Salute 18 Dicembre 2023 12:29

Infarto e precisione di diagnosi: intelligenza artificiale vs cardiologo

Un modello di IA, sviluppato dall’Università di Seul, è efficace nella diagnosi automatica dell’infarto a partire da un Ecg standard: l’algoritmo, che i cardiologi stanno testando in più di 100 pazienti, ha dimostrato di avere un’accuratezza del 98,7% nell’individuazione di un infarto miocardico grave Stemi

di I.F.
Infarto e precisione di diagnosi: intelligenza artificiale vs cardiologo

L’intelligenza artificiale potrebbe ‘battere’ il cardiologo nella diagnosi di infarto. Un nuovo studio, infatti, mostrerebbe la superiorità dell’algoritmo nella lettura degli Elettrocardiogrammi (Ecg), essendo in grado di effettuare un numero maggiore di diagnosi più precise. Dell’argomento hanno discusso i cardiologi in occasione del congresso della Società  italiana di cardiologia (Sic). Un modello di IA, sviluppato dall’Università di Seul, è efficace nella diagnosi automatica dell’infarto a partire da un Ecg standard. L’algoritmo, che i cardiologi stanno testando in più di 100 pazienti, ha dimostrato di avere un’accuratezza del 98,7% nell’individuazione di un infarto miocardico grave Stemi. Inoltre, l’IA è stata in grado di smascherare false diagnosi di infarto.

Il parere della Sic

Ogni anno circa 120mila italiani hanno un infarto acuto del miocardio e di questi 25mila muoiono prima di arrivare in ospedale. “Quando un paziente con dolore toracico attiva il sistema dell’emergenza 118, è di fondamentale importanza effettuare un Ecg entro 10 minuti dal primo contatto medico per identificare soprattutto i soggetti con infarto grave, chiamato Stemi e provocato da una occlusione coronarica completa, che beneficiano di un’angioplastica e uno stent urgente – spiega Ciro Indolfi, past-president della Sic e leader italiano dello studio sull’IA nei pazienti con sindromi coronarica acuta -. Nei pazienti con infarto Stemi ogni minuto conta e la possibilità di una diagnosi tempestiva consentirà in futuro di ridurre ulteriormente l’impatto delle malattie cardiovascolari, prima causa di morte in Italia sia nell’uomo che nella donna”.

Come funzione il modello di intelligenza artificiale testato dai cardiologi

“Il modello di intelligenza artificiale che stiamo testando – spiega Indolfi – ha la possibilità  di avere informazioni aggiuntive non evidenziabili dall’occhio umano, come la funzione del ventricolo sinistro, il ritmo cardiaco o la presenza di un versamento pericardico partendo da un semplice Ecg”. E il tempo risparmiato può fare la differenza: “La possibilità di velocizzare l’accesso nel laboratorio di emodinamica, grazie al ricorso all’IA, significherà  salvare vite umane. Basterà fotografare con uno smartphone l’Ecg di un paziente con dolore toracico per ottenere la diagnosi di infarto e la sua gravità”, aggiunge il past-president della Sic. Delle prospettive d’impiego parla, invece, Pasquale Perrone Filardi, presidente Sic e direttore della scuola di specializzazione dell’Università Federico II di Napoli: “In futuro saranno disponibili sistemi sempre più sofisticati di IA che entreranno nel mondo della  cardiologia. L’IA non sostituirà il medico, ma il cardiologo ‘digitale’ supererà quello che non usa l’intelligenza artificiale che consente diagnosi più precise con – conclude – un trattamento mirato e più efficace”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...