiega il docente – è la fase calante della curva. Il che significa che registreremo più o meno la seconda metà dei casi dell’intera epidemia (che non è poco, ma non è ‘il peggio’). Ovviamente potrò essere smentito dall’imprevedibile, ma le previsioni basate sull’andamento degli scorsi anni suggeriscono quanto ho detto”.

Gli Open day vaccinali sono “pezze tardive”

Il professore, poi, mette in evidenzia anche lo scarso numero di vaccinati. “Già lo scorso anno avevamo registrato una modesta adesione alla campagna vaccinale contro l’influenza. Ministero della Salute e Regioni sono entrambi colpevoli per aver sottovalutato questo aspetto e non aver messo in atto alcuna azione correttiva”, dice, sottolineando che “stagioni influenzali intense non sono una novità. E questa, in particolare, era attesa, vista la bassa intensità di circolazione dei virus influenzali durante gli anni della pandemia Covid 19. Si sarebbe dovuta avviare con buon anticipo una campagna vaccinale degna di questo nome. Le ‘pezze’ tardive come gli Open day vaccinali – conclude il professore Lopalco – non sono stati sufficienti”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.