Politica 9 Marzo 2018 16:46

Infermieri, la petizione su Change.org di Nursing Up: «Cambiare intesa sul comparto sanità»

Il presidente del sindacato De Palma: «Solo alcune indennità aumenteranno e resta la precarietà». Sulla piattaforma on line già raggiunta quota 7mila firme

Una petizione su change.org per modificare il nuovo contratto del Comparto sanità, siglato il 23 febbraio da Cgil, Cisl e Uil. A lanciarla è il sindacato Nursing Up che contesta la pre-intesa siglata dai confederali che prevede un aumento medio delle retribuzioni di 85 euro al mese. «I professionisti sanitari si meritavano almeno di essere valorizzati come tali, invece in questo contratto vengono sancite delle palesi ingiustizie nel silenzio generale. Ed è per questo che abbiamo chiesto loro di esprimersi affinché si riapra la contrattazione», spiega Antonio De Palma, presidente del sindacato infermieri. Sulla piattaforma le firme sono già 7mila.

LEGGI| MANGIACAVALLI (FNOPI): «SIAMO 40% FORZA LAVORO, ISTITUZIONI CI ASCOLTINO»

Nel documento che accompagna la raccolta firme il sindacato ribadisce tutte le criticità: in primis contestano che l’aumento medio per gli infermieri sia di 85-90 euro a regime. «Non è vero che le indennità degli infermieri sono aumentate: solo alcune di esse potranno, forse in futuro, essere integrate dalla contrattazione integrativa», continua Di Palma. Tra gli altri punti critici il riposo continuativo di 11 ore, la precarietà di caposale, coordinatori ed esperti e l’assenza delle quattro ore di servizio retribuito da dedicare alla formazione ECM obbligatoria. Alla fine della petizione, il sindacato chiede al presidente del Consiglio dei ministri e al Comitato di settore Regioni e Sanità di impartire all’Aran direttive integrative per risolvere le criticità evidenziate, individuando anche le risorse aggiuntive necessarie, prima della sottoscrizione definitiva del nuovo contratto di lavoro della sanità.

Articoli correlati
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Lombardia indietreggia, infermieri come supporto e non supplenti dei mmg
La Direzione Generale del Welfare in Lombardia risponde alle critiche dei medici, precisando in una nota che gli infermieri possono aiutare e non sostituire i medici di famiglia
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Sileri: «Il territorio al centro della nuova sanità, ma bisogna investire sul personale»
Per il Sottosegretario Sileri la sanità ha bisogno di investire sul personale, aumentando le retribuzioni e puntando sulla formazione
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali