Salute 28 Giugno 2021 12:24

Giornata della Sclerodermia, la malattia non tarpa le ali ai sogni. La storia di mamma Gabriella

Si celebra il 29 giugno di ogni anno, in tutto il mondo. La presidente Ails: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri»

di Isabella Faggiano

«Io sono la mia passione, non la mia malattia». Gabriella, stringendo tra le braccia la sua piccola Alessandra, pronuncia queste parole con tono convito e il volto sorridente. Gabriella è affetta da sclerodermia dall’età di 13 anni. Oggi ne ha 38. Insieme ad altre persone, uomini e donne con la stessa patologia, ha prestato la sua immagine per la campagna ideata da FESCA, la Federazione delle Associazioni Europee per la Sclerodermia, in occasione della Giornata della Sclerodermia, che si celebra, in tutto il mondo, il 29 giugno di ogni anno.

La malattia

La sclerodermia, nota anche come sclerosi sistemica, è una malattia reumatica autoimmune rara e cronica che colpisce il corpo indurendo il tessuto connettivo. La pelle e gli organi interni possono essere danneggiati da questa malattia che può anche avere un esito letale. Attualmente non esiste una cura, ma sono disponibili trattamenti efficaci per i singoli organi. Può manifestarsi a qualsiasi età, con una maggiore frequenza tra le donne di 30-50 anni. La diagnosi precoce è fondamentale.
La campagna di sensibilizzazione, per la quale sono stati realizzati un video e altri materiali grafici che saranno condivisi da 26 associazioni membri in 20 paesi, nasce sia per aumentare la conoscenza di questa patologia rara, sia per valorizzare ciò che ogni paziente fa nella propria vita, mostrando la propria passione, ciò che lo fa sorridere e che lo aiuta a combattere e superare la malattia.

La forza dell’amore

Grabriella Verzì, presidente dell’Ails, l’Associazione italiana lotta alla sclerodermia Onlus, combatte a testa alta, ogni giorno da 25 anni, contro la sua malattia. Prima grazie all’aiuto di suo marito, ora anche attraverso l’amore della sua bambina. «Ho conosciuto mio marito nel 2004 – racconta – e prima di qualsiasi altra cosa, gli ho raccontato della mia patologia. L’ho messo in guardia, ma lui ha deciso ugualmente di rimanermi accanto. A 21 anni ho affrontato la sfida più difficile della mia vita». La sclerodermia era diventata troppo aggressiva e un autotrapianto di cellule staminali, per Gabriella, poteva essere l’unica salvezza. «Ho trascorso 30 giorni in ospedale. Interminabili. Di notte non mi addormentavo perché avevo paura di non risvegliarmi. Il mio sistema immunitario era azzerato e temevo che qualsiasi cosa potesse uccidermi. E, invece, quelle lunghe notti in bianco sono finite ed io sono tornata a casa, sana e salva».

I sogni diventano realtà

Per Gabriella è cominciata una seconda vita, una seconda opportunità che sentiva di non dover sprecare. Così ha deciso di dedicarsi ai suoi sogni, alle sue passioni. «Da 17 anni sono membro dell’Ails, associazione che oggi presiedo con orgoglio. Essere stata eletta presidente è stata una soddisfazione immensa». Una gioia certamente enorme, ma non come quella di diventare madre. Gabriella era disposta a dare la sua vita pur di metterne al mondo un’altra: «Ho dovuto sospendere le terapie ed essere costantemente monitorata da un’equipe di specialisti: reumatologo, cardiologo, pneumologo, anestesista, ginecologo. E grazie all’aiuto di tutti ce l’ho fatta: il 31 agosto di 4 anni fa è nata la mia splendida Alessandra. Nessuno credeva che potessi farcela ed invece il mio sogno è diventato realtà».

Oltre la malattia

Ora mamma e figlia sono inseparabili, tanto che, mentre Gabriella ci racconta la sua storia, di tanto in tanto, il microfono capta la dolce voce della piccola Alessandra che, senza dubbio, avrebbe molte cose da raccontare. E chissà, se quando sarà più grande anche lei vorrà raccontare la sua esperienza, convincendo tutte le persone che soffrono a non mollare: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi – ammette mamma Gabriella -. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri. Con coraggio e determinazione i sogni possono davvero diventare realtà». Lo ribadisce con forza, stringendo a sé il suo orgoglio, il suo sogno in carne ed ossa.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Inquinamento: l’UE boccia l’Italia e la Corte la condanna
Miani (SIMA): «La prima causa d’inquinamento atmosferico in Italia è la combustione per il riscaldamento degli edifici, al secondo posto ci sono gli allevamenti intensivi, al terzo il traffico veicolare. Necessario un cambio di rotta immediato: se dovessimo incentivare da domani l’acquisto di auto elettriche ci vorranno almeno 10 anni prima che ogni italiano ne abbia una»
Tumore al seno HER2+ metastatico: FDA approva trastuzumab deruxtecan per pazienti trattate con terapia a base di anti-HER2
L’approvazione FDA per trastuzumab deruxtecan amplia l'indicazione dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca per un uso più precoce (seconda linea) nel trattamento del carcinoma mammario metastatico
Liste d’attesa infinite e i cittadini rinunciano alle cure, allarme di Cittadinanzattiva
Secondo il «Rapporto civico sulla salute 2022. I diritti dei cittadini e il federalismo sanitario» di Cittadinanzattiva 1 cittadino su 3 rinuncia alle cure. Ritardi in esami, screening e interventi chirurgici
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...