Salute 11 Ottobre 2016

Lampedusa, parte Sanità di Frontiera: per la prima volta la formazione dei medici sulle migrazioni si fa sul campo

Sull’isola l’iniziativa che mette al centro la formazione dei medici per fronteggiare al meglio il fenomeno migratorio. Aureli, direttore dell’iniziativa: «Colmiamo vuoto esistente nel sistema italiano». Alfano: «Se c’è da fare di più faremo di più»

Sanità di Frontiera entra nella sua fase operativa. Tre anni dopo la prima grande strage di migranti a Lampedusa, prende corpo l’iniziativa umanitaria dell’Osservatorio Internazionale della Salute (OIS) che punta a rafforzare e omologare verso un livello d’eccellenza la formazione degli operatori sanitari sul tema della salute dei migranti. Pilastro del progetto, il Dottor Pietro Bartolo, uno dei medici più operativi negli sviluppi migratori, divenuto oramai un vero e proprio simbolo per Lampedusa.

«Sanità di Frontiera – spiega il dottor Francesco Paolo Aureli, direttore del progetto – va a colmare un vuoto esistente nel sistema sanitario italiano che ad oggi è quello della formazione dei medici, paramedici e degli operatori sanitari che si occupano di immigrazione. L’idea è nata con il sostengo di Consulcesi Onlus che partirà con un primo corso di formazione a dicembre 2016. Sanità di Frontiera – prosegue Aureli – oltre alla componente formativa, andrà a svolgere anche attività per cercare di mettere in rete i vari operatori del settore, i vari stakeholder che si occupano d’immigrazione sul territorio nazionale, con l’intento poi di espandere anche a livello europeo. Una piattaforma tecnologica che possa mettere in collegamento digitale i vari operatori attraverso una App per smartphone e tablet attraverso una piattaforma online che possa essere consultata e che metta in collegamento da un lato gli immigrati e, dall’altro, tutti gli operatori sanitari e gli enti che si occupano di sanità in Italia. Sanità di Frontiera – conclude – nasce anche per contribuire a migliorare lo stato di salute psicofisico dei migranti, quindi oltre al loro benessere fisico anche il loro benessere mentale».

Tutte le fasi del progetto Sanità di Frontiera saranno documentate e disponibili su un sito web. Il materiale servirà per realizzare un docufilm e un video-corso ECM FAD destinato a medici interessati ad approfondire il tema dell’immigrazione da un punto di vista medico e sanitario.

La formazione dei medici rispetto al fenomeno migratorio è un tema caro anche alle istituzioni, come sottolinea ai microfoni di Sanità di Frontiera il Ministro dell’Interno Angelino Alfano: «Abbiamo delle eccellenze straordinarie in campo, sia a Lampedusa, come il dottor Bartolo, ma anche a Agrigento e Palermo e in tutte quelle zone sanitarie che rappresentano una prima frontiera in queste emergenze». Insomma, per Alfano finora «i medici italiani hanno risposto alla grande all’emergenza», ma «se c’è da fare di più si farà di più».

Articoli correlati
Formazione ECM, Consulcesi: «Solo pochi in regola, rischio danno per tutta la categoria»
Dopo la presa di posizione dell’associazione CODICI che punta il dito sul mancato aggiornamento professionale dei medici, interviene il Presidente del network legale Massimo Tortorella: «Emblematico che si arrivi a pensarlo, così si mina la credibilità di un’intera categoria votata all’eccellenza. Forte attenzione mediatica dopo il servizio-denuncia di Striscia, gli impegni assunti dal presidente FNOMCeO Anelli sui controlli spazzeranno via dubbi e critiche»
Ex specializzandi, OMCeO Roma plaude a nuovi rimborsi. Magi: «Diritti riconosciuti sono buona notizia. Ora serve alleanza medici-pazienti»
Il Presidente dell’Ordine dei medici più grande d’Europa ha partecipato alla cerimonia di consegna dei risarcimenti ai camici bianchi ex specializzandi tutelati da Consulcesi. «Oggi è una bella giornata. I singoli cittadini da soli sono sempre la parte più debole, per questo difenderli è importante. Ora bisogna fare in modo che cittadini e medici ritornino ad avere quel rapporto che avevano una volta»
Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»
L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato al risarcimento perché ha violato la giurisprudenza dell'Unione europea e dell'Italia», sottolinea l’avvocato. La materia è anche oggetto di un Master alla Luiss
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 12 milioni di euro a 400 medici. Il Lazio è la Regione più rimborsata
Antonio Magi (Presidente OMCeO Roma): «Importante il lavoro di Consulcesi Group a tutela dei diritti dei medici ex specializzandi. In un momento particolarmente difficile per la professione conforta sapere che ci sono professionisti in grado di far rispettare le leggi e i regolamenti posti in essere in ambito Ue». Andrea Tortorella (AD Consulcesi): «Continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici con nuove soluzioni e servizi esclusivi sulla nostra rinnovata piattaforma web e con l’innovazione della tecnologia Blockchain anche gli operatori sanitari italiani potranno certificare la loro formazione»
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano