Salute 23 settembre 2014

Il “Jet Set” della sanità europea a Milano

Le telecamere di Sanità Informazione all’atteso summit: protagonisti tutti i ministri della Salute della Ue e le grandi organizzazioni internazionali in ambito sanitario

Immagine articolo

Parterre de roi al MiCo di Milano dove tra ieri e oggi si sono riuniti tutti i ministri della Salute dei Paesi che fanno parte dell’Unione europea. L’incontro – esteso anche ad Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera e alle grandi Organizzazioni internazionali operanti nel settore sanitario come Ocse ed OMS – è una appuntamento classico che ogni Presidenza del Consiglio dell’Unione organizza durante il proprio semestre.

Toccati i temi più rilevanti del momento in ambito medico con particolare attenzione alle azioni che l’Ue sta mettendo in campo per contrastare l’epidemia causata dal virus Ebola.

Presenti i principali protagonisti della sanità internazionale, tra cui, padrona di casa dell’evento, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che, dopo essere intervenuta sul tema delle cure palliative e della terapia del dolore – definiti prioritari nell’agenda dei lavori  con l’obiettivo di eliminare le disparità di applicazione tra gli Stati dell’Unione – e sull’impiego di farmaci oppioidi in quest’ambito, ha affrontato la questione attualmente più scottante: l’emergenza Ebola.

Un miliardo di dollari: questa la cifra che l’ONU dovrà stanziare per gestire l’emergenza Ebola

“La situazione in Africa occidentale è molto critica, non solo dal punto di vista epidemiologico ma anche umanitario. L’OMS ha pronosticato 20mila nuovi casi in sei mesi, a meno che non si riesca intervenire con decisione, ed ha preventivato un miliardo di dollari alle Nazioni Unite per gestire entrambe le emergenze – sanitaria e umanitaria. Verrà coinvolto anche l’Esercito, e si cercherà di realizzare un vero e proprio sistema sanitario, la cui assenza – nei Paesi interessati – è stata la principale causa dello scoppio dell’epidemia. L’Europa ha già stanziato 150 milioni di euro, e anche l’Italia sta cooperando attivamente sul territorio per raggiungere l’obiettivo di 3000 posti letto in più. Ma, oltre al contagio, dobbiamo pensare al piano di evacuazione e recupero per le migliaia di operatori che verranno inviati, e ad apposite strutture di ricovero. A livello preventivo stiamo rendendo più stringente il controllo agli aeroporti e gli accertamenti nei confronti delle persone provenienti dai Paesi interessati”.

Un altro punto caldo, su cui è necessaria una riflessione a livello internazionale, è quello delle nuove tecnologie in Sanità…
“Qui l’Europa deve fare un salto di qualità, ed è stata questa la proposta partita dall’Italia. Le nuove scoperte hanno portato alla prima vera rivoluzione in medicina degli ultimi 15 anni, una rivoluzione già in atto a tutti gli effetti. Le sfide da affrontare riguardano il modo in cui reggere i costi – altissimi – di questa innovazione, che renderà necessaria un’alleanza tra investitori, pazienti e Stati membri. In secondo luogo, continuare ad attrarre investimenti sulla ricerca, intervenendo sul rapporto tra i finanziatori e gli Stati. Infine, incentivare l’innovazione e renderla accessibile: la discussione sul tema, affrontata oggi a livello europeo, costituirà la base delle prossime direttive”.

Articoli correlati
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Lotta alla peste suina africana, Giulia Grillo: «In pochi mesi risultati eccezionali, Sardegna merita sblocco export»
«Nelle prossime settimane sarò in Sardegna per incontrare anche gli allevatori e i lavoratori del comparto suinicolo che, grazie alla strategia messa in campo dalle autorità veterinarie regionali e dal ministero della Salute, hanno raggiunto risultati eccezionali nella lotta alla peste suina africana che tanto ha danneggiato il settore, imponendo vincoli all’export che hanno gravemente […]
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano