Salute 23 Maggio 2024 12:06

Infezioni sessualmente trasmesse in aumento, Oms: “Causano 2,5 milioni di morti ogni anno”

In particolare ciò che preoccupa l’Oms sono quattro malattie sessualmente trasmissibili curabili: sifilide, gonorrea, clamidia e tricomoniasi. Infezioni che causano più di un milione di nuovi casi al giorno, in particolare nelle Americhe e nella regione africana

di I.F.
Infezioni sessualmente trasmesse in aumento, Oms: “Causano 2,5 milioni di morti ogni anno”

Aumentano, nel mondo, i casi di infezioni sessualmente trasmissibili. È l’allarme lanciato dall’Oms, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui epidemie globali di HIV, epatite virale e infezioni sessualmente trasmissibili continuano a porre sfide significative per la salute pubblica, causando 2,5 milioni di morti ogni anno. In particolare ciò che preoccupa l’Oms sono quattro malattie sessualmente trasmissibili curabili: sifilide, gonorrea, clamidia e tricomoniasi. Infezioni che causano più di un milione di nuovi casi al giorno, in particolare nelle Americhe e nella regione africana. I dati dell’Oms rilevano, inoltre un preoccupante aumento della sifilide adulta e materna (1,1 milioni). Nel 2022 sono stati registrati 230mila decessi correlati alla sifilide e i nuovi casi di sifilide tra gli adulti di età compresa tra le 49 anni sono aumentati di oltre un milione, raggiungendo gli 8 milioni.

La sifilide

La sifilide, a livello mondiale, è la terza infezione sessualmente trasmessa più diffusa dopo la clamidia e la gonorrea. Il contagio avviene attraverso qualsiasi tipo di rapporto sessuale (vaginale, anale e orale) e con il sangue. Una madre infetta può trasmettere la sifilide al nascituro durante la gravidanza (via transplacentare), attraverso il passaggio nel canale del parto e con l’allattamento. “Il rischio di trasmissione madre-feto – come spiegato dagli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità sulla pagina del sito web dedicata – è basso prima del 3° mese e aumenta con il progredire della gestazione. Il fattore più importante nel determinare la probabilità di trasmissione verticale è lo stadio della sifilide nella mamma: probabilità alta in caso di madre con sifilide primaria o secondaria, intermedia in caso di madre con infezione latente, bassa in caso di infezione tardiva. La gravità dell’infezione fetale non trattata è tanto maggiore quanto più precoce è l’infezione. Oltre la sifilide congenita, le conseguenze includono complicanze ostetriche quali l’aborto tardivo, la morte in utero, l’idrope fetale, il ritardo della crescita e il parto pretermine”.

La gonorrea

I nuovi dati mostrano anche un aumento della gonorrea multiresistente. Nel 2023, degli 87 paesi in cui è stata condotta una sorveglianza rafforzata per la resistenza antimicrobica nella gonorrea, nove paesi hanno riportato livelli elevati (dal 5% al 40%) di resistenza al ceftriaxone, il trattamento per la gonorrea. Indipendente dalle modalità di trasmissione, una volta avvenuta l’esposizione all’agente infettivo, questo aderisce alle cellule epiteliali e s’insedia nelle mucose delle vie uro-genitali, anali o orali, dove provoca l’infezione. La gonorrea si contrae con qualsiasi forma di contatto sessuale non protetto, dal coito alla fellatio, dai rapporti anali al cunnilingus e, più raramente, tramite esposizione indiretta a secrezioni infette (es. uso promiscuo di biancheria o sex toys).

L’HIV

Resta inoltre elevato  il numero di decessi correlati all’HIV, 630mila nel 2022, il 13% dei quali in bambini di età inferiore ai 15 anni. “Abbiamo gli strumenti per porre fine a queste epidemie come minacce per la salute pubblica entro il 2030 ma dobbiamo garantire che, nel contesto di un mondo sempre più complesso, i paesi facciano tutto ciò che è in loro potere per raggiungere gli ambiziosi obiettivi che si sono prefissati”, spiega Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms che ha anche sottolineato come non mancano i progressi in questo campo. L’Oms ha certificato l’eliminazione della trasmissione da madre a figlio dell’HIV e della sifilide in 19 paesi. Il Botswana e la Namibia sono sulla strada dell’eliminazione dell’HIV. A livello globale, la copertura del trattamento dell’HIV ha raggiunto il 76% e il 93% delle persone in trattamento che ha avuto la carica virale soppressa. Continuano infine gli sforzi per aumentare la vaccinazione e il test Hpv tra le donne sieropositive.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...