Salute 21 Febbraio 2018

Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità

Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»

Immagine articolo

Il senatore Antonio De Poli è un politico di lungo corso. Oggi è presidente dell’Unione di centro guidata da Lorenzo Cesa, ma in passato è stato europarlamentare e assessore alle Politiche Sociali della Regione Veneto, oltre che sindaco di Carmignano del Brenta (Padova), sempre per lo scudocrociato. A Palazzo Madama approda nel 2006, nella turbolenta legislatura del secondo governo Prodi, riconfermato nel 2008 e nel 2013, divenendo anche Questore del Senato. È candidato per la lista “Noi con l’Italia – Udc” nel collegio senatoriale di Padova. Ha particolarmente a cuore il tema della carenza dei medici: «Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica» afferma a Sanità Informazione.

Noi con L’Italia – UDC si presenta come forza moderata ancorata ai valori cattolici, come più volte ribadito dal segretario Lorenzo Cesa. Come si coniuga questo nell’ambito della Sanità? Qual è il provvedimento più urgente da adottare sul tema nella prossima legislatura?

«Nel solco dei nostri valori vogliamo fortemente garantire il diritto alla salute, attraverso azioni concrete, un intervento strategico nella triplice dimensione: preventiva, curativa e riabilitativa. Bisogna investire sul personale, migliorare i servizi (ridurre le liste di attesa), facilitare l’accesso alle cure. Saranno questi gli impegni che porteremo al prossimo Governo. Ricordiamo che il Fondo sanitario nazionale è aumentato in valore assoluto di 900 milioni ma, purtroppo, in parallelo, sono aumentate anche le spese per le Regioni: il Governo ha infatti stabilito l’obbligo per le Regioni di fornire farmaci innovativi e oncologici ad alto costo. Infine, bisogna intervenire per ridurre le liste di attesa. Far passare 120 giorni (4 mesi) per una mammografia non è da paese civile. Il problema delle liste d’attesa crea un divario enorme tra chi può permettersi di ricorrere alla medicina privata e chi invece non può. C’è chi rinuncia a curarsi o chi è costretto a indebitarsi. Secondo il CENSIS 31 milioni di italiani si sono trovati intrappolati nelle liste d’attesa: il 72% di questi al Sud».

Pochi giorni fa uno studio Fimmg – Anaao ha lanciato l’allarme sulla carenza di medici che potrebbe verificarsi in futuro a causa dei pensionamenti: si calcola che nei prossimi 5 anni verranno a mancare 45mila camici bianchi. Condivide l’allarme e cosa si potrebbe fare per fronteggiare questa emergenza?

«Condividiamo l’allarme anche perché i dati sono preoccupanti: il 40 % dei medici andrà in pensione nei prossimi 10 anni, con il rischio della desertificazione delle corsie. Il primo passo per fronteggiare questa emergenza è bilanciare i pensionamenti con nuove assunzioni, migliorare l’assistenza territoriale e puntare soprattutto sulla formazione dei medici. Secondo le proiezioni, infatti, 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica. Laureiamo 8500 medici e ne specializziamo 6.500! Basterebbe colmare questa incongruenza e portare i contratti di specializzazione a 8.500 e in 5 anni avremmo recuperato 10.000 specialisti, compresi i medici di medicina generale!».

Il tema dei vaccini è entrato in pieno nel dibattitto politico di questa campagna elettorale. Su questo tema sembrano esserci sensibilità diverse all’interno del centrodestra. Qual è la posizione di Noi con L’Italia UDC sul tema?

«Questo è un tema che non va strumentalizzato in campagna in elettorale. Serve responsabilità. Noi stiamo dalla parte dei medici e della scienza e soprattutto siamo favorevoli affinché si trovi una soluzione a tutela della salute dei cittadini. Sulla questione dell’obbligo riteniamo che possa esserci un supplemento di riflessione visto che, ad esempio, in Veneto – che è la Regione dove io vivo – non è previsto ma nonostante ciò c’è una copertura di vaccinazioni molto alta. Per questo bisogna intervenire ed avviare un’azione culturale per tutelare la salute dei nostri figli».

Articoli correlati
Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»
La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire», sottolinea il segretario generale della Cosmed
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Roma, al Gemelli Antonio Monda conversa con pazienti, medici e studenti su verità e fake news
Giovedì 21 marzo, alle ore 16, la Sala MediCinema del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma ospiterà Antonio Monda, scrittore e docente di cinema presso la New York University e direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, per una conversazione con pazienti, medici, operatori sanitari e studenti su verità e fake news. L’occasione di questa speciale conversazione è l’uscita del […]
Sanità e lavoro, Saccone (Udc): «Con Quota 100 rischio buchi in organico Ssn»
Il Senatore e segretario regionale del Lazio ai nostri microfoni spiega quali sono i rischi per il settore sanitario derivanti da un elevato numero di pensionamenti
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...