Salute 2 Dicembre 2022 12:44

Gravidanza, la dolce attesa non trasforma solo il corpo ma anche il cervello

Una ricerca olandese pubblicata su Nature Communications ha dimostrato che in gravidanza il cervello delle donne cambia e che questo mutamento dura almeno un anno dopo il parto. Cappa: «Si usa la risonanza magnetica funzionale nel tentativo di “leggere” il cervello, puntando ad anticipare le conseguenze di alcuni cambiamenti cerebrali, come la depressione post-partum. Ma la strada è ancora lunga»

Quando una donna è in dolce attesa non è solo il suo corpo a trasformarsi, cambia anche il cervello. A dimostrarlo una ricerca olandese pubblicata, di recente, su Nature Communications e condotta dalla professoressa Elseline Hoekzema dell’Amsterdam University Medical Center. «È uno studio unico nel suo genere – commenta Stefano Cappa, professore di neurologia presso l’Istituto Universitario Studi Superiori di Pavia IUSS e IRCCS Fondazione Mondino -. Non ci sono ricerche precedenti che dimostrino l’influenza degli ormoni sulla modificazione di struttura e funzioni del cervello delle donne in gravidanza».

Lo studio

Per comprendere se e come la gravidanza sia in grado di modificare il cervello, gli studiosi hanno esaminato 40 donne prima, durante e dopo il parto. «I ricercatori – continua Cappa – hanno utilizzato la risonanza magnetica anatomica, attraverso la quale hanno osservato i cambiamenti nell’organizzazione della rete neurale. Questo mostra che la donna in dolce attesa ha una plasticità cerebrale capace di offrire dei vantaggi in termini di adattamento al suo nuovo ruolo di madre. Confrontando le immagini dei referti precedenti, contemporanei e successivi alla gravidanza, i ricercatori hanno trovato una maggiore connettività funzionale nel Default Mode Network, ovvero quella rete neurale estremamente ampia, formata da varie regioni cerebrali distinte tra loro, che sincronizzano la loro attività quando il soggetto si trova vigile, con gli occhi chiusi e non attivamente coinvolto in compiti specifici».

I cambiamenti del cervello

La maggiore attività e interconnessione, che dura almeno un anno dopo il parto, non è l’unico risultato evidenziato dai ricercatori: sono state osservate modificazione del volume e dell’architettura della materia grigia, nella microstruttura della materia bianca, nelle concentrazioni dei metaboliti neurali. Rilevata anche una correlazione tra l’attività funzionale del cervello materno e l’entità del legame madre-figlio dopo la nascita del piccolo. Ma qualunque sia il cambiamento indotto dagli ormoni, non sono mai definitivi. A dimostrarlo i risultati della risonanza magnetica dopo un aborto: le immagini hanno mostrato che il cervello delle donne che hanno subito un’interruzione di gravidanza sono tornati ad essere paragonabili ai cervelli di coloro che hanno mai avuto una gestazione.

Una chiave per predire la depressione post-partum?

Questi risultati potrebbero essere la chiave anche per spiegare, se non addirittura predire, i problemi post-partum, come la depressione. Altri studi, infatti, avevano messo in evidenza come il Default Mode Network si disattivi in certi compiti e che in assenza di richieste cognitive può convertirsi in Task-negative network, mostrando un ruolo nella depressione così come nelle demenze e nei disturbi dello spettro autistico. «Molti ricercatori si avvalgono della risonanza magnetica funzionale nel tentativo di “leggere” il cervello. E, senza dubbio, la strada che si intende percorre è quella di poter anticipare le conseguenze che alcuni cambiamenti cerebrali possono avere sull’individuo, come le depressioni che possono insorgere post-partum. Ma -conclude il professor Cappa – siamo senza dubbio ancora abbastanza lontani dal raggiungimento di questi obiettivi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...