Salute 21 Febbraio 2018

Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità

Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»

Immagine articolo

Il senatore Antonio De Poli è un politico di lungo corso. Oggi è presidente dell’Unione di centro guidata da Lorenzo Cesa, ma in passato è stato europarlamentare e assessore alle Politiche Sociali della Regione Veneto, oltre che sindaco di Carmignano del Brenta (Padova), sempre per lo scudocrociato. A Palazzo Madama approda nel 2006, nella turbolenta legislatura del secondo governo Prodi, riconfermato nel 2008 e nel 2013, divenendo anche Questore del Senato. È candidato per la lista “Noi con l’Italia – Udc” nel collegio senatoriale di Padova. Ha particolarmente a cuore il tema della carenza dei medici: «Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica» afferma a Sanità Informazione.

Noi con L’Italia – UDC si presenta come forza moderata ancorata ai valori cattolici, come più volte ribadito dal segretario Lorenzo Cesa. Come si coniuga questo nell’ambito della Sanità? Qual è il provvedimento più urgente da adottare sul tema nella prossima legislatura?

«Nel solco dei nostri valori vogliamo fortemente garantire il diritto alla salute, attraverso azioni concrete, un intervento strategico nella triplice dimensione: preventiva, curativa e riabilitativa. Bisogna investire sul personale, migliorare i servizi (ridurre le liste di attesa), facilitare l’accesso alle cure. Saranno questi gli impegni che porteremo al prossimo Governo. Ricordiamo che il Fondo sanitario nazionale è aumentato in valore assoluto di 900 milioni ma, purtroppo, in parallelo, sono aumentate anche le spese per le Regioni: il Governo ha infatti stabilito l’obbligo per le Regioni di fornire farmaci innovativi e oncologici ad alto costo. Infine, bisogna intervenire per ridurre le liste di attesa. Far passare 120 giorni (4 mesi) per una mammografia non è da paese civile. Il problema delle liste d’attesa crea un divario enorme tra chi può permettersi di ricorrere alla medicina privata e chi invece non può. C’è chi rinuncia a curarsi o chi è costretto a indebitarsi. Secondo il CENSIS 31 milioni di italiani si sono trovati intrappolati nelle liste d’attesa: il 72% di questi al Sud».

Pochi giorni fa uno studio Fimmg – Anaao ha lanciato l’allarme sulla carenza di medici che potrebbe verificarsi in futuro a causa dei pensionamenti: si calcola che nei prossimi 5 anni verranno a mancare 45mila camici bianchi. Condivide l’allarme e cosa si potrebbe fare per fronteggiare questa emergenza?

«Condividiamo l’allarme anche perché i dati sono preoccupanti: il 40 % dei medici andrà in pensione nei prossimi 10 anni, con il rischio della desertificazione delle corsie. Il primo passo per fronteggiare questa emergenza è bilanciare i pensionamenti con nuove assunzioni, migliorare l’assistenza territoriale e puntare soprattutto sulla formazione dei medici. Secondo le proiezioni, infatti, 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica. Laureiamo 8500 medici e ne specializziamo 6.500! Basterebbe colmare questa incongruenza e portare i contratti di specializzazione a 8.500 e in 5 anni avremmo recuperato 10.000 specialisti, compresi i medici di medicina generale!».

Il tema dei vaccini è entrato in pieno nel dibattitto politico di questa campagna elettorale. Su questo tema sembrano esserci sensibilità diverse all’interno del centrodestra. Qual è la posizione di Noi con L’Italia UDC sul tema?

«Questo è un tema che non va strumentalizzato in campagna in elettorale. Serve responsabilità. Noi stiamo dalla parte dei medici e della scienza e soprattutto siamo favorevoli affinché si trovi una soluzione a tutela della salute dei cittadini. Sulla questione dell’obbligo riteniamo che possa esserci un supplemento di riflessione visto che, ad esempio, in Veneto – che è la Regione dove io vivo – non è previsto ma nonostante ciò c’è una copertura di vaccinazioni molto alta. Per questo bisogna intervenire ed avviare un’azione culturale per tutelare la salute dei nostri figli».

Articoli correlati
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2900 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
Amsi: «400 medici, 300 infermieri e 150 fisioterapisti richiesti all’Amsi dal 2018 nella Regione Lazio»
«Nel 2025 mancheranno 15 mila medici nella Regione Lazio che è tra le prime in Italia come numero di strutture sanitarie pubbliche e private» così Foad Aodi, presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) con la collaborazione del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, anticipando alcune statistiche importanti e costruttive che saranno presentate durante […]
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...