Salute 25 Giugno 2021 16:31

Guido Rasi racconta la Generazione V: «Conoscenza e formazione i cardini per la gestione di qualsiasi sfida»

Intervista all’autore del libro “Generazione V – Virus, Vaccini e Varianti. Viaggio nella nuova normalità” sul progetto formativo portato avanti con Consulcesi. Tortorella: «Tutto è iniziato nel 2016 con la proposta di un film, proprio sui vaccini…»

Un’analisi degli ultimi mesi che non risparmia critiche a nessuno e che offre utili spunti e lezioni da ricordare per affrontare al meglio le emergenze sanitarie che potrebbero verificarsi nei prossimi anni. È “Generazione V – Virus, Vaccini e Varianti. Viaggio nella nuova normalità” (Paesi Edizioni) del professor Guido Rasi, già direttore esecutivo dell’EMA, oggi consulente del Commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo (che ha firmato la prefazione del volume) e direttore scientifico di Consulcesi. Un libro che è anche un corso di formazione ECM per medici e professionisti sanitari, un e-book, un audiolibro. «La punta di diamante della nostra collana di corsi dedicata al Covid-19», lo definisce il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella.

Formazione, informazione e comunicazione

Un progetto che ruota quindi attorno all’informazione e all’aggiornamento del personale sanitario, perché sono proprio «il sapere ed il trasferimento della conoscenza, quindi la formazione, i cardini su cui si basa la gestione di qualsiasi sfida. È questa la lezione più importante che abbiamo imparato dalla pandemia», precisa Rasi.

Ma il trasferimento della conoscenza passa anche dalla comunicazione, specialmente istituzionale, ampiamente criticata dal professore: «Tutto è stato affidato alla casualità della percezione e a trend e hashtag in voga sui social network. Si è cioè proceduto inseguendo anziché dirigendo la comunicazione», si legge in Generazione V, che non risparmia nemmeno «esperti star» e media, «ciascuno dei quali si è dotato di un suo “guru personale” tra il bouquet di scienziati disponibili su piazza, che non solo non sono stati coordinati da alcun ente, ma quasi sempre hanno espresso posizioni divergenti, generando una comunicazione contraddittoria».

«Ma il problema è a monte – prosegue Rasi nel libro – e non va imputato soltanto all’aspetto comunicativo. Esso consiste anzitutto nella mancata formazione e verifica degli aggiornamenti professionali per gli operatori sanitari, così come concepito dal sistema Ecm, l’Educazione continua in medicina (…). E quando questa viene a mancare, ecco che si creano vulnus poi difficili da sanare».

Focus sui vaccini, sin dal 2016

È proprio da qui che nasce allora la collaborazione con Consulcesi ed il provider Sanità in-Formazione. «Siamo onorati di avere una persona tanto illustre e autorevole come Guido Rasi alla guida del nostro comitato scientifico per convalidare la qualità dei nostri progetti formativi», spiega Tortorella, che quindi racconta com’è nato questo legame: «Ci incontrammo a Londra nel 2016, quando il professor Rasi era ancora direttore dell’Ema, per proporgli un film dedicato ai vaccini». Certo è che nessuno, allora, avrebbe potuto immaginare che cinque anni dopo i due si sarebbero trovati di nuovo insieme a presentare un libro che ha tra i protagonisti la campagna vaccinale più maestosa di sempre per sconfiggere una pandemia. «Si trattava di un progetto molto nobile – aggiunge Rasi –, da cui ho capito la grande forza innovativa del gruppo Consulcesi».

Un’innovazione che passa, appunto, da progetti formativi che consentono di coniugare qualità, interazione e comodità: «Io so che molti colleghi non hanno tempo da dedicare all’aggiornamento continuo – prosegue il professore -. La buona notizia è che oggi ci sono metodologie che sono altrettanto efficaci della formazione tradizionale e che hanno il grande vantaggio di consentire di imparare in fretta quando si vuole, senza dover collimare i propri orari con quelli di altri. Nonostante non sia più giovanissimo, ne sto apprezzando anche io la semplicità. Credo che questi metodi faranno la differenza nel futuro e incoraggio tutti a sperimentarli».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Mese della prevenzione del tumore al seno. Petrella (Consulcesi): «Troppa disparità tra Nord e Sud»
L’oncologo e docente Consulcesi: «Necessario potenziare prevenzione e diagnosi precoce»
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni