Salute 9 Febbraio 2024 16:25

Influenza e sindromi simil-influenzali, incidenza in calo

Tra i virus influenzali è quello di tipo A ad essere largamente prevalente in oltre il 98% dei casi. I più colpiti dalle sindromi simil-influenzali, anche se comunque con un’incidenza in calo, sono i bambini sotto i cinque anni di età

Influenza e sindromi simil-influenzali, incidenza in calo

Sono sempre di meno gli italiani alle prese con i sintomi delle varie sindromi simil-influenzali (ILI). La curva epidemica, infatti, continua a scendere: nella quinta settimana del 2024, quella a cavallo tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, l’incidenza è stata di 8,5 casi per mille assistiti, contro i 9,7 della settimana precedente. In discesa anche i casi di influenza: la proporzione dei campioni positivi ad influenza, sul totale dei campioni analizzati, è passata dal 15,6% al 12,6% nel giro di sette giorni. A testimoniarlo i dati del bollettino della sorveglianza RespiVirNet pubblicati oggi.  Il Sistema di Sorveglianza Integrata (epidemiologica e virologica) dei casi di sindromi simil-influenzali e dei virus respiratori (prima InfluNet). RespiVirNet si basa sui Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Laboratori di Riferimento Regionale per i virus respiratori. La sorveglianza è coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) con il sostegno del Ministero della Salute.

Sorveglianza epidemiologica

Il calo delle sindromi simil-influenzali è riscontrato in tutte le fasce di età. I più colpiti, anche se comunque con un’incidenza in diminuzione, sono i bambini sotto i cinque anni di età con un livello di incidenza di 27,1 casi per mille assistiti (erano 28,9 nella settimana precedente). In tutte le Regioni e Province Autonome in cui è attiva la sorveglianza RespiVirNet il livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali risulta essere al di sopra della soglia basale. Sardegna e Friuli-Venezia Giulia sono le Regioni con il maggior numero di casi.
Tra i virus influenzali è quello di tipo A ad essere largamente prevalente con il 98,4% di casi riscontrati. Tra i campioni risultati positivi il 23% lo è per SARS-CoV-2, il 14% per RSV, il 41% per influenza A, il 7% per Rhinovirus mentre i rimanenti sono risultati positivi per altri virus respiratori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...