Salute 7 Maggio 2019

Giornata Ostetriche, al via il “Virtual International Day of the Midwife”: 24 ore di eventi in diretta online da tutto il mondo

Pellegrini (ostetrica): «Un giorno dedicato alle donne, ma anche alla nostra professione. Chiediamo la diffusione del modello monoprofessionale, l’implementazione dei punti nascita per gravidanze a basso rischio ed il ritorno ad una formazione quinquennale»

di Isabella Faggiano

«Un’amica competente, un punto di riferimento per la Sanità, una professionista che accompagna la donna durante tutti i cicli della sua vita e non solamente nel periodo della gravidanza». È cosi che Maria Grazia Pellegrini, capo ostetrica presso la Casa di Cura Villa Margherita di Roma e revisore dei conti dell’Ordine delle Ostetriche del Lazio, descrive il ruolo delle ostetriche, in occasione della Giornata Internazionale dedicata a questa professione sanitaria.

Ideata dalla Confederazione Internazionale delle Ostetriche, durante la conferenza olandese del 1987, la Giornata Internazionale delle Ostetriche è stata celebrata per la prima volta il 5 maggio del 1991 e, da allora, è una ricorrenza fissa in più di 50 nazioni in tutto il mondo, Italia compresa.  Per 24 ore si terrà il “Virtual International Day of the Midwife”:  ogni ora, a seconda del fuso orario di appartenenza, saranno presentati una serie di eventi live sulla piattaforma online dedicata. (Per gli appuntamenti italiani clicca qui).

«Offrire informazioni su gravidanza e allattamento, prevenzione dei tumori del collo dell’utero e del seno, protezione del perineo, insegnare le manovre di soccorso per le disostruzione delle vie aeree – spiega l’ostetrica – sono solo alcune delle attività in cui la nostra categoria professionale sarà impegnata durante la celebrazione della Giornata Internazionale. Un momento di sensibilizzazione per spiegare e ricordare ai cittadini tutti i servizi offerti dal Sistema Sanitario, ma anche di festa affinché tutte le donne possano entrare in relazione con la figura dell’ostetrica, comprendendone i suoi molteplici ruoli, pure al di fuori della sala parto».

Un giorno importante in cui le ostetriche tornano a parlare anche di alcuni argomenti molti cari alla categoria: la diffusione del modello monoprofessionale, l’implementazione dei punti nascita per gravidanze a basso rischio ed il ritorno ad una formazione quinquennale.

LEGGI ANCHE: OSTETRICHE, IN ITALIA SEMPRE MENO IN ORGANICO. NADIA ROVELLI (MILANO): «ADOTTARE MODELLO DI PRESA IN CARICO DELLA MADRE. OGGI 3 OSTETRICHE PER 3MILA PARTI»

Maria Grazia Pellegrini ha sperimentato per molti anni della sua carriera il modello monoprofessionale, testandone personalmente funzionamento ed efficacia: «Ho lavorato a lungo in un ospedale pubblico – racconta –  e, nell’arco di 15 anni, le ostetriche della struttura sono state promotrici di una vera e propria rivoluzione creando un contatto esclusivo con le donne durante tutto il percorso di cura e assistenza: dalla sala parto, alla ginecologia, fino agli ambulatori ed all’assistenza al neonato. L’ostetrica – commenta Maria Grazia Pellegrini – è l’unica figura sanitaria ad avere un ciclo formativo dedicato unicamente alla salute della donna ed è, pertanto, pronta a rispondere alle sue esigenze più di chiunque altro». Ma la salute della donna non è l’unica a beneficiare di questo modello professionale: «Da un punto di vista aziendale – spiega l’ostetrica – risulta essere il più economico. Tanto che, pur essendo diffuso ancora a macchia di leopardo, si sta pian piano facendo spazio in molte realtà italiane: maggiormente utilizzato al nord, con degli esempi al centro è ora in via di sviluppo anche al centro-sud».

Aumentare i punti nascita a basso rischio ostetrico è un’altra delle esigenze espresse dalla categoria: «La letteratura internazionale – dice l’esperta – ha dimostrato che le donne in gravidanza a basso rischio ostetrico seguite dalle ostetriche hanno parti più sereni e sicuri, con una buona risposta anche dal punto di vista del benessere del bambino. Per tale motivo, è necessario separare a priori le gravide che hanno problematiche di salute (ad alto rischio ostetrico) da quelle che non ne hanno (a basso rischio ostetrico), riservando ad ognuna il percorso più adatto alle proprie esigenze».

E perché una donna, anche se in buona salute, dovrebbe prediligere un punto nascita a basso rischio ostetrico piuttosto che un ospedale? «Poiché – sottolinea l’ostetrica – è stato dimostrato che se una gravidanza a basso rischio viene seguita dalle ostetriche, ovviamente con dei protocolli molto rigidi e condivisi con i medici, rischia molto meno da un punto di vista sanitario, rispetto alle gravide nella stessa condizione di basso rischio assistite in una struttura ospedaliera che, per mentalità, tende a medicalizzare sia travaglio che parto. La medicalizzazione eccessiva può nuocere alla mamma ed al bambino, così come dimostrato da molte pubblicazioni scientifiche internazionali».

Il lavoro dell’ostetrica è, dunque, complesso e multidisciplinare e, come tale, richiede un adeguato percorso formativo: «Tre anni sono troppo pochi – sottolinea Maria Grazia Pellegrini -. Le ostetriche non chiedono nient’altro che tornare dov’erano: ad una formazione quinquennale. Io stessa – continua l’esperta – che sono “una vecchia ostetrica” ho seguito un corso di formazione di cinque anni. Oggi, difficilmente gli studenti raggiungono il loro traguardo in un triennio: la media è generalmente di quattro anni. Pertanto, ritornare ad un modello quinquennale – conclude – ci permetterebbe di offrire, oltre che un tirocinio, anche una preparazione teorica di qualità».

Articoli correlati
Gravidanza e Covid, durante il lockdown 90% in meno di parti prematuri
Lo studio incrociato a livello europeo. Vaccari (Fnopo): «Riposo, cura di sè e vicinanza agli affetti proteggono madre e bambino»
Seconda giornata sicurezza delle cure, Fnopo: «Sicurezza ostetriche, donne e bambini vera priorità»
La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica aderisce e partecipa attivamente alla seconda Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute con un proprio hashtag: #sicurezzaostetricheesicurezzadonneebambini
Recovery Plan, Fnopo: «Riorganizzare il territorio con ostetrica di famiglia e comunità»
L'appello della Federazione al governo per rimettere al centro salute di genere e denatalità: l'ostetrica di famiglia e comunità per sostenere le donne e i loro bisogni
Partorire senza accorgersene: un fenomeno rarissimo “spia” di alcune problematiche
Vicario (FNOPO): «Il parto completamente indolore è causato da incontinenza cervico-istmica e raccorciamento uterino, che predispongono anche a poliabortività e parti pretermine»
Fnopo su legge 251/2000: «Norma sia applicata a tutte le aree di professioni sanitarie e sociosanitarie»
A 20 anni dalla promulgazione della legge 251/2000, Maria Vicario (presidente Fnopo): «Urgente rivisitazione politica e sindacale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare