Salute 15 Dicembre 2023 10:25

HPV: In Italia 5mila nuove diagnosi all’anno. Gli specialisti: “Il nostro Paese può avere un futuro HPV-Free”

Le Associazioni firmatarie del “Manifesto per l’Eliminazione dei Tumori correlati all’HPV” rinnovano il loro appello alle Istituzioni: “Bisogna implementare il più possibile le attività di prevenzione primaria e secondaria e quindi vaccinazioni e programmi di screening”. Delineata una roadmap, promossa da SItI e Fondazione AIOM, per fare dell’Italia il primo Paese europeo ad eradicare il carcinoma cervicale

HPV: In Italia 5mila nuove diagnosi all’anno. Gli specialisti: “Il nostro Paese può avere un futuro HPV-Free”

“Bisogna implementare le attività di prevenzione primaria, secondaria e quindi le vaccinazioni e lo screening cervicale”: è questo l’appello lanciato dai rappresentanti dei clinici e dei pazienti firmatari del “Manifesto per l’eliminazione dei tumori correlati all’HPV” – Lega Italiana per la Lotta ai Tumori, Fondazione IncontraDonna, Consiglio Nazionale Giovani, Cittadinanzattiva, Federazione Italiana Delle Associazioni di Volontariato In Oncologia, ThinkYoung, ACTO Italia, Loto OdV e aBRCAdabra. In Italia si stimano 5mila nuove diagnosi di tumori causati dall’HPV di cui quasi la metà sono tumori della cervice uterina. 2.500 sono invece i decessi registrati per tutti i tumori dell’utero (corpo e cervice). Uno dei maggiori responsabili di queste diagnosi è il Papillomavirus umano (o HPV). Eliminare tutte le patologie oncologiche correlate all’HPV è però possibile e sta già avvenendo in alcuni Paesi come, per esempio, l’Australia.

Le iniziative in programma

Per dare una svolta concreta al “Manifesto” la Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) e la Fondazione AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) si impegneranno, nelle prossime settimane, in una serie d’iniziative. Sarà promossa una campagna nazionale di sensibilizzazione, soprattutto sui social media, per raggiungere giovani e genitori. L’obiettivo è favorire la prevenzione oncologica primaria e secondaria di tutti i tumori HPV correlati attraverso messaggi semplici e chiari. “Esiste da alcuni anni un vaccino che ha dimostrato tutta la sua efficacia nel rendere inoffensivo il virus – aggiunge Roberta Siliquini, Presidente della SItI -. Tuttavia, i dati del Ministero della Salute sono ancora preoccupanti e la copertura vaccinale media per HPV è al di sotto delle soglie ottimali previste dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2023-2025. Dobbiamo riscontrare inoltre un’eccessiva variabilità tra le diverse Regioni e in quasi tutte le coorti d’età. Per esempio, si passa dal 4% di maschi immunizzati in Friuli-Venezia Giulia per la coorte di nascita 2009 all’oltre l’80% registrato tra le femmine in Calabria per la coorte di nascita 2009. L’Italia potrebbe diventare il primo Paese europeo a eliminare il tumore della cervice uterina entro il 2030. Il nostro sistema sanitario nazionale universale ha le potenzialità per conseguire gli obiettivi fissati dall’OMS: 90% di copertura della vaccinazione da HPV e 90% di donne eleggibili che si sottopongono a screening cervicale. Vogliamo dare il nostro contributo per incentivare in tutta la Penisola l’immunizzazione”.

Un futuro che siHPV-free

“L’HPV è anche responsabile dell’88% di tutti i tumori anali e del 70% di quelli vaginali – afferma il prof. Saverio Cinieri, Presidente di Fondazione AIOM -. Sono altre 1.100 neoplasie l’anno che potremmo evitare con tutto ciò che ne consegue anche a livello di salute pubblica e di impegno di risorse del nostro servizio sanitario nazionale. Questo insidioso agente patogeno può essere neutralizzato grazie ad alcuni semplici accorgimenti, in primis l’utilizzo del preservativo durante tutti i rapporti sessuali. Ma per risolvere il problema alla radice sono necessari interventi mirati soprattutto per quanto riguarda gli screening. Il Pap-test è stato introdotto a partire dagli anni ’70 e recentemente è stato affiancato dall’HPV-test. Sono questi i principali fattori di riduzione dell’incidenza e della mortalità del carcinoma della cervice uterina. Tuttavia, in Italia meno dell’80% delle donne esegue questi esami che possono essere svolti in forma volontaria o all’interno di percorsi organizzati. Per esempio, solo il 37% delle donne invitate si sottopongono effettivamente allo screening cervicale gratuito offerto dalle Regioni. Si riscontrano però forti differenze sia a livello territoriale che generazionale. Nel terzo anniversario della call to action lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, rinnoviamo perciò il nostro appello per un futuro che siHPV-free”.

L’appello delle associazioni

“I tumori correlati all’HPV sono un gravissimo problema di salute pubblica. Per questo motivo lavoriamo tutti i giorni al fianco dei cittadini per sensibilizzare e informare sull’importanza della prevenzione – sottolineano le associazioni del gruppo HPV -. Tuttavia, questo sforzo non basta. Serve rafforzare la sinergia con le Istituzioni, e il Manifesto per l’eliminazione dei tumori HPV-correlati va esattamente in questa direzione, tracciando alcune azioni concrete che possono essere attuate per raggiungere gli obiettivi di eliminazione. L’Italia deve vincere questa sfida e diventare il primo Paese europeo a eliminare il tumore della cervice uterina entro il 2030”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.