Salute 24 Luglio 2023 12:26

Il piatto preferito? È scritto nel Dna…

I ricercatori dell’Università del Colorado hanno scoperto quasi 500 geni che sembrano influenzare direttamente gli alimenti che mangiamo. I risultati rappresentano un passo importante verso l’utilizzo della genetica di una persona per sviluppare strategie nutrizionali personalizzate

Il piatto preferito? È scritto nel Dna…

Quali sono i tuoi piatti preferiti? Le preferenze a tavola, secondo quanto rivela uno dei primi studi su larga scala sui geni legati alla dieta, sono scritte nei geni. I ricercatori dell’Università del Colorado hanno scoperto quasi 500 geni che sembrano influenzare direttamente gli alimenti che mangiamo in uno studio presentato a Nutrition, il convegno in corso a Boston. I risultati rappresentano un passo importante verso l’utilizzo della genetica di una persona per sviluppare strategie nutrizionali personalizzate che aiutano a migliorare la salute o prevenire le malattie.

Sarà possibile creare profili genetici sensoriali?

«Alcuni geni che abbiamo identificato sono correlati a percorsi sensoriali – compresi quelli per gusto, olfatto e consistenza – e possono anche aumentare il senso di appagamento nel cervello – spiega il leader del gruppo di ricerca Joanne Cole – Poiché alcuni di questi geni possono avere percorsi chiari per influenzare la preferenza dei cibi, potrebbero essere potenzialmente utilizzati per creare profili genetici sensoriali per mettere a punto raccomandazioni dietetiche personalizzate».

300 geni coinvolti

Per lo studio, i ricercatori hanno utilizzato la biobanca del Regno Unito, che contiene dati di 500mila persone. L’analisi ha rivelato circa 300 geni direttamente associati al consumo di alimenti specifici e quasi 200 geni collegati a modelli dietetici che raggruppano vari alimenti, ad esempio l’assunzione complessiva di pesce o il consumo di frutta. «Lo studio ha mostrato che gli stili dietetici tendono ad avere effetti genetici più  indiretti, il che significa che sono correlati con molti altri fattor», afferma Cole.

Obiettivo: modificare le nostre preferenze a tavola

Al momento Cole sta studiando i geni correlati alla dieta appena identificati per comprendere meglio la loro funzione, lavorando anche per identificare un numero ancora maggiore di geni che influenzano direttamente le preferenze alimentari. Un esempio di possibile applicazione clinica della scoperta sarebbe quello di modificare le nostre preferenze a tavola per migliorare la dieta: «Se sappiamo che un gene per un recettore olfattivo nel naso aumenta il gusto di una persona per la frutta, allora si potrebbe modulare l’attività di quel recettore per rendere più attraente il consumo di frutta per quella persona».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Diabete: nuove linee guida per il trattamento delle malattie cardiovascolari

Sono state pubblicate le nuove linee guida per le malattie cardiovascolari nelle persone con diabete. Molti i temi trattati: dalla stratificazione del rischio cardiovascolare allo screening fino alla ...
Salute

Covid: in autunno vaccini «aggiornati», gratuiti per fragili. Siliquini (SItI): «Da circolare del ministero indicazioni chiare»

La Direzione Generale della Prevenzione del ministero della Salute ha diffuso una circolare con tutte le indicazioni per l'avvio della campagna nazionale di vaccinazione anti-Covid-19. «Era pi&u...
Salute

Gli alimenti ultra-processati danneggiano il cuore, +24% di rischio infarto

Due ampi studi presentati al congresso della Società europea di Cardiologia hanno dimostrato che il consumo di alimenti ultra-processati può aumentare il rischio di sviluppare problemi c...