Salute 8 Aprile 2024 12:56

Il fumo passivo aumento il rischio di aritmie

Lo studio: anche piccole quantità di fumo passivo sono legate ad un maggior rischio di un grave disturbo del ritmo cardiaco, come la fibrillazione atriale. Nell’arco di 12,5 anni, 23.471 partecipanti, il 6% del totale, ha sviluppato la fibrillazione atriale

di I.F.
Il fumo passivo aumento il rischio di aritmie

“I pericoli del fumo passivo restano significativi in ogni luogo, a casa, all’aperto o al lavoro, l’esposizione aumenta sempre il rischio di fibrillazione atriale”. Lo afferma Kyung-Yeon Lee dell’Ospedale dell’Università Nazionale di Seul, Corea del Sud, autore di uno studio che ha indagato proprio la correlazione tra il fumo passivo e le aritmie. La ricerca, presentata all’Ehra 2024, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (Esc), rivela che anche piccole quantità di fumo passivo sono legate ad un maggior rischio di un grave disturbo del ritmo cardiaco, come appunto la fibrillazione atriale.

Coinvolte oltre 400mila persone

Lo studio ha incluso adulti di età compresa tra 40 e 69 anni. In totale, 400.493 persone. Gli esperti hanno chiesto ai partecipanti il numero di ore in cui erano stati esposti al fumo di altre persone nell’arco di una settimana. Circa il 21% dei partecipanti (85.984) era stato esposto al fumo passivo nell’anno precedente, con una media di esposizione di 2,2 ore a settimana. Nell’arco di 12,5 anni, 23.471 (6%) partecipanti ha sviluppato la fibrillazione atriale. È emerso che il gruppo esposto al fumo passivo ha un rischio del 6% maggiore di ammalarsi di fibrillazione atriale rispetto al gruppo non esposto.

Più si è esposti al fumo passivo, maggiore è il rischio

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più comune al mondo. I sintomi includono palpitazioni, mancanza di respiro, affaticamento e difficoltà a dormire. Si stima che una persona su tre in Europa svilupperà la condizione durante la propria vita. Le persone con fibrillazione atriale hanno cinque volte più probabilità di avere un ictus rispetto ai loro coetanei sani. I ricercatori hanno scoperto che esiste una relazione dose-dipendente, per cui più si è esposti al fumo passivo, maggiore è il rischio. Ad esempio, 7,8 ore di fumo passivo a settimana si associano a un rischio dell’11% maggiore di sviluppare il disturbo del ritmo cardiaco.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...