Salute 18 Settembre 2023 13:28

Giornata mondiale per la sicurezza delle cure, Oms: «Se non garantite si perdono cinque vite ogni minuto»

La giornata mira ad influenzare le parti interessate, inclusi pazienti, famiglie, responsabili politici, leader sanitari, operatori sanitari e organizzazioni di pazienti a lavorare in modo collaborativo verso la co-progettazione di politiche sanitarie e interventi di sicurezza che riflettano veramente le esigenze e le preferenze dei pazienti, migliorando in definitiva la sicurezza sanitaria a livello globale

di I.F.
Giornata mondiale per la sicurezza delle cure, Oms: «Se non garantite si perdono cinque vite ogni minuto»

Ogni minuto almeno cinque vite vengono perse a causa di un’assistenza sanitaria non sicura. In questo il coinvolgimento dei pazienti e delle famiglie è una strategia fondamentale e può portare a una potenziale riduzione del peso del danno fino al 15%, salvando innumerevoli vite e miliardi di dollari ogni anno. È questo il messaggio che l’Organizzazione mondiale della Sanità ha diffuso in occasione della Giornata mondiale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, che dal 2019 si celebra il 17 settembre.

L’importanza della sicurezza delle terapie

L’Istituto superiore di Sanità ha partecipato alla giornata postando il messaggio: “La sicurezza del paziente dipende da terapie sicure”. «La salute – scrive l’Iss – è un bene prezioso ed è cruciale il ruolo dell’assistito e di tutti coloro che se ne prendono cura». Il coinvolgimento dei pazienti e delle famiglie è stato incorporato come principio fondamentale nella risoluzione dell’Assemblea mondiale della sanità sull’azione globale per la sicurezza dei pazienti e nel piano d’azione globale per la sicurezza dei pazienti 2021-2030. Lo slogan dell’edizione di quest’anno è “Elevare la voce dei pazienti!”.

Il coinvolgimento dei pazienti

La giornata mira in particolare, spiega l’Oms, a influenzare le parti interessate, inclusi pazienti, famiglie, responsabili politici, leader sanitari, operatori sanitari e organizzazioni di pazienti a lavorare in modo collaborativo verso la co-progettazione di politiche sanitarie e interventi di sicurezza che riflettano veramente le esigenze e le preferenze dei pazienti, migliorando in definitiva la sicurezza sanitaria a livello globale. E allora l’Oms chiama all’azione. «Sii un partner attivo nella tua assistenza sanitaria – scrive – la sicurezza inizia da te». Come? Ecco alcuni passaggi fondamentali indicati dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità: fare domande, esprimere un’opinione, condividere esperienze, decidere insieme.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...