Salute 9 Febbraio 2024 16:25

Influenza e sindromi simil-influenzali, incidenza in calo

Tra i virus influenzali è quello di tipo A ad essere largamente prevalente in oltre il 98% dei casi. I più colpiti dalle sindromi simil-influenzali, anche se comunque con un’incidenza in calo, sono i bambini sotto i cinque anni di età

Influenza e sindromi simil-influenzali, incidenza in calo

Sono sempre di meno gli italiani alle prese con i sintomi delle varie sindromi simil-influenzali (ILI). La curva epidemica, infatti, continua a scendere: nella quinta settimana del 2024, quella a cavallo tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, l’incidenza è stata di 8,5 casi per mille assistiti, contro i 9,7 della settimana precedente. In discesa anche i casi di influenza: la proporzione dei campioni positivi ad influenza, sul totale dei campioni analizzati, è passata dal 15,6% al 12,6% nel giro di sette giorni. A testimoniarlo i dati del bollettino della sorveglianza RespiVirNet pubblicati oggi.  Il Sistema di Sorveglianza Integrata (epidemiologica e virologica) dei casi di sindromi simil-influenzali e dei virus respiratori (prima InfluNet). RespiVirNet si basa sui Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Laboratori di Riferimento Regionale per i virus respiratori. La sorveglianza è coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) con il sostegno del Ministero della Salute.

Sorveglianza epidemiologica

Il calo delle sindromi simil-influenzali è riscontrato in tutte le fasce di età. I più colpiti, anche se comunque con un’incidenza in diminuzione, sono i bambini sotto i cinque anni di età con un livello di incidenza di 27,1 casi per mille assistiti (erano 28,9 nella settimana precedente). In tutte le Regioni e Province Autonome in cui è attiva la sorveglianza RespiVirNet il livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali risulta essere al di sopra della soglia basale. Sardegna e Friuli-Venezia Giulia sono le Regioni con il maggior numero di casi.
Tra i virus influenzali è quello di tipo A ad essere largamente prevalente con il 98,4% di casi riscontrati. Tra i campioni risultati positivi il 23% lo è per SARS-CoV-2, il 14% per RSV, il 41% per influenza A, il 7% per Rhinovirus mentre i rimanenti sono risultati positivi per altri virus respiratori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...